DISUNIONE EUROPEA! - ORBAN CONTINUA A TENERE PER LE PALLE L’UE: ANCORA IN STALLO IL SESTO PACCHETTO DI SANZIONI CONTRO LA RUSSIA, SU CUI IL “VIKTATOR” OPPONE UNA STRENUA RESISTENZA. L’UNGHERIA NON NE FA UNA QUESTIONE DI PRINCIPIO, MA DI SOLDI: CHIEDE MAGGIORI COMPENSAZIONI ECONOMICHE DI ALMENO 15-18 MILIARDI DI EURO, CIOÈ IL COSTO STIMATO PER LA RICONVERSIONE DELLE RAFFINERIE TARATE SUL PETROLIO RUSSO E PER LA COSTRUZIONE DI NUOVI OLEODOTTI..

- -

 

-

Condividi questo articolo


Marco Bresolin per “la Stampa”

 

Josep Borrell e Ursula von der Leyen Josep Borrell e Ursula von der Leyen

Nemmeno i ministri degli Esteri dell'Unione europea sono riusciti a sbloccare lo stallo sul sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, ancora sul binario morto per via delle resistenze sull'embargo petrolifero di alcuni Paesi, soprattutto dell'Ungheria. «Un accordo non c'è e non so quanto tempo ancora servirà per raggiungerlo» ha ammesso al termine della riunione Josep Borrell, Alto rappresentante per la politica estera Ue.

 

putin orban putin orban

La palla torna agli ambasciatori, che nei prossimi giorni cercheranno una soluzione. Qualora non riuscissero, la questione potrebbe finire sul tavolo del Consiglio europeo del 30-31 maggio. Uno scenario che si vuole evitare a tutti i costi perché la trattativa finirebbe per monopolizzare il vertice, dedicato al caro-bollette e al progetto per la Difesa comune.

 

Sberbank sede Mosca Sberbank sede Mosca

L'Ungheria continua a puntare i piedi e chiede compensazioni economiche. La Commissione ha già proposto una deroga a Budapest che consentirebbe al Paese di Viktor Orban (e alla Slovacchia) di continuare a comprare il petrolio russo fino alla fine del 2024, due anni dopo lo stop previsto per gli altri Paesi. Ma, come ha riconosciuto Borrell, «non è una questione di tempi, bensì di costi».

Josep Borrell Josep Borrell

 

Bisogna riconvertire le raffinerie che sono tarate sul petrolio russo e vanno costruiti nuovi oleodotti per portare il petrolio in Ungheria (che non ha uno sbocco sul mare). Il ministro degli Esteri, Peter Szijjarto, ha stimato un costo «tra i 15 e i 18 miliardi di euro» e ha auspicato una proposta della Commissione per compensare questi extra-costi. In alternativa, Budapest chiede di esentare dall'embargo il petrolio importato via oleodotto, ma è una soluzione che l'Ue non vuole accettare.

embargo petrolio russo embargo petrolio russo

 

Orban si è detto pronto ad approvare le sanzioni, ma soltanto «a patto che non mettano a rischio la sicurezza energetica del Paese». Al vertice di Bruxelles era presente anche il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, «deluso» per la mancata approvazione del sesto pacchetto di sanzioni.

 

L'ipotesi di uno stralcio della parte relativa all'embargo sul petrolio, proposta nei giorni scorsi da alcuni governi, non prende quota: per il momento si continua a negoziare sull'intero set di misure che comprendono anche l'esclusione di alcune banche dal circuito Swift (tra cui Sberbank) e l'inserimento di alcune personalità nell'elenco dei sanzionati (tra cui il patriarca Kirill). È stata invece accantonata momentaneamente la proposta di vietare alle navi europee il trasporto del petrolio russo. -

vladimir putin viktor orban 3 vladimir putin viktor orban 3 petrolio petrolio Putin e Sberbank CEO German Gref Putin e Sberbank CEO German Gref vladimir putin viktor orban 2 vladimir putin viktor orban 2 Sberbank sede Mosca Sberbank sede Mosca Josep Borrel e Zelensky Josep Borrel e Zelensky

 

Condividi questo articolo

business

TEMPI DURI PER SOFTBANK – IL COLOSSO GIAPPONESE NAVIGA DI NUOVO IN ACQUE BURRASCOSE: NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2022 HA BRUCIATO 23 MILIARDI DI EURO E IL VALORE DEGLI INVESTIMENTI È CROLLATO – LA SOCIETÀ INCOLPA L’INFLAZIONE, MA IL PROBLEMA È PIÙ AMPIO: A ESSERE COLPITO MAGGIORMENTE È IL “VISION FUND”, IL FONDO CHE INVESTE IN TECNOLOGIA E STARTUP. LA CINA HA VARATO UNA STRETTA SU BIG TECH E LE VALUTAZIONI, GONFIATE PER ANNI, INIZIANO A MOSTRARE QUALCHE CREPA. INSOMMA, LA BOLLA STA PER SCOPPIARE…

PONTI D’ORO PER I BENETTON – QUATTRO ANNI DOPO IL CROLLO DEL VIADOTTO MORANDI, C’È SOLO UNA CERTEZZA: I BENETTON DA QUELLA TRAGEDIA CI HANNO GUADAGNATO! – IL GIORNO DEL CROLLO IL TITOLO ATLANTIA VALEVA IN BORSA 25 EURO. OGGI NE VALE 23, NONOSTANTE PANDEMIA, GUERRA E CRISI ECONOMICA – LE RESPONSABILITÀ VANNO DIVISE EQUAMENTE TRA I DUE GOVERNI CONTE E QUELLO DRAGHI, CHE HA CONCLUSO L’ACQUISTO DI ASPI PER 8,2 MILIARDI DI EURO – IL RUOLO DI PAOLETTA DE MICHELI E LA BEFFA: ANCHE LE CONSEGUENZE DEL CROLLO SARANNO PAGATE DAGLI UTENTI DELLE AUTOSTRADE…

QUESTO BUSINESS E' UN CRIPTOBLUFF – LA NEW FINANCIAL TECHNOLOGY CHE INVESTE IN CRIPTOVALUTE, CHE HA SEDE LEGALE A LONDRA MA E' NATA A TREVISO, HA COMUNICATO AI PROPRI CLIENTI DI ESSERE A CORTO DI LIQUIDITÀ E DI DOVER SOSPENDERE TUTTI CONTRATTI – PIÙ DI 6.000 INVESTITORI SONO NEL PANICO, ANCHE SE PER IL MOMENTO NON CI SONO DENUNCE: LA CIFRA SPARITA SUPEREREBBE I 100 MILIONI – DUE PROPRIETARI DELLA SOCIETA’ SAREBBERO SCAPPATI A DUBAI, IL TERZO DICE: “NON È UNA TRUFFA O UNO SCHEMA PONZI”