DO UT MEF – IL MINISTERO DELL’ECONOMIA ASSUMERÀ DA SOLO IL CONTROLLO DI SPARKLE, LA SOCIETÀ DEI CAVI SOTTOMARINI DI TIM. LE OPZIONI SONO DUE: UN’ACQUISIZIONE DEL 100% A FRONTE DI UNA VALUTAZIONE INTORNO AI 700 MILIONI, OPPURE LASCIARE A TIM UNA QUOTA. LA SECONDA OPZIONE PERMETTEREBBE A TELECOM DI DECONSOLIDARE LA SOCIETÀ, MA EVITARE UNA MINUSVALENZA (E SAREBBE ANCHE UN SOTTERFUGIO PER DARE, INDIRETTAMENTE, PIÙ SOLDI A VIVENDI, INSODDISFATTA DELLA CESSIONE A KKR DI NETCO)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Federico De Rosa per il “Corriere della Sera”

 

GIANCARLO GIORGETTI A DAVOS GIANCARLO GIORGETTI A DAVOS

Cambia l’offerta per Sparkle. Il ministero dell’Economia, che assumerà da solo il controllo della società dei cavi internazionali di Tim, giovedì sera ha inviato al gruppo telefonico una proposta che contiene una doppia opzione.

 

Via XX Settembre […] ha confermato l’intenzione di rilevare subito il 100% dei cavi sottomarini, a fronte di una valutazione in linea con quella indicata a ottobre, che si aggira attorno ai 700 milioni o, in alternativa, propone a Tim di mantenere una quota e quindi di rinunciare a una parte dell’incasso, con la possibilità però di partecipare alla futura creazione di valore.

 

TIM SPARKLE TIM SPARKLE

La partecipazione in Sparkle è in carico a 850 milioni di euro e questa seconda opzione potrebbe consentire a Tim di deconsolidare comunque la società dei cavi internazionali, con la possibilità di evitare una minusvalenza se la nuova trattativa che si aprirebbe portasse a una valutazione in linea con quella attualmente iscritta in bilancio.

 

Il consiglio di Tim in agenda per il 7 febbraio dovrà valutare le due possibilità. La proposta del Mef prevede «di negoziare una diversa opzione, con possibili adeguamenti delle condizioni contrattuali, nel caso Tim mantenesse una quota minoritaria per un determinato arco temporale e supportasse la realizzazione del piano strategico», ha spiegato il gruppo telefonico in un comunicato.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

Dunque il processo di vendita […] porterebbe all’avvio di una nuova trattativa, che oltre al prezzo riguarderebbe con ogni probabilità anche la governance di Sparkle. I tempi della vendita dovrebbero in ogni caso allungarsi e, se dovesse prevalere l’orientamento di mantenere una quota nella società dei cavi, andranno oltre la scadenza dell’attuale consiglio, prevista per il 23 aprile.

 

Come ha spiegato il ceo di Tim, Pietro Labriola, la cessione di Sparkle non ha effetti sul piano di riduzione del debito, che verrà completato con la vendita della rete nazionale (NetCo) a Kkr, Adia (il fondo sovrano di Abu Dhabi), Mef ed F2i, attesa per l’estate.

 

VINCENT BOLLORE VINCENT BOLLORE

Due settimane fa il governo ha dato il via libera ai sensi del golden power alla cessione, che a breve arriverà all’esame dell’Antitrust Ue con cui Kkr sta già dialogando per preparare la notifica.

 

All’Authority si è rivolta anche Vivendi, primo azionista di Tim, contraria alla vendita della rete, con una lettera in cui chiede di accertare il ruolo del Mef nell’operazione e se ha quale rilievo il fatto che abbia la maggioranza in Cdp, a cui fa capo Open Fiber, concorrente del gruppo telefonico sulla rete in fibra.

VINCENT BOLLORE CON UNA SUORA VINCENT BOLLORE CON UNA SUORA rete sparkle rete sparkle

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…