LA FRANCIA NON MOLLA L'OSSO DI ITA - ARRIVA UNA NUOVA RICAPITALIZZAZIONE PER AIR FRANCE-KLM, COLOSSO DEI CIELI FRANCO-OLANDESE, CON LA BELLEZZA DI 2,26 MILIARDI SUL PIATTO: UN MAXI AUMENTO DI CAPITALE CHE FARÀ DA TESORETTO PER PROVARE A SCALARE LA COMPAGNIA NATA DALLE CENERI DELL'ALITALIA - MA MSC E LUFTHANSA SONO ANCORA IN VANTAGGIO…

-

Condividi questo articolo


Leonardo Martinelli per “La Stampa

 

air france klm 2 air france klm 2

Ci risiamo: arriva una nuova ricapitalizzazione per Air France-Klm, colosso dei cieli franco-olandese, in fase di guarigione dopo la pandemia, ma ancora troppo fragile. Sono la bellezza di 2,26 miliardi di euro e l'operazione permetterà l'entrata nel capitale di Cma Cgm, terzo gruppo al mondo di portacontainer, con sede a Marsiglia (che va benissimo e, mediante una partnership nel trasporto aereo di merci, darà nuovo slancio a Air France-Klm). Ma l'aumento di capitale è necessario pure per dare al gruppo la possibilità di prendere il controllo di Ita Airways.

 

air france klm air france klm

Lo Stato in campo

Per salvare Air France-Klm dal Covid, lo Stato francese e quello olandese (rispettivamente primo azionista e secondo, con il 28,6% e il 9,3% del capitale) hanno sborsato, tra prestiti diretti e quelli bancari garantiti dalle casse pubbliche, 10,4 miliardi, ai quali se ne aggiungono altri quattro di un primo aumento di capitale nell'aprile 2021.

 

ita alitalia 1 ita alitalia 1

Per dare il via libera agli aiuti di Stato, però, la Commissione europea ha imposto alcune condizioni. E una è la seguente: Air France-Klm non potrà prendere il controllo di più del 10% del capitale di un'altra compagnia aerea, finché non avrà rimborsato almeno il 75% di quei contributi pubblici.

 

E così, già a partire dalla ricapitalizzazione dell'anno scorso, il rimborso è iniziato ed è continuato negli ultimi mesi, sfruttando conti in miglioramento. E andrà avanti con il nuovo aumento: 1,7 miliardi sui 2,26 previsti saranno utilizzati per riscattare obbligazioni subordinate detenute dallo Stato francese.

 

FABIO LAZZERINI ALFREDO ALTAVILLA - ITA AIRWAYS FABIO LAZZERINI ALFREDO ALTAVILLA - ITA AIRWAYS

Come indicato ieri dal sito di Les Echos, il principale quotidiano economico francese, «dopo questo aumento di capitale, nel mese di giugno, Air France-Klm avrà rimborsato il 75% degli aiuti di Stato ricevuti». E, proprio alla fine di quel mese il governo italiano vorrebbe concludere la cessione di Ita.

 

AEREO ITA AIRWAYS LINATE AEREO ITA AIRWAYS LINATE

Ben Smith, dal 2018 amministratore delegato del gruppo franco-olandese, ha spiegato ieri che l'obiettivo della nuova ricapitalizzazione «è cogliere ogni opportunità che un settore in evoluzione, come quello dell'aviazione, presenta». Non ha parlato esplicitamente di Ita, ma quella è giudicata «un'opportunità» dalla compagnia che fu il partner storico della vecchia Alitalia.

 

msc msc

Le mosse dei rivali

Intanto il ministero dell'Economia italiano ha ricevuto per la newco due proposte: una da parte di Lufthansa assieme a Msc (gruppo italo-svizzero controllato dalla famiglia Aponte) che secondo le indiscrezioni sarebbe favorita e l'altra dal fondo Usa Certares con Delta Airlines e proprio Air France-Klm.

 

gianluigi aponte msc gianluigi aponte msc

Quest'ultimo tandem, però, non ha ancora proposto una partecipazione nel capitale, perché, per le note ragioni, è al momento impossibile per il gruppo franco-olandese.

 

lufthansa lufthansa

Adesso le cose cambiano con un aumento di capitale al quale lo Stato francese e olandese hanno annunciato di partecipare al pari delle loro quote, mentre gli altri due azionisti principali, China Eastern Airlines (9,6%) e Delta Airlines (5,8%), accettano di diluire la loro partecipazione, consentendo l'entrata di Cma Cgm, proprietà della dinastia franco-libanese dei Saadé, con un investimento di 400 milioni. Diventerà il terzo azionista con una quota del 9 per cento.

 

Condividi questo articolo

business

CHE SENSO HA FARE L’AMAZON ITALIANA SE C’È GIÀ QUELLA ORIGINALE, CHE FUNZIONA MEGLIO? – SE LO DOVEVA CHIEDERE CHI HA BUTTATO UNA MAREA DI SOLDI IN “EPRICE”: PAOLO AINIO DI BANZAI, MATTEO ARPE, PIETRO BOROLI E ALTRI FINANZIERI E IMPRENDITORI, CHE SOGNAVANO DI CREARE UN SITO DI E-COMMERCE PARAGONABILE AL COLOSSO DI BEZOS. E INVECE, DOPO LA QUOTAZIONE E TANTE SPERANZE, IL SITO È AL COLLASSO: IL PATRIMONIO È AZZERATO E L’UNICA ANCORA DI SALVEZZA SONO GLI EMIRATINI DI “NEGMA”, CHE HANNO PROMESSO 20 MILIONI DI LIQUIDITÀ

NUVOLA NERA – CHE STA SUCCEDENDO NELLA BATTAGLIA PER IL CLOUD NAZIONALE? LA CORDATA TIM-LEONARDO-CDP-SOGEI HA GIÀ ANNUNCIATO CHE FARÀ UN RILANCIO PER PAREGGIARE L’OFFERTA, DA 2,68 MILIARDI, DI ARUBA E FASTWEB. TUTTO BENE? MICA TANTO: LE DUE AZIENDE,  CHE SI SONO AGGIUDICATE LA GARA IN PRIMA BATTUTA, VOGLIONO FARE RICORSO. ARUBA E FASTWEB SOSTENGONO INFATTI CHE LA POSSIBILITÀ DI RILANCIARE VENGA DATA ALLA CORDATA “PUBBLICA” PER FAVORIRLA, IN PIENA VIOLAZIONE DELLE LEGGI EUROPEE…