DOPO LA GUERRA, IL RAMOSCELLO D’ULIVO DI ELKANN ALLA SORA GIORGIA – L’AD DI STELLANTIS, CARLOS TAVARES, TENDE LA MANO ALLA MELONI: “SIAMO GRATI AL GOVERNO PER GLI INCENTIVI. GLI STABILIMENTI ITALIANI HANNO UN FUTURO E ARRIVEREMO A PRODURRE 1 MILIONE DI VEICOLI QUI ENTRO IL 2030” – “LE FUSIONI? NON ABBIAMO TRATTATIVE IN CORSO. E CERTAMENTE NON ABBIAMO OPERAZIONI ALLO STUDIO CON RENAULT…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Diego Longhin per www.repubblica.it

 

carlos tavares john elkann carlos tavares john elkann

I nuovi incentivi? “Siamo grati al governo, è una grande decisione”. Gli stabilimenti di Mirafiori e Pomigliano sono a rischio? “No, tutti gli stabilimenti italiani hanno un futuro”. La produzione in Italia? “E’ aumentata nel 2023 del 10% e condividiamo l’obiettivo del governo di arrivare a 1 milione di veicoli entro il 2030”.

 

Dopo settimane di tensioni, nel giorno in cui Stellantis presenta i conti 2023, l’amministratore delegato, Carlos Tavares, abbassa i toni e tende una mano al governo. “Nel 2023 abbiamo aumentato la produzione dei nostri stabilimenti italiani del 10%. E’ un dato piuttosto significativo. Abbiamo prodotto 752 mila veicoli, non è un numero marginale […] e abbiamo quindi concordato con il governo […] di condividere un obiettivo comune che vogliamo raggiungere insieme, portare il nostro contributo da 752 mila a 1 milione di veicoli. Un obiettivo da raggiungere entro il 2030 o, se riusciamo, prima se continuiamo a crescere del 10% come nel 2023”.

 

MELONI URSO MELONI URSO

[…]  I numeri sono anche un modo per rispondere al governo che, in ogni occasione, torna sulla riduzione della produzione di auto in Italia. Una tendenza che per Stellantis, società partecipata da Exor che controlla anche Gedi che edita Repubblica, si è invertita già dallo scorso anno.

 

Tavares poi benedice il nuovo sistema di incentivi varato dall’esecutivo Meloni. Una questione, i sussidi all’acquisto, sollevata dall’ad nell’intervista a Bloomberg e al centro della querelle con il ministro Urso.

 

CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

Secondo i calcoli del manager portoghese, con gli incentivi per i veicoli elettrici “si aggiungono automaticamente 20.000 veicoli in più prodotti in Italia. Questo significa che la decisione presa dal governo italiano è un'ottima decisione e lo ringraziamo per questo.

 

Andrà a beneficio diretto dei consumatori italiani. Quindi, per raggiungere l'obiettivo comune di 1 milione di veicoli […] dobbiamo lavorare fianco a fianco con il governo italiano. C’è un futuro per gli stabilimenti di Pomigliano d’Arco e di Mirafiori”.

 

Rispetto ai numeri, in generale, il 63% della produzione in Italia di Stellantis secondo l’amministratore delegato è diretta fuori dall’Italia. “Export che fa bene alla bilancia commerciale italiana”, dice Tavares. Ma non solo.

 

JOHN ELKANN CON LA MADRE MARGHERITA AGNELLI AL SUO MATRIMONIO CON LAVINIA BORROMEO JOHN ELKANN CON LA MADRE MARGHERITA AGNELLI AL SUO MATRIMONIO CON LAVINIA BORROMEO

Il riferimento è alle 500 Bev e a Mirafiori, dove ora si lavora su un solo turno e gli addetti sono in cassa a rotazione per un mese e mezzo. “Decidendo di esportare la Fiat 500 Bev negli Usa stiamo incrementando l'attività di Mirafiori. La situazione migliorerà non appena avremo sussidi per l'elettrico in Italia e in Germania. […] Quando c'erano i sussidi per i veicoli elettrici, c'è stato un mese, credo fosse ottobre. Ma verificherete che nell'ottobre del 2023 la Fiat 500 Ev era al primo posto nelle vendite di veicoli elettrici in Germania, prima della Volkswagen”.

 

Anche su Maserati l’ad di Stellantis è stato chiaro: “Rimarrà un marchio italiano prodotto in Italia. Perché quando si parla di prodotti di lusso, è necessario vendere il miglior artigianato italiano come prodotto di lusso. […] I designer di Maserati sono italiani, gli ingegneri sono italiani e le auto sono e saranno prodotte in stabilimenti italiani”.

produzione della 500 elettrica a mirafiori produzione della 500 elettrica a mirafiori

 

Tavares, che insiste anche sulle capacità di sviluppo dei modelli e delle capacità concentrate a Torino, coglie l’occasione per smentire qualsiasi operazione di fusione, “non abbiamo trattative in corso su nulla che assomigli ad una fusione”. E poi ha aggiunto: “E certamente non abbiamo operazioni allo studio con Renault, voglio essere schietto. Si è trattato di una pura speculazione”.

carlos tavares carlos tavares GIORGIA MELONI ADOLFO URSO - MEME BY EMILIANO CARLI GIORGIA MELONI ADOLFO URSO - MEME BY EMILIANO CARLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...

DAGOREPORT - L’AMERICA È PSYCHO! I DEMOCRATICI SONO COSI’ TERRORIZZATI ALL’IPOTESI DI TRUMP ALLA CASA BIANCA CHE ORMAI LE SPARANO SENZA RITEGNO - L’ULTIMA? SPINGERE BIDEN A TOGLIERSI DALLE PALLE PER CANDIDARE KAMALA HARRIS AFFIANCATA DA BARACK OBAMA COME VICE - UNO SCENARIO POSSIBILE (OBAMA E' STATO PRESIDENTE PER 8 ANNI MA PUO' FARE IL NUMERO DUE) MA FANTASIOSO: BARACK STAREBBE ALLE SPALLE DI UNA SCARTINA COME KAMALA? E POI: L’AMERICA ACCETTEREBBE MAI DUE NERI ALLA GUIDA DEL PAESE? - L’ENDORSEMENT PELOSETTO DI OCASIO CORTEZ A BIDEN: LA 34ENNE PASIONARIA SPERA CHE IL PRESIDENTE VADA A SBATTERE, CHE VINCA TRUMP, COSI’ TRA QUATTRO ANNI SARA’ LEI A CANDIDARSI…

FLASH! – BRUTTISSIMA NOTIZIA PER L’AD IN PECTORE DELLA RAI, GIAMPAOLO ROSSI. DAJE E DAJE, AMADEUS IN MODALITÀ CATERPILLAR AVREBBE FINALMENTE CONVINTO QUEL CACADUBBI DI FIORELLO, CHE NON AVEVA NESSUNISSIMA VOGLIA DI LAVORARE ANCORA IN RAI, A ENTRARE NELLA FAMIGLIA DISCOVERY (AMADEUS, FAZIO E CROZZA) PER UN PROGRAMMA SUL 9 – ENTRO FINE LUGLIO SAREBBE ATTESA LA FIRMA DEL CONTRATTO, A SETTEMBRE IL DEBUTTO DELLO SHOWMAN SICULO - LA SMENTITA DI FIORELLO: "INDISCREZIONE TOTALMENTE FALSA"