DOPO LO SCUDETTO, ARRIVA L'AMERICA - MANCO IL TEMPO DI FESTEGGIARE CHE IL MILAN DEVE GIÀ PENSARE AL FUTURO: È FATTA PER IL PASSAGGIO DEL CLUB NELLE MANI DEL FONDO REDBIRD PRONTO A METTERE SUL PIATTO 1,4 MILIARDI DI DOLLARI CON LA POSSIBILITÀ DI SALIRE FINO A 1,8 MILIARDI - SFUMATA LA PISTA ARABA DI INVESTCORP, SONO SBUCATI QUESTI AMERICANI CHE HANNO GIÀ INVESTITO NELLO SPORT, METTENDO 750 MILIONI NEL LIVERPOOL - MALDINI E MASSARA RESTERANNO, MENTRE GAZIDIS...

-

Condividi questo articolo


Alessandro Da Rold per “La Verità

 

redbird milan redbird milan

Il Milan festeggia il suo diciannovesimo scudetto, ma proprio in queste ore vengono fissate le basi economiche del futuro della società. A quanto risulta alla Verità, l'affare è praticamente chiuso.

 

Devono essere limati solo gli ultimi dettagli, ma la cessione del club al fondo di private equity americano Redbird avverrà alla fine della prossima settimana, quando ci saranno le firme.

 

gerry cardinale di redbird 4 gerry cardinale di redbird 4

A quanto pare Elliott, che in questi anni ha investito nel Milan circa 700 milioni di euro, resterà con una quota di minoranza. L'organigramma societario dovrebbe restare invariato. Paolo Maldini e Frederic Massara, direttore area tecnica e direttore sportivo, saranno confermati.

 

Diverso è invece il discorso legato a Ivan Gazidis, il cui contratto scadrà a novembre. Ci sono buone possibilità che rimanga, ma bisognerà anche capire chi saranno gli occhi di Redbird in Italia e quale incarico vorranno i nuovi proprietari.

 

gerry cardinale di redbird 3 gerry cardinale di redbird 3

Il Milan è in vendita da mesi. Il fondo Elliott della famiglia Singer, che lo acquistò nel 2018 dall'imprenditore cinese Yonghong Li, ha risanato i conti. Ha riportato il club rossonero in cima al campionato italiano.

 

Si tratta di un successo, economico e sportivo, conquistato in appena 4 anni di gestione. Il marchio ha riacquistato il valore perso negli ultimi dieci anni, in Europa e nel mondo. È probabile che Elliott non potesse più andare avanti.

 

Ora l'obiettivo è quello di creare una società competitiva in Europa, sempre con attenta gestione dei conti, un tetto agli stipendi dei giocatori e l'acquisto e la valorizzazione di giocatori giovani.

 

gerry cardinale di redbird 2 gerry cardinale di redbird 2

In aprile si era parlato dell'interesse del fondo Investcorp, base in Barhain ma con un azionista degli Emirati Arabi Uniti noto in Italia, ovvero Mubadala, già in Piaggio Aerospace e in rapporti economici anche con Etihad, ex partner di Alitalia.

 

Con il passare dei giorni, però, l'offerta araba, all'incirca di 1,2 miliardi euro, è andata scemando. Quindi, anche se ieri con un tweet Investcorp ha voluto fare i complimenti alla squadra di Stefano Pioli per lo scudetto, è evidente che, ormai, la società del Barhein si è fatta da parte.

 

gerry cardinale di redbird 1 gerry cardinale di redbird 1

A pesare sarebbe stata anche la formula dell'offerta, con almeno 400 milioni di euro in prestiti. Così, nelle ultime settimane, è andata sempre più concretizzandosi l'offerta di Redbird capital partners.

 

In questi giorni è a Milano Gerry Cardinale, fondatore della società di private equity pronta a mettere sul piatto 1,4 miliardi di dollari statunitensi (1,3 miliardi di euro) con la possibilità di salire fino a 1,8 miliardi.

 

Cardinale è un ex Goldman Sachs, esperto di private equity che ha gestito nella sua carriera fino a 100 miliardi di dollari. È amico dell'attuale presidente del Milan Paolo Scaroni.

 

i dirigenti del milan massara e maldini i dirigenti del milan massara e maldini

Il numero uno di Redbird, che ha avuto diversi colloqui con Singer in questi giorni, lavora da più di vent'anni nel settore sportivo. Ha costruito società di successo come Yankees entertainment & sports (Yes) network, una rete sportiva degli Stati Uniti che fu venduta a Rupert Murdoch per 4 miliardi di dollari e poi tornata di nuovo sotto la sua ala tre anni fa.

 

massara paolo maldini pioli gazidis massara paolo maldini pioli gazidis

Ma l'investimento più rilevante Cardinale lo ha fatto a metà marzo, quando Redbird capital partners ha investito 750 milioni di dollari in Fenway sports group (Fsg), la società proprietaria del Liverpool, squadra inglese che quest'anno è arrivata seconda in Premier League e si giocherà la finale di Champions League nei prossimi giorni contro il Real Madrid.

 

Anche il Milan vuole tornare ai livelli europei, dopotutto ha vinto sette Coppe dei campioni. Redbird darà un aiuto, a cominciare anche dalla soluzione per la nascita di un nuovo stadio di proprietà.

 

Condividi questo articolo

business

CHE SENSO HA FARE L’AMAZON ITALIANA SE C’È GIÀ QUELLA ORIGINALE, CHE FUNZIONA MEGLIO? – SE LO DOVEVA CHIEDERE CHI HA BUTTATO UNA MAREA DI SOLDI IN “EPRICE”: PAOLO AINIO DI BANZAI, MATTEO ARPE, PIETRO BOROLI E ALTRI FINANZIERI E IMPRENDITORI, CHE SOGNAVANO DI CREARE UN SITO DI E-COMMERCE PARAGONABILE AL COLOSSO DI BEZOS. E INVECE, DOPO LA QUOTAZIONE E TANTE SPERANZE, IL SITO È AL COLLASSO: IL PATRIMONIO È AZZERATO E L’UNICA ANCORA DI SALVEZZA SONO GLI EMIRATINI DI “NEGMA”, CHE HANNO PROMESSO 20 MILIONI DI LIQUIDITÀ

NUVOLA NERA – CHE STA SUCCEDENDO NELLA BATTAGLIA PER IL CLOUD NAZIONALE? LA CORDATA TIM-LEONARDO-CDP-SOGEI HA GIÀ ANNUNCIATO CHE FARÀ UN RILANCIO PER PAREGGIARE L’OFFERTA, DA 2,68 MILIARDI, DI ARUBA E FASTWEB. TUTTO BENE? MICA TANTO: LE DUE AZIENDE,  CHE SI SONO AGGIUDICATE LA GARA IN PRIMA BATTUTA, VOGLIONO FARE RICORSO. ARUBA E FASTWEB SOSTENGONO INFATTI CHE LA POSSIBILITÀ DI RILANCIARE VENGA DATA ALLA CORDATA “PUBBLICA” PER FAVORIRLA, IN PIENA VIOLAZIONE DELLE LEGGI EUROPEE…