DONALD SALVA IL SUO IMPERO ALL’ULTIMO RESPIRO? – TRUMP OTTIENE IL VIA LIBERA ALLA QUOTAZIONE IN BORSA DEL SUO SOCIAL “TRUTH”, DA CUI INCASSERA’ UN BEL GRUZZOLO: COME AZIONISTA DI MAGGIORANZA, DETIENE TITOLI PER 3 MILIARDI ALL’ATTUALE PREZZO DI MERCATO – LA QUOTAZIONE È PREVISTA PER LUNEDÌ, ULTIMO GIORNO IN CUI IL TYCOON PUO’ PAGARE LA CAUZIONE DI 464 MILIONI DI DOLLARI DOPO LA CONDANNA PER GLI ASSET GONFIATI A NEW YORK PER EVITARE IL SEQUESTRO DEI SUOI BENI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Viviana Mazza per il “Corriere della Sera”

 

il social network di donald trump truth 3 il social network di donald trump truth 3

Donald Trump mette a segno un colpo all’ultimo minuto. Ma non è chiaro se gli permetterà di salvare il suo impero e ricevere la garanzia necessaria a pagare la cauzione di 464 milioni di dollari che deve versare entro lunedì dopo la condanna per gli asset gonfiati a New York.

 

[…] gli investitori della shell company «Digital World Acquisition Corp» hanno approvato la fusione con «Trump Media», la società a cui fa capo il suo social media «Truth», che ora sarà quotata in borsa. La nuova società sarà ribattezzata «Trump Media & Technology Group» e sarà quotata con la sigla «DJT», le iniziali dell’ex presidente, al Nasdaq da lunedì, nello stesso giorno in cui potrebbe iniziare il sequestro dei suoi beni.

 

il social network di donald trump truth 6 il social network di donald trump truth 6

Trump sarà azionista di maggioranza (possiede una quota del 60%) con azioni dal valore di oltre 3 miliardi all’attuale prezzo di mercato (il suo patrimonio valeva a ottobre 2,6 miliardi secondo Forbes). Il ceo sarà l’ex deputato e attuale direttore di Truth, Devin Nunes, mentre nel board siede il suo primogenito Don Trump Jr con tre ex membri della sua amministrazione.

 

La maggior parte dei 400mila azionisti sono suoi fan e il loro entusiasmo ha mantenuto il valore delle azioni per anni. La mossa, sottolinea Cnn, potrà fruttare miliardi di dollari all’ex presidente, che in questo momento sta fronteggiando un’immensa pressione finanziaria e legale.

 

il social network di donald trump truth 2 il social network di donald trump truth 2

Ma secondo esperti interpellati dai media americani, non è detto che questo accordo risolverà i suoi problemi finanziari immediati per via di restrizioni alla vendita delle sue azioni prima di sei mesi o al loro uso come garanzia per ottenere prestiti, a meno che gli azionisti non gli concedano l’autorizzazione. Tuttavia, c’è anche chi suggerisce che, poiché Trump mantiene il controllo di Trump Media e i suoi alleati sono la maggioranza del consiglio di amministrazione, è possibile che glielo lascino fare, se lo chiede.

 

Se Trump non riesce a trovare i 464 milioni, rischia che l’ufficio della procuratrice distrettuale Letitia James metta sotto sequestro i suoi conti in banca e le sue proprietà immobiliari. Dichiarare bancarotta potrebbe aiutarlo, ma secondo il Washington Post non è un’opzione che vuole prendere in considerazione.

donald trump a new york per il processo per frode donald trump a new york per il processo per frode

 

Su «Truth Social» Trump ha dichiarato ieri di avere 500 milioni di dollari in contanti, che intende usare nella sua campagna elettorale, benché i suoi avvocati avessero precedentemente dichiarato in corte d’appello che non è in grado di pagare la sanzione imposta dal giudice di New York.

 

[…]

Save America Pac, organizzazione di raccolta fondi che Trump sta usando per pagare le spese legali, ha sborsato più di quanto ha raccolto a febbraio. In un messaggio ai sostenitori, Trump ricorda che la Trump Tower è «dove tutto è iniziato» (là annunciò la sua prima candidatura) e accusa la procuratrice democratica James di volerla sequestrare per intimidirlo. «Pensano che fieri sostenitori come voi mi abbandoneranno... ma non ci arrenderemo mai!», aggiunge, chiedendo soldi ai fan.

donald trump donald trump manifestanti pro trump davanti al tribunale di manhattan manifestanti pro trump davanti al tribunale di manhattan il social network di donald trump truth 1 il social network di donald trump truth 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)