IL DRAGONE È AZZOPPATO, E L'INDIA PRENDE IL VOLO – NELL’ULTIMO TRIMESTRE DEL 2023 L’ECONOMIA DI NEW DELHI È CRESCIUTA DELL’8,4%, BEN OLTRE LE STIME DEGLI ANALISTI (NELLO STESSO PERIODO LA CINA SI È FERNATA AL +5,3%) – BARCLAYS: “L’INDIA CONTINUA AD ACCELERARE E STACCA IL RESTO DEL MONDO” – DECISIVO IL DOPPIO AUMENTO DEGLI INVESTIMENTI E DEI CONSUMI INTERNI – OTTIME NOTIZIE PER IL PREMIER, NARENDRA MODI, IN VISTA DELLE ELEZIONI DEL PROSSIMO APRILE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marco Masciaga per “il Sole 24 Ore”

 

INDIA - CRESCITA ECONOMICA INDIA - CRESCITA ECONOMICA

A meno di tre mesi dalle elezioni, il governo di New Delhi ha annunciato ieri che nell’ultimo trimestre del 2023 l’economia indiana è cresciuta di un sorprendente 8,4%, superando abbondantemente le stime degli analisti. Nel diffondere i dati, il ministero delle Statistiche ha anche rivisto al rialzo il Pil dei due trimestri precedenti, saliti entrambi all’8%, e aggiornato le stime sull’anno fiscale 2023-2024 che si concluderà il prossimo 31 marzo e che dovrebbe chiudersi con una crescita del 7,6%, anziché del 7,3%, confermando l’India come la più dinamica tra le grandi economie mondiali.

 

narendra modi narendra modi

«La revisione dei dati dimostra che l’India sta crescendo dell’8% e sta accelerando, staccando il resto del mondo», spiega Rahul Bajoria, un economista di Barclays. Il consenso di un gruppo di analisti interpellati da Reuters, anche in considerazione del rallentamento della crescita mondiale, era per una leggera frenata della crescita del Pil al 6,6%, in linea con il 6,5% previsto dalla Reserve Bank of India.

 

Secondo Bajoria i dati sugli investimenti sarebbero indicativi di una ripresa delle spese capex, dopo che per mesi gli economisti avevano lamentato la scarsa propensione agli investimenti del settore privato.

 

VLADIMIR PUTIN NARENDRA MODI XI JINPING VLADIMIR PUTIN NARENDRA MODI XI JINPING

Altri osservatori hanno indicato nel gettito fiscale uno dei fattori determinanti nell’impennata del Pil, sottolineando come il valore aggiunto lordo, o Val, (ovvero il Pil al netto di tasse e sussidi) degli ultimi tre mesi del 2023 sia sceso al 6,5% contro un dato del 7,7% per i tre mesi precedenti. […]

 

Il dato sul prodotto interno lordo pubblicato ieri dal governo è l’ultimo a essere reso noto prima delle elezioni che decideranno la composizione della prossima Lok Sabha, la camera bassa del Parlamento indiano. Il principale partito di governo, il Bharatiya Janata Party (Bjp) del primo ministro Narendra Modi, parte favorito dopo aver vinto nel 2014, nel 2019 e dopo aver conquistato, lo scorso novembre, la guida di tre Stati considerati in bilico dai sondaggisti, innescando la quasi-implosione dell’opposizione.

 

INDIA - CRESCITA ECONOMICA INDIA - CRESCITA ECONOMICA

Nel dettaglio, negli ultimi tre mesi del 2023 il settore manifatturiero è cresciuto dell’11,6%, quello delle costruzioni di oltre il 9 per cento e gli investimenti di oltre il 10%. I consumi privati, che in India valgono circa il 60% del Pil, hanno dato segni di ripresa (+3,5%) rispetto al trimestre precedente (+2,4%). La spesa pubblica ha invece registrato una contrazione del 3,2% contro l’incremento dell’1,4% dei tre mesi precedenti.

 

I dati meno incoraggianti sono quelli provenienti dal settore agricolo che vale circa il 15% del Pil, ma dà un impiego – anche se irregolare – a circa il 40% degli indiani in età da lavoro. Nel trimestre da ottobre a dicembre l’output delle campagne ha registrato una contrazione dello 0,8% contro il +1,6% dei tre mesi precedenti, un dato che spiega almeno in parte due cose: il fatto che oltre 800 milioni di indiani, circa il 57% della popolazione, continuino a ricevere gratuitamente 5 chili di riso e grano al mese […]

 

joe biden e narendra modi al g20 di new delhi joe biden e narendra modi al g20 di new delhi

Il dato sulla contrazione del settore agricolo è destinato a riaccendere il dibattito sulla forma assunta in India dalla ripresa economica post-pandemia. Secondo le voci più critiche dell’operato del governo, si tratterebbe di una ripresa a K con una divaricazione dei destini tra chi riesce a capitalizzare sulla forte crescita dei settori più dinamici e chi invece – complici inflazione, elevati tassi di disoccupazione e bassi livelli retributivi e di istruzione – si trova spinto ai margini. […]

INDIA - CRESCITA ECONOMICA INDIA - CRESCITA ECONOMICA crescita economia dell india crescita economia dell india

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…