DIETA A BASE DI FIBRA – CONTE HA CHIESTO ALL'ENEL DI STARACE E ALLA CDP DI PALERMO DI “RISOLVERE LA FUSIONE TIM-OPEN FIBER” – GUBITOSI VORREBBE CHE CDP SCAMBI IL SUO 50% DI OPEN FIBER IN TITOLI TIM. MA COSÌ LO STATO DIVENTEREBBE PRIMO AZIONISTA E SI DOVREBBE ACCOLLARE PURE I DEBITI – POI C’È LA GRANDE COMPLICAZIONE RAPPRESENTATA DA BOLLORE', CHE VUOLE SOLO UNA COSA: MASSIMIZZARE L’INVESTIMENTO

-

Condividi questo articolo

giuseppe conte al telefono giuseppe conte al telefono

Alessandro Barbera per “la Stampa”

 

Il messaggio lo rivolge con lo sguardo dritto ai due manager impegnati nella partita, Francesco Starace di Enel e Fabrizio Palermo per Cassa depositi e prestiti poco prima della pausa pranzo. «E mi raccomando, risolviamo il problema della rete unica». Giuseppe Conte ha ascoltato per cinque ore i capi azienda di tutte le società partecipate dallo Stato.

 

francesco starace francesco starace

C'è chi presenta «piani green» (quello di Eni per superare la dipendenza dal combustibile fossile) chi parla del Ponte sullo Stretto (la fuga in avanti del numero uno di Ferrovie). Il premier ha in testa un solo argomento: la mai ottenuta fusione fra le due società che investono nella fibra ottica, Tim e Open Fiber.

 

Cassa depositi e prestiti è azionista di entrambe, Enel della seconda. Fu proprio Starace - spinto dall'allora premier Matteo Renzi - a credere nella nascita del concorrente che doveva costringere Tim a più investimenti. Oggi Open Fiber vale molto più dei settecento milioni inizialmente sborsati, ma lo spazio per due società della banda larga non c'è.

 

Il progetto è lo stesso dai tempi del governo Gentiloni: una società unica controllata in maggioranza dallo Stato e capace di essere terza rispetto agli operatori di telefonia fissa, come già avviene per il gas o la rete elettrica. A villa Pamphili il convitato di pietra è il numero uno di Tim Luigi Gubitosi, il cui titolo in Borsa in questi giorni vale poco più dei 34 centesimi segnati nei giorni del minimo storico, a marzo.

luigi gubitosi foto di bacco luigi gubitosi foto di bacco

 

Nei piani dell'ex monopolista il governo dovrebbe convincere Cdp a scambiare il suo cinquanta per cento di Open Fiber in titoli Tim, ma ciò finirebbe per fare dello Stato il primo azionista del gruppo telefonico. Una prospettiva alla quale l'azionista di Cassa - il ministro del Tesoro Roberto Gualtieri - è piuttosto contrario.

 

fabrizio palermo foto di bacco (3) fabrizio palermo foto di bacco (3)

Diventare primo azionista significherebbe farsi carico per intero o quasi del debito di Tim, stimato nella migliore delle ipotesi in ventiquattro miliardi di euro. La grande complicazione della partita è la presenza in commedia del primo azionista di Tim Vincent Bolloré, il quale - come qualunque azionista privato - pensa anzitutto a massimizzare l'investimento. Nei piani di Gubitosi lo Stato si farebbe carico dei debiti e permetterebbe di riavere il pieno controllo della rete, ma dall'Europa sono arrivati segnali negativi: Bruxelles è favorevole ad una rete pubblica ma solo se neutra rispetto ai privati.

 

vincent bollore vincent bollore

La pressione di Conte su Starace e Palermo serve a questo: non dare alibi al francese per rinviare una partita che rischia di travolgere i quarantamila dipendenti del gruppo.

 

Starace ha ricevuto segnali di interesse dagli australiani di Macquarie per la sua quota, Cdp ha il potere di indirizzare Tim verso l'approdo che il governo vuole. Conte vuole una soluzione rapida e capace di raggiungere l'obiettivo. Il premier teme che l'inazione danneggi sia le prospettive di Tim che di Open Fiber. Nell'era dello smart working sarebbe una beffa all'italiana.

FONDO MACQUARIE FONDO MACQUARIE open fiber open fiber giuseppe conte al telefono giuseppe conte al telefono l'ennesima conferenza stampa di conte by osho l'ennesima conferenza stampa di conte by osho open fiber fibra ottica open fiber fibra ottica open fiber open fiber

 

Macquarie Macquarie luigi gubitosi presenta il 5g di tim 1 luigi gubitosi presenta il 5g di tim 1

 

Condividi questo articolo

business

AUTOSTRADE, VINCITORI E VINTI – SORGI: “CONTE HA GUIDATO IL PARTITO DELL'ESTROMISSIONE IMMEDIATA DEI BENETTON E HA DOVUTO ACCETTARE UN COMPROMESSO FINALE CHE VEDE I CONCESSIONARI VENETI ANCORA A BORDO. AMMACCATI, CERTO, MA A BORDO - DI MAIO HA SPINTO CONTE SULLA LINEA “REVOCA E BASTA” MENTRE TRATTAVA DIETRO LE QUINTE SULLA MEDIAZIONE FINALE. ADESSO PUÒ SCARICARE SUL PREMIER IL PESO DEL FALLIMENTO DELLA LINEA DURA - MATTARELLA HA AGITO NELL'OMBRA, SILENZIOSO COME SEMPRE, UNICO CREDIBILE INTERLOCUTORE DI UNA MERKEL PREOCCUPATA PER GLI INVESTITORI TEDESCHI”

CHE VERGOGNA QUESTA EUROPA CHE BACCHETTA I GOVERNI, VINCOLA I CITTADINI E NON RIESCE A FARE PAGARE LE TASSE ALLE MULTINAZIONALI - I MECCANISMI FISCALI OLANDESI E IRLANDESI NON SONO STATI SMONTATI DALL’ARCIGNA VESTAGER: PER LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA, LA COMMISSIONE UE NON È STATA CONVINCENTE NEL DIMOSTRARE L’ELUSIONE FISCALE, VISTA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELL'ECONOMIA DIGITALE - UN PUNTO DI VISTA CHE, IN PASSATO, ERA RIUSCITO ANCHE A “DEMATERIALIZZARE” L'IVA NEL COMMERCIO ELETTRONICO...