IL DRAGONE METTE IL TURBO – LA CINA HA REGISTRATO UNA CRESCITA DEL PIL DEL 4,5% NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2023. LO SCORSO ANNO PECHINO È CRESCIUTA “SOLO” DEL 3%, UNO DEI RITMI PIÙ BASSI DEGLI ULTIMI DECENNI, PER VIA DELLE POLITICHE RESTRITTIVE SUL COVID, MA PER L’ANNO IN CORSO IL GOVERNO CENTRALE HA RISTABILITO L’OBIETTIVO AL 5% - LE VENDITE AL DETTAGLIO RIMBALZANO E CRESCONO DEL 10,6% A MARZO…

-

Condividi questo articolo


xi jinping xi jinping

1. CINA: ACCELERA IL PIL, +4,5% NEL PRIMO TRIMESTRE 2023

(ANSA) - La Cina registra nel primo trimestre del 2023 un Pil in rialzo del 4,5% annuo a fronte del 2,9% di ottobre-dicembre e del 4% atteso dagli analisti. Su base congiunturale, riferisce l'Ufficio nazionale di statistica, il rialzo è del 2,2% rispetto allo 0,6% rivisto dei tre mesi precedenti e al 2,2% stimato.

 

La Cina è cresciuta nel 2022 del 3%, a uno dei ritmi più bassi degli ultimi decenni, scontando le misure draconiane di contenimento del Covid-19 che hanno paralizzato produzione e consumi e che sono state rimosse solo agli inizi di dicembre. Per l'anno in corso, il governo centrale ha annunciato a marzo un target di "circa il 5%".

 

L'economia cinese cresce al ritmo più veloce dal 4,8% del primo trimestre 2022 con la fine delle restrizioni di contenimento del Covid-19, grazie a una maggiore spesa dei consumatori e a un moderato rialzo della produzione industriale. Un fattore chiave è il trend delle vendite di beni di consumo, aumentate del 5,8%, dopo un calo dello 0,2% per tutto l'anno scorso.

 

CINA XI JINPING ECONOMIA CINESE CORONAVIRUS COVID PANDEMIA CINA XI JINPING ECONOMIA CINESE CORONAVIRUS COVID PANDEMIA

La ristorazione balza del 13,9%, in linea con il recupero del 'settore dell'ospitalità' grazie alla spinta dei viaggi iniziati con il Capodanno lunale di fine gennaio. Gli indicatori di marzo, tuttavia, mostrano un quadro più contrastante, con un probabile rallentamento della crescita degli investimenti e un'attività industriale relativamente modesta. Gli investimenti in asset fissi salgono del 5,1%, a 10.730 (circa 1.500 miliardi di dollari) nei primi tre mesi dell'anno, meno del 5,7% atteso e del 5,5% del primo bimestre.

 

Tra i settori in frenata, quelli primario (+0,5% contro +1,5% di gennaio-febbraio) e terziario (3,6% contro 3,8%). Persistono le difficoltà del settore immobiliare (-5,8%), mentre gli inizi di nuove costruzioni hanno un crollo del 19,2%: le vendite di proprietà in valore, invece, salgono del 4,1% annuo, con i prezzi delle nuove case saliti al ritmo più veloce in 21 mesi. Quanto alle infrastrutture, la crescita rallenta all'8,8% dal 9% del primo bimestre.

 

xi jinping 2 xi jinping 2

Gli economisti rimangono ancora divisi sul fatto che il governo debba lanciare più stimoli per stimolare la crescita, ma se i consumi dovessero restare sui valori di marzo (+10,6%, ai massimi da giugno 2021), le autorità potrebbero evitare gli stimoli fiscali e le politiche ad hoc per sostenere la spesa.

 

Tuttavia, il tasso di utilizzo della capacità industriale cala al 74,3% nel primo trimestre, dal 75,8% dello stesso periodo 2023 e al 75,7% di fine dicembre, al livello più basso da gennaio-marzo 2020.

 

La scorsa settimana, i dati sull'interscambio di marzo hanno mostrato che le esportazioni cinesi sono aumentate inaspettatamente a marzo (+14,8%), per la prima volta in sei mesi: alcuni analisti hanno avvertito che il rialzo potrebbe essere dovuto al completamento degli ordini inevasi a causa del Covid.

 

ospedale pechino pieno di malati covid 3 ospedale pechino pieno di malati covid 3

Il tasso di disoccupazione si attesta al 5,3% (5,6% a febbraio), ma quello della fascia di età compresa tra i 16 ei 24 anni balza a quasi il 20% (19,6% contro 18,1%): un segnale preoccupante per l'occupazione giovanile con l'ingresso di milioni di laureati nel mondo del lavoro.

 

2. CINA: BALZANO VENDITE MARZO A +10,6%, MIGLIORA PRODUZIONE

(ANSA) - Le vendite al dettaglio in Cina rimbalzano a marzo centrando un rialzo annuo del 10,6%, più del 3,5% di gennaio-febbraio e del 7,6% atteso in media dagli analisti, in scia all'allentamento delle misure di contenimento del Covid. Quanto alla produzione industriale, riferisce l'Ufficio nazionale di statistica, la crescita è del 3,9%, ai massimi da ottobre: il dato è in accelerata sul 2,4% combinato di gennaio-febbraio, ma si posiziona sotto il 4% atteso alla vigilia.

 

 

 

xi jinping xi jinping xi jinping rieletto per il terzo mandato xi jinping rieletto per il terzo mandato

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…