PER FORTUNA CHE LE SANZIONI OCCIDENTALI DOVEVANO METTERE IN GINOCCHIO MOSCA - IN RUSSIA I MILIONARI SPENDONO E SPANDONO, COMPRANDO I PRODOTTI DI ALTA MODA EUROPEI IMPORTATI NEL PAESE ATTRAVERSO I “CONTRABBANDIERI” DI MERCI – A MOSCA LO CHAMPAGNE SCORRE A FIUMI ALLE FESTE DOVE GLI OLIGARCHI SI CONSOLANO SAPENDO CHE NON POSSONO ANDARE A SVACCANZARE IN EUROPA – MENTRE NELLA RUSSIA PROFONDA C’È CHI NON SI PUÒ PERMETTERE NEANCHE LE UOVA, IL CUI PREZZO È SCHIZZATO ALLE STELLE...

-

Condividi questo articolo


Articolo de “The Economist” – Dalla rassegna stampa estera di “Epr Comunicazione”

 

PETROLIO RUSSIA PETROLIO RUSSIA

L'inverno a Mosca è un periodo di feste. Un amico mi ha raccontato di una particolarmente sfarzosa a cui ha partecipato in un nightclub. I DJ suonavano un'ipnotica trance psichedelica, lo champagne scorreva a fiumi e le luci rosse illuminavano la pista da ballo. A quasi due anni dalla guerra in Ucraina, i moscoviti sembrano aver recuperato la loro capacità di edonismo.

 

Sforzandosi di farsi sentire sopra i ritmi incalzanti, i partecipanti alla festa del mio amico si scambiavano storie di guadagno nella nuova economia russa. Le difficoltà di accesso ai dollari avevano creato nuove opportunità nelle transazioni denominate in rubli. I progetti di costruzione stavano per essere avviati. I partner occidentali erano desiderosi di continuare a fare affari. E nuovi clienti sono stati trovati in Cina e in India.

RUSSIA SANZIONI RUSSIA SANZIONI

 

Il mio amico, un consulente aziendale europeo, è rimasto colpito dall'euforia dei russi ricchi, il tipo di persone che normalmente sarebbero state a sciare a Courchevel in questo periodo dell'anno. "Sanno che non potranno tornare sulle Alpi francesi per 25 anni", ha detto. "Fino ad allora possono andare a Dubai o fare festa qui: è piuttosto folle" – scrive The Economist.

 

Mentre la Russia entra nel 2024 e la campagna per l'inevitabile rielezione del Presidente Vladimir Putin si riscalda, il regime è desideroso di raccontare una bella storia sulla capacità del Paese di resistere alla guerra. Può raccogliere una quantità sorprendente di prove a sostegno di questa tesi.

 

SANZIONI CONTRO LA RUSSIA SANZIONI CONTRO LA RUSSIA

L'economia russa non è crollata sotto le sanzioni senza precedenti del 2022, come alcuni avevano previsto. Le vendite di petrolio e gas all'Occidente sono crollate, ma l'aumento dei prezzi dell'energia ha alleviato il dolore e il governo ha trovato nuovi acquirenti in Asia. Il rublo ha subito una forte svalutazione nel 2023, ma da allora si è stabilizzato. La vasta spesa pubblica per la guerra ha nel frattempo creato posti di lavoro. L'inflazione rimane ostinata e si prevede un rallentamento nel 2024, quando la banca centrale manterrà alti i tassi di interesse per combatterla, ma l'anno scorso Putin ha potuto vantarsi, non poco, che l'economia era cresciuta di oltre il 3%.

 

GLI YACHT RUSSI EVASI DALLE SANZIONI GLI YACHT RUSSI EVASI DALLE SANZIONI

La Russia deve ancora importare molti prodotti, che il rublo indebolito rende più costosi. Ma chi non è povero sembra in grado di assorbire gli aumenti di prezzo, almeno per ora. Ci sono stati dei problemi iniziali di approvvigionamento quando le banche russe sono state tagliate fuori dai sistemi di trasferimento internazionali. Ma i moscoviti della classe media hanno trovato dei rimedi e ora possono acquistare marchi occidentali su Internet con poche difficoltà. Usmall, un marketplace online, elenca iPhone e vestiti per bambini Ralph Lauren al prezzo in rubli, che possono essere acquistati da fornitori terzi con carte bancarie russe.

 

la russia dopo le sanzioni 9 la russia dopo le sanzioni 9

I negozi di Mosca sono ben forniti di prodotti di marca. La maggior parte dei marchi di lusso occidentali ha smesso di spedire ai negozi russi nel 2022, ma quando ho visitato Tsum, l'equivalente russo di Harrods, poco prima di Natale, una commessa mostrava con orgoglio ai clienti le ultime borse di Gucci, Chanel e Louis Vuitton. Acquistate in Europa e riportate in Russia nel bagaglio di un "personal shopper", non c'erano molti articoli della nuova stagione sugli scaffali, ma abbastanza da giustificare il cartello "Collezione 2023-24".

 

la russia dopo le sanzioni 8 la russia dopo le sanzioni 8

Alcuni dei capi esposti erano di seconda mano. L'assistente alle vendite ha mostrato un'applicazione che il negozio ha sviluppato per facilitare ai clienti russi la rivendita di articoli di lusso non desiderati. Anche una borsa di Gucci usata non è esattamente a buon mercato, ma poiché il suo prezzo è espresso in rubli, le fluttuazioni dei tassi di cambio possono farla diventare, secondo la logica tortuosa dei moscoviti, un affare in euro. "Un buon affare per gli acquirenti russi", ha detto l'assistente in modo sornione.

 

la russia dopo le sanzioni 7 la russia dopo le sanzioni 7

C'è qualcosa di fragile e un po' performativo nel consumo esuberante che si sta verificando a Mosca in questo momento. Sebbene al Cremlino piaccia suggerire che la Russia è una nazione legata da valori comuni, che lotta collettivamente contro le avversità, l'umore nella capitale sembra essere meno di resilienza e più di negazione.

 

Una festa invernale di lusso tenutasi di recente in un altro locale notturno ha mostrato una tale mancanza di spirito bellico - la padrona di casa è stata fotografata con una body-chain di diamanti - che le autorità l'hanno considerata una violazione dell'ordine pubblico. Il logo "Z", simbolo di sostegno all'invasione dell'Ucraina, era un tempo ben visibile in tutta la città. Ora è quasi scomparso. I manifesti di reclutamento alle fermate degli autobus, che mostrano soldati aerografati in nuovi equipaggiamenti da combattimento, sono gli unici ricordi visivi della guerra. "Tutti ne sono stanchi", mi ha detto un giovane professionista. "Abbiamo voltato pagina".

 

la russia dopo le sanzioni 5 la russia dopo le sanzioni 5

Altrove ci sono segnali che indicano che l'invasione dell'Ucraina potrebbe aver sconvolto l'economia russa più gravemente di quanto suggerisca la spumeggiante scena delle feste. L'insalata Olivier, un dolce intriso di maionese con ortaggi a radice, salsiccia e uova sode, è un piatto forte su tutte le tavole durante le feste. Quest'inverno il prezzo delle uova è improvvisamente salito alle stelle (non si sa bene perché, ma forse perché le aziende agricole erano a corto di manodopera, dato che molti lavoratori sono stati arruolati o hanno lasciato il Paese).

 

In alcune regioni la gente non può permettersi una scatola di sei uova e deve comprarle singolarmente. Un pensionato ha addirittura sollevato la questione con Putin durante l'annuale incontro di fine anno del Presidente con il pubblico. Putin ha promesso di esaminare la questione.

 

la russia dopo le sanzioni 3 la russia dopo le sanzioni 3

Verso la fine dell'anno scorso, la banca centrale ha pubblicato dei dati che hanno confermato i sospetti degli scettici: I russi hanno cambiato i loro rubli in contanti in valuta forte, a un volume che non si vedeva dai primi mesi di panico della guerra del 2022. Non tutte queste attività sono un segno di preoccupazione: l'aneddotica suggerisce che alcune persone vogliono convertire i loro rubli in dollari per essere in grado di acquistare beni quando la valuta locale subisce uno dei suoi crolli a breve termine (osservare i tassi di cambio è un passatempo russo). Ma molti sembrano anche voler mantenere i propri risparmi in euro o in dollari.

 

A ben vedere, si tratta di una scelta rischiosa: I russi sono teoricamente tagliati fuori dal sistema bancario occidentale e una scorta sotto il materasso è soggetta a furti. Ma c'è un hack anche per questo: un contatto d'affari mi dice che i russi hanno iniziato a trasferire i risparmi in valuta forte su conti bancari appena aperti in Armenia e Kazakistan. Alcuni siti occidentali bloccano l'accesso ai browser russi, ma i professionisti della classe media di Mosca possono usare una rete privata virtuale (vpn) per nascondere la propria identità e muovere liberamente i dollari su Internet.

la russia dopo le sanzioni 13 la russia dopo le sanzioni 13

 

Dall'inizio della guerra, le autorità russe hanno bloccato molti siti stranieri, come Facebook e Instagram; le vpn sono diventate un'ancora di salvezza per i russi che vogliono consumare informazioni al di fuori della narrativa ufficialmente sanzionata. Le autorità hanno dato un giro di vite ai fornitori di vpn, rendendo tali connessioni sempre più instabili. Un amico mi ha detto che, piuttosto che consumare notizie di cui non si fidano, molti russi della classe media hanno acquistato il proprio spazio server in Europa occidentale per mantenere il proprio traffico Internet sicuro.

la russia dopo le sanzioni 11 la russia dopo le sanzioni 11

 

Grazie a queste elaborate manovre, le élite moscovite sono riuscite a mantenere una vita ragionevolmente confortevole per se stesse. Non molto tempo fa sono andato a una festa in un attico. Era una scena russa da cartolina: una bufera di neve turbinava fuori dalle enormi finestre e Prokofiev risuonava negli altoparlanti. Gli ospiti sorseggiavano vino francese e italiano, riempiendo i loro piatti con il caviale russo del buffet.

 

la russia dopo le sanzioni 10 la russia dopo le sanzioni 10

L'atmosfera che si respirava in questo gruppo elegante poteva essere definita "patriottica". Alcuni di loro erano abbastanza anziani da ricordare l'epoca sovietica ed evitavano istintivamente di parlare di politica. Quelli che non lo facevano usavano un codice tacito. Non criticavano il governo ma, a differenza di alcuni dei frequentatori dei locali notturni, non si esprimevano con slogan sciovinisti. Nessuno ha menzionato la guerra, anche se era implicito ogni volta che uno di loro faceva riferimento ai faticosi collegamenti aerei che devono fare in questi giorni per andare a trovare i figli adulti in Italia e in Gran Bretagna.

LE SANZIONI DEVASTANTI DELL OCCIDENTE CONTRO LA RUSSIA LE SANZIONI DEVASTANTI DELL OCCIDENTE CONTRO LA RUSSIA

 

Si tratta di un gruppo di elettori che Putin deve tenere al fianco per un lungo periodo, e non tutti gli ospiti erano contenti della sua visione del futuro della Russia. "Sto cercando di decidere se i miei figli saranno educati nel Regno Unito o negli Stati Uniti", ha detto un dirigente. "Sicuramente non saranno né in Cina né in Russia".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP