ELON MUSK: VIVO, MORTO O “X” – IL CEO DI TESLA, DOPO AVER SMEMBRATO TWITTER MANDANDO A CASA 6.500 DIPENDENTI, VUOLE TRASFORMARE LA PIATTAFORMA IN UNA SUPER APP. LA SUA SCOMMESSA SI CHIAMA “X”, UNA SORTA DI “WECHAT” CHE UNISCE SOTTO LO STESSO TETTO DIGITALE SOCIAL, CONSEGNE DI CIBO, PAGAMENTI, NOTIZIE E MESSAGGISTICA – AD APRILE È STATA FONDATA LA “X CORP” ED È STATO COMPRATO IL DOMINIO “X.COM”…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Beniamino Pagliaro per “la Repubblica – Affari & Finanza”

 

deepfake di elon musk con bikini off deepfake di elon musk con bikini off

Il pre-giudizio positivo sull’uomo dei razzi, il visionario delle rivoluzioni, l’eroe dell’elettrico, ci aveva forse indotto a pensare un nuovo Twitter con i fuochi d’artificio, l’accelerazione, i nuovi mercati, ma Elon Musk ha iniziato semplicemente facendo ordine, razionalizzando, mettendo a posto i conti, e soprattutto tagliando costi. Il personale considerato in eccesso è stato accompagnato alla porta.

 

A sei mesi dal suo costoso acquisto, si può dire che in verità Twitter non sia cambiato nei fondamentali. Alcune modifiche di interfaccia e di sostanza sono arrivate, ma almeno in ciò che l’utente può vedere, sono più piccole novità che rivoluzioni. Quando Musk compra Twitter nell’ottobre 2022 la società viene valutata 44 miliardi di dollari. A fine marzo, un’email di Musk inviata ai dipendenti valuta la società attorno ai 20.  […]

TWITTER TWITTER

 

Poi c’è stato l’impatto con il nuovo proprietario, che ha spaventato a sufficienza gli inserzionisti che già vedevano nel social media uno strumento non primario rispetto all’efficacia di Google, la pervasività di Meta e l’ascesa di TikTok e Amazon. Ora, questa discesa non è ancora finita: i ricavi pubblicitari caleranno del 28% nel 2023 a 2,9 miliardi, secondo Insider Intelligence. Ma l’azienda, garantisce Musk, è più snella e meglio posizionata per muoversi in questo mercato.

 

Twitter ha oggi 1.500 dipendenti, ne aveva 8 mila in ottobre. Il risultato, come ha spiegato Musk alla Bbc negli scorsi giorni, è che la società è quasi a break even. Il taglio dei costi e il ritorno di «gran parte degli inserzionisti» (parole sue) hanno avuto un peso decisivo. […]

elon musk chat gpt elon musk chat gpt

 

[…] La scommessa futura si chiama X: Musk vorrebbe far diventare Twitter il punto di partenza di una super-app, non lontana dal modello cinese di WeChat, che integra social media, food delivery, trasporti, notizie, pagamenti e messaggistica.

 

Un documento depositato a inizio aprile in una causa in un tribunale della California ha ufficializzato la nascita della “X Corp.” e possiede il dominio x.com.

 

Quindi il nome c’è, ora va costruito il resto, e potrebbe non essere opera banale, perché una ipotetica super-app deve affrontare due gravosi problemi. Il primo è la competizione: quasi tutti i player tech provano a espandersi in mercati secondari per sfruttare la loro base utenti e inventare nuovi margini.

 

ELON MUSK ELON MUSK

La concorrenza di Big Tech non starebbe a guardare, come nemmeno quella degli “specialisti”, quelle app che usiamo per fare una sola cosa, ma che funziona molto bene, da prenotare un viaggio aereo a pagare il conto al ristorante. Il secondo problema è nella dimensione: Twitter è piccola, ha meno di 400 milioni di utenti mensili. […]

ELON MUSK TWEET SULLA MORTE DI TWITTER ELON MUSK TWEET SULLA MORTE DI TWITTER elon musk elon musk ELON MUSK TWITTER ELON MUSK TWITTER MEME SU ELON MUSK E TWITTER MEME SU ELON MUSK E TWITTER

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...