DOPO IL LUNEDÌ NERO, I CORRENTISTI DI UNICREDIT STANNO VIVENDO UN MARTEDÌ GRIGIO SCURO: L'ACCESSO ALL'HOME BANKING È ANCORA SOTTO SCACCO E I POCHI CHE RIESCONO AD ACCEDERE SI TROVANO IL CONTO AZZERATO! OVVIAMENTE I SOLDI CI SONO ANCORA, E AVANTI ALLE LAMENTELE DEGLI UTENTI, LA BANCA PROMETTE CHE NELLE PROSSIME ORE IL SERVIZIO TORNERÀ ALLA NORMALITÀ

-

Condividi questo articolo

Stefano Righi per www.corriere.it

 

JEAN PIERRE MUSTIER JEAN PIERRE MUSTIER

Dopo il lunedì nero, i correntisti di Unicredit stanno vivendo un martedì mattina grigio scuro. L’accesso al sito di home banking della banca guidata da Jean Pierre Mustier è ancora sotto scacco: difficile accedere e, i pochi che vi riescono, spesso trovano il loro conto azzerato. È però solo un problema di rappresentazione informatica: il sito della banca non è stato violato e i denari dei correntisti sono al sicuro. Numerosissime le segnalazioni giunte anche in redazione, dopo che ieri sera, al termine di una giornata di quasi completo black out, tutto sembrava superato.

 

La banca di piazza Gae Aulenti si sta prodigando con i propri servizi informatici per superare l’impasse di queste prime ore della mattinata. Secondo quanto riferito, il problema dovrebbe essere completamente superato entro poche ore. La banca, attraverso i social media, si sta anche scusando con la clientela per il disservizio e, assicura che sta «lavorando per risolvere il prima possibile la problematica in corso».

 

 

I problemi e l’allarme tra i clienti

Mustier Mustier

Continuano dunque i disservizi della home banking di Unicredit. Dopo i problemi riscontrati lunedì mattina (e risolti solo attorno all’ora di pranzo), anche martedì i clienti della banca non hanno potuto accedere ai conti online ed effettuare pagamenti. «Stamattina i clienti Unicredit che accedono alla home banking da Pc trovano un avviso in merito a problemi tecnici e impossibilità di accesso ai conti - scrive un lettore cliente dell’istituto - Chi invece accede da app e da mobile arriva fino alla schermata finale dove il conto risulta 0,0 euro... Non una bella sensazione». Alcuni bonifici effettuati nei giorni scorsi, spiega un altro lettore, non sono ancora stati elaborati. problemi riscontrati anche con carte di credito e bancomat.

 

I problemi di lunedì mattina

Dalle 9 alle 12 di lunedì 14 settembre parecchi servizi offerti da Unicredit sono stati irraggiungibili: i clienti non hanno potuto accedere e utilizzare i servizi della home banking per una serie di anomalie. Gli utenti non hanno potuto consultare i conti online, effettuare pagamenti o ritirare denaro. Una serie di inconvenienti che hanno destato allarme e malumore tra gli utenti, che hanno bombardato i social per avere risposte. La situazione è tornata alla normalità a fine mattinata di lunedì, per poi ripresentarsi - come visto - martedì mattina.

 

 

I malfunzionamenti

unicredit unicredit

Lunedì, i sistemi informatici dell’istituto sono risultati in tilt per quasi 3 ore. E molti clienti hanno segnalato i malfunzionamenti sui social, con lamentele per l’impossibilità di accedere al conto online fino al funzionamento delle carte e al ritiro di cash dai Bancomat. Le anomalie sono cominciate alle 9 di mattina e hanno incluso con l’impossibilità di accesso ai conti online sia da computer che dalle app collegate e l’impossibilità di effettuare pagamenti online e negli esercizi commerciali. Le segnalazioni sono arrivate da molte località in Italia. Gli utenti hanno segnalato un «errore imprevisto» al momento di accedere ai conti online e al tentativo di pagare in un negozio con una carta legata alla banca la transazione veniva rifiutata.

 

 

La spiegazione di Unicredit

Unicredit, sui social, ha ammesso la presenza di «anomalie e rallentamenti generalizzati in fase di accesso» ai sistemi informatici, invitando a «riprovare più tardi». Alle ore 12 di lunedì i servizi sono stati ripristinati. Fino al nuovo intoppo.

 

 

Condividi questo articolo

business

FERMI AL CASELLO - ATLANTIA, LA HOLDING DEI BENETTON VA AVANTI SULLA SUA STRADA E SE NE FREGA DEL PATTO CON IL GOVERNO: BYE BYE CDP, CON SCAMBIO DI RECIPROCHE ACCUSE, E AUTOSTRADE FINISCE SUL MERCATO - LE OFFERTE NON VINCOLANTI VANNO PRESENTATE ENTRO IL 16 DICEMBRE - LA PALLA PASSA AL GOVERNO: BISOGNA APPROVARE IL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DELLA SOCIETÀ, INDISPENSABILE PER IL FUTURO DI ASPI E PER AVVIARE IL PIANO DI INVESTIMENTI DA 14,5 MILIARDI E LE NUOVE MANUTENZIONI PER 7 MILIARDI...