IN EUROPA C’E’ CHI LE CONDIZIONI LE DETTA, CHI LE SUBISCE - LUFTHANSA VINCE IL BRACCIO DI FERRO CON LA COMMISSIONE EUROPEA E PORTA A CASA 9 MILIARDI DI AIUTI ALLE SUE CONDIZIONI - DOVRÀ CEDERE ALCUNI DIRITTI DI ATTERRAGGIO E DECOLLO (PERO’ MENO DI QUELLI RICHIESTI) ED È RIUSCITA A OTTENERE CHE NON VADANO ALLA CONCORRENTE RYANAIR - MA IL GOVERNO TEDESCO PONE LE SUE CONDIZIONI PER IL SALVATAGGIO: INGRESSO NEL CAPITALE COL 20% DELLE AZIONI E DUE POSTI NEL CDA…

-

Condividi questo articolo

Luigi Grassia per “la Stampa”

lufthansa lufthansa

 

La Lufthansa, messa in ginocchio dalla pandemia, vince il braccio di ferro contro la Commissione europea sulle condizioni del salvataggio di Stato da 9 miliardi di euro. Vince nel senso che dovrà sì cedere un certo numero di slot (diritti di atterraggio e decollo), però meno di quelli richiesti, inoltre Lufthansa ha ottenuto che tali slot non vadano alla Ryanair, ed è riuscita a escludere anche altri concorrenti sgraditi; cioè ha acquisito la facoltà di scegliersi i competitori.

 

La vicenda si trascina dietro tre paradossi:

1) «Non era mai successo - commenta l' analista di settore Antonio Bordoni - che l' Ue imponesse una cessione di slot in cambio del via libera ad aiuti di Stato. In occasione di fusioni o acquisizioni sì, ma di salvataggi pubblici no».

LUFTHANSA LUFTHANSA

 

2) D' altra parte, non era mai successo che una compagnia aerea obbligata dall' Ue a cedere slot stilasse una lista di veti a specifici concorrenti.

 

3) La Lufthansa ha vinto a Bruxelles ma non a Berlino, visto che pure il governo tedesco (quello che, dopotutto, sgancia i 9 miliardi) pone condizioni per il salvataggio, condizioni di fronte alle quali la compagnia recalcitra.

 

Mercoledì il direttivo di Lufthansa aveva respinto la richiesta della Commissione Ue di rinunciare a 72 slot negli aeroporti di Francoforte sul Meno e di Monaco di Baviera, corrispondenti all' operatività di 12 aerei (sui 300 che Lufthansa ha nei due scali); ieri la compagnia ha detto sì alla controproposta di 48 slot in meno, cioè 8 aerei, e ha ottenuto che tali slot non vadano alla pericolosa concorrente "low cost" Ryanair, e neanche a compagnie extra-europee, e neanche a compagnie europee che abbiano ricevuto aiuti di Stato durante la pandemia, e (per 18 mesi) neanche a compagnie già operanti in questi due aeroporti. Con tali vincoli non sarà facile trovare compagnie subentranti.

 

aereo lufthansa aereo lufthansa

«Per un anno e mezzo» fa sapere Lufthansa «questa opzione è disponibile, solo per nuovi concorrenti, negli aeroporti di Francoforte e Monaco. Se il termine scade e nessun nuovo concorrente si avvale di tale opzione, questa sarà estesa ai concorrenti già esistenti nei rispettivi scali».

 

Resta il malessere di Lufthansa per le condizioni del governo di Berlino al versamento di 9 miliardi: ingresso nel capitale col 20% delle azioni e due posti nel cda. Tale presenza è promessa come silente, ma già lo Stato chiede a Lufthansa di confermare l' ordine di acquisto di aerei del colosso franco-tedesco Airbus per svariati miliardi di euro, con lo scopo (o la scusa) di schierare velivoli più ecologici. Commenta l' analista aeronautico Gregory Alegi: «È comprensibile che un governo che mette tanti soldi voglia stare nel cda a controllare. Ma così stiamo tornando all' epoca delle compagnie di bandiera. In Germania, in Italia, in tutta Europa, gli aiuti di Stato ai vettori e l' ingresso dello Stato nel capitale vengono sistematicamente autorizzati dall' Ue. Così torniamo indietro di molti anni».

lufthansa lufthansa

 

Condividi questo articolo

business

SALVATORE INTERESSATO - L’EX COMMISSARIO CONSOB BRAGANTINI, CHE OGGI SUL ‘’CORRIERE’’ SI SCHIERA CONTRO L’OPS DI INTESA SU UBI, PER CASO È LO STESSO SALVATORE BRAGANTINI CHE ERA AD DI CENTROBANCA, PRIMA CONTROLLATA E POI FUSA IN UBI NEL 2013? VUOI VEDERE CHE È LO STESSO BRAGANTINI CHE RICOPRIVA LA VICEPRESIDENZA DI IW BANK, ISTITUTO SOGGETTO ALL’ATTIVITÀ DI DIREZIONE DI UBI? CHISSÀ SE E’ SEMPRE LUI CHE, SOCIO DI ‘’PERMICRO’’, VENIVA SPONSORIZZATO DA UBI? - INFINE: TRA IL 2016 E IL 2017 È LUI IL VICEPRESIDENTE VICARIO DELLA FALLITA POPOLARE DI VICENZA DI ZONIN O MAGARI UN SUO OMONIMO?