DON’T GO HUAWEI! – VODAFONE HA SCOPERTO UNA “PORTA D’ACCESSO” IN UN ROUTER DELL'AZIENDA CINESE, CHE QUALCHE ANNO FA È FINITO IN DECINE DI MIGLIAIA DI FAMIGLIE E AZIENDE ITALIANE – LA “BACKDOOR” NON SAREBBE MAI STATA ATTIVATA DA HUAWEI, CHE NON ERA IN GRADO DI ENTRARE DENTRO I DISPOSITIVI DA REMOTO, MA NON È CHE HA RAGIONE TRUMP, E CHE I CINESI POTRANNO SPIARCI TRAMITE LE RETI 5G?

-

Condividi questo articolo

Aldo Fontanarosa per “la Repubblica”

 

sede huawei milano 3 sede huawei milano 3

In gergo si chiamano " porte di servizio": backdoor. Sono delle strade che permettono di entrare dentro un dispositivo elettronico, spesso senza lasciare traccia del passaggio. Il gruppo Vodafone ha trovato una di queste porte di accesso in un dispositivo - un router - che è finito in decine di migliaia di famiglie e aziende italiane, sue clienti. Il router è la scatola con le lucine intermittenti che permette alle persone e alle imprese di navigare in Rete.

vodafone special vodafone special

 

Questa notizia - che l' agenzia d' informazione Bloomberg ha dato in esclusiva ieri - ricostruisce fatti di molti anni fa. Vodafone ha risolto il problema, con buoni riflessi, tra il 2011 e il 2012. La notizia fa comunque il giro del mondo, ieri, perché il router della discordia era fornito da Huawei. Parliamo del gigante cinese che sta facendo litigare mezzo mondo, e che ha messo contro due storici alleati come gli Stati Uniti e l' Inghilterra.

 

conte xi jinping conte xi jinping

Huawei - con altri 4 fornitori mondiali - è all' avanguardia nella creazione delle future reti in tecnologia 5G. Sono le reti che collegheranno a Internet quasi ogni cosa: le auto in viaggio, i semafori in strada, gli elettrodomestici delle case. Sono le reti che creeranno il nuovo sistema nervoso delle nostre economie, con una pervasività mai conosciuta nella storia dell' uomo.

 

la nuova sede di huawei a milano 1 la nuova sede di huawei a milano 1

Gli Usa considerano Huawei un infido nemico: quasi un Cavallo di Troia del nuovo secolo che, armato delle sue reti 5G, si prepara a spiare l' America. Invece gli inglesi mantengono la porta aperta a Huawei. Sono convinti di poter ricevere infrastrutture all' avanguardia, a prezzi competitivi e senza rischi eccessivi per la sicurezza nazionale. Mentre si gioca questa partita economica, strategica, militare, l' agenzia Bloomberg dà questa notizia che certo non giova all' immagine, già controversa, di Huawei.

vodafone g lte melarumors italia stadi vodafone g lte melarumors italia stadi

 

Dal quartier generale di Londra, il gruppo Vodafone cerca di dare all' incidente del 2011 la sua giusta proporzione. Intanto Vodafone ha scoperto la falla - grazie anche a un consulente « indipendente » - durante controlli che sono « di routine » . La porta di accesso era dentro Telnet, un software che fornitori ( come Huawei) collocano in un dispositivo per diagnosticarne il corretto funzionamento.

 

huawei huawei

Infine Vodafone - che pure non può smentire la lunga inchiesta di Bloomberg - precisa che Huawei non era in grado di attivare questo software attraverso Internet; che non avrebbe potuto violare la rete Internet italiana; e che nessun tentativo di violazione è stato mai registrato. A sua volta Huawei spiega di avere un « sistema consolidato » di rilevazione dei problemi e di operare « a stretto contatto con partner» (come Vodafone) per le «soluzioni più appropriate » . Vodafone, d' altra parte, continua a lavorare con Huawei, di cui evidentemente si fida.

donald trump donald trump

 

L' inchiesta di Bloomberg, in verità, svela quasi un braccio di ferro tra Vodafone e Huawei. Alla prima richiesta di Vodafone di chiudere la falla dei router, il fornitore cinese avrebbe opposto resistenza perché l' operazione rischiava di minacciare il buon funzionamento dei dispositivi.

Solo per l' intransigenza di Vodafone, Huawei avrebbe alla fine collaborato. E la possibile melina di Huawei è un elemento su cui riflettere, avverte Stefano Zanero, professore associato di Computer Security al Politecnico di Milano. Bloomberg cita anche delle altre vulnerabilità in alcuni " gateway" che Huawei avrebbe installato sempre in Italia. I problemi di questi snodi che collegano reti di cavi diverse per realizzarne una sola - sono stati individuati e risolti nel 2012. Questa lontana tempesta è ormai passata. Resta da capire se Huawei ne causerà delle altre.

huawei africa huawei africa thomas miao 1 thomas miao 1

 

Condividi questo articolo

business

BOOM! MARCHIONNE ERA MORTO DA GIORNI QUANDO FCA DIEDE L'ANNUNCIO. LA PROVA? LA LETTERA DI GRANDE STEVENS INVIATA AL ''CORRIERE'' TRE GIORNI PRIMA DELLA DATA UFFICIALE. CHE SCATENÒ UNA LITE TRA ELKANN E LO STORICO AVVOCATO DI FAMIGLIA - ELKANN PRONTO A TUTTO PUR DI VENDERE FCA. IL GOVERNO FRANCESE HA IMPOSTO A SENARD DI ABBANDONARE LA FUSIONE PARITARIA: PARIGI DEVE ESSERE DOMINANTE - LA FAMIGLIA AGNELLI FURIOSA CON JOHN PER ESSERE STATA ESTROMESSA DALLA DECISIONE E JOHN FURIOSO CON L'AD MANTLEY PER AVER VENDUTO LE SUE AZIONI FCA