EXOR STRATEGY - JOHN ELKANN MOLLA LA PRESIDENZA DELLA HOLDING DI FAMIGLIA: ARRIVA L’INDIANO AJAY BANGA, GIÀ PRESIDENTE E AD DI MASTERCARD E MEMBRO DEL CDA DEL GRUPPO DAL MAGGIO 2021 - JOHN RESTERÀ AMMINISTRATORE DELEGATO CON PIENI POTERI - ALTRA NOVITÀ INTERESSANTE È L’INGRESSO NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI AXEL DUMAS, PRONIPOTE DI EMILE HERMES E AD DELLA MAISON FRANCESE: SEGNO CHE IL LEGAME CON IL BRAND DEL LUSSO È CRUCIALE PER GLI AGNELLI…

-

Condividi questo articolo


Sandro Iacometti per “Libero quotidiano”

 

john elkann a venezia john elkann a venezia

L'indiano Ajay Banga è il nuovo presidente di Exor. Affiancherà John Elkann, che resta amministratore delegato con pieni poteri. La decisione del cda di separare per la prima volta gli incarichi, seguendo una pratica molto diffusa nelle società internazionali, è arrivata nel giorno dell'assemblea che ha approvato il bilancio e le politiche di remunerazione.

 

Banga, 62 anni, businessman di lunga carriera, per più di 10 anni presidente e ad di Mastercard, con competenze nell'ambito dei dati, della tecnologia, dei servizi finanziari e dei beni di consumo, attualmente è vice presidente di General Atlantic, uno dei maggiori fondi di private equity, ed è anche consigliere indipendente di Temasek, la società di investimento globale basata a Singapore. È entrato nel cda della holding degli Agnelli dal maggio 2021 e più recentemente ha presieduto il Comitato Esg.

 

GOVERNANCE

Exor Elkann Exor Elkann

«In qualità di membro del consiglio di amministrazione, Ajay condivide il nostro obiettivo, che è di costruire grandi società. Con la sua ulteriore responsabilità di presidente, renderà Exor più forte, grazie alla sua esperienza e alla sua capacità di giudizio. Questa nomina consentirà inoltre di allineare la governance di Exor con quella delle nostre società, permettendo al contempo di concentrarmi sulla prossima fase del nostro sviluppo», ha commentato Elkann.

ajay banga ajay banga

 

Saluti di benvenuto calorosamente ricambiati da Banga, che assumerà il ruoli di presidente e amministratore senior non esecutivo: «Il nostro mondo è in rapido cambiamento su tanti fronti, e John e la sua squadra in Exor continuano a trasformare la società guardando al futuro.

 

È un gran momento per far parte di questo viaggio: sono felice di avere l'opportunità per lavorare a stretto contatto Ajay Banga con John e con gli altri componenti del Consiglio».

 

john elkann exor john elkann exor

Ma lo spacchettamento delle poltrone non è l'unica novità di ieri. Nel cda è infatti è entrato anche Axel Dumas, pronipote di Emile Hermes ed oggi ad di Hermes International. Un nuovo segnale del legame con la maison francese e dell'interesse di Exor per il settore del lusso.

 

Dumas, che sarà non-executive director per la durata di un anno, sostituisce Joseph Bae. Axel, ha detto Elkann, «guida un'azienda famigliare giunta alla sesta generazione, che non è solo un simbolo di eccellenza e di tradizione, ma è apprezzata anche per aver saputo realizzare con successo un percorso di rinnovamento e di cambiamento».

AXEL DUMAS AXEL DUMAS

 

L'assemblea generale ha poi approvato il bilancio 2021 e la distribuzione di un dividendo di 0,43 euro per azione, per un ammontare massimo di quasi 100 milioni di euro (i dividendi diventeranno pagabili il 22 giugno), e al riacquisto di azioni della società sul mercato per un importo massimo di 500 milioni di euro e per i successivi 18 mesi.

 

AJAY BANGA f AJAY BANGA f

Gli azionisti hanno anche espresso parere positivo sulla relazione sulle remunerazioni 2021. «La politica di remunerazione per gli amministratori di Exor- viene precisato - è stata modificata per allinearsi alla creazione di valore basata sulle performance di lungo termine, in linea con le raccomandazioni di azionisti e altri stakeholder». Inoltre, è stato approvato un nuovo piano di performance in azioni destinato agli amministratori esecutivi.

ajay banga ajay banga

 

Condividi questo articolo

business

DRAGHI E MATTARELLA A TUTTO GAS! – IL PREMIER VOLA ALLA CORTE DEL “DITTATORE” ERDOGAN PER DISCUTERE DI UN AUMENTO DEI FLUSSI DI GAS E DI UN MAGGIORE CONTROLLO SUI MIGRANTI – IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IN MOZAMBICO SI È MOSSO PER FAR AVERE ALL’ITALIA UNA FETTA DEI GIACIMENTI OFF SHORE PIÙ RICCHI DI GAS AL MONDO, CON RISERVE STIMATE FINO A 2.400 MILIARDI DI METRI CUBI – DUE MISSIONI CRUCIALI PER EVITARE UNA CRISI ENERGETICA INVERNALE E SOTTRARSI ALLA DIPENDENZA DI PUTIN…