IL GIORNO DELLA MARMOTTA DELLE AZIENDE ITALIANE – IL “FINANCIAL TIMES” TRA IL SERIO E IL FACETO ANALIZZA LA SITUAZIONE DELLE TELENOVELE MPS, ITA E TIM: “SONO L'ESPRESSIONE DEL PECULIARE MODO DI CONCEPIRE IL CAPITALISMO IN ITALIA. I POSTI DI LAVORO SONO PROTETTI E LE OPERAZIONI DI FUSIONE E ACQUISIZIONE SONO RARE. CIÒ HA FAVORITO LA NASCITA DI GRUPPI DI DIMENSIONI INFERIORI, STRATEGICAMENTE IN DIFFICOLTÀ, CON BASI DI COSTO GONFIE E RIVALI SNELLI E AFFAMATI. È NECESSARIO UN CONSOLIDAMENTO” – “UN CAMBIO DI GOVERNO PORTA SEMPRE INCERTEZZA. DATA LA REGOLARITÀ DI QUESTO EVENTO IN ITALIA, L'INCERTEZZA È L'UNICA COSA SU CUI SI PUÒ CONTARE”

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

giorgia meloni giorgia meloni

Cosa si aspettano i mercati da Giorgia Meloni? Risponde il Financial Times, con un editoriale dell’autorevolissima colonna “Lex”, che analizza la situazione delle “soap opera” Mps, Ita e TIM.

 

Il quotidiano della City parla apertamente di “Giorno della marmotta” per “molte aziende italiane”: “Gli investitori stranieri sperano che il nuovo primo ministro Giorgia Meloni sia coraggioso nel porre fine a queste saghe di lunga data. L'esperienza amara sta mitigando le loro aspettative.

 

pietro labriola pietro labriola

I titoli dei giornali economici riportano i soliti sospetti. ITA, la compagnia aerea precedentemente nota come Alitalia, è stata nazionalizzata e sta cercando un acquirente. Telecom Italia Mobile, affaticata dai debiti delle passate acquisizioni, è invischiata in un lungo tentativo di fusione della sua rete con Open Fiber. Il Monte dei Paschi di Siena sta procedendo alla più importante raccolta di capitali dopo l'ultima.

 

ita airways ita airways

Queste telenovele sono l'espressione del peculiare modo di concepire il capitalismo in Italia. I posti di lavoro sono rigorosamente protetti e le operazioni di fusione e acquisizione sono di conseguenza rare. Ciò ha favorito la nascita di gruppi di dimensioni inferiori, strategicamente in difficoltà, con basi di costo gonfie e rivali snelli e affamati.

 

giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

È necessario un consolidamento. ITA deve unirsi a una rete internazionale di rotte a lungo raggio. MPS dovrebbe entrare in una rete bancaria più grande. Due reti a banda larga hanno senso solo per duplicare i dipendenti.

 

Le possibilità che il nuovo governo Meloni colga l'occasione?

 

LUIGI LOVAGLIO MONTE DEI PASCHI DI SIENA LUIGI LOVAGLIO MONTE DEI PASCHI DI SIENA

ITA è una versione più leggera di Alitalia, avendo perso zavorra durante il viaggio. Ma lo slancio della privatizzazione si è arenato di fronte alle trattative con Delta-KLM e il gruppo di private equity Certares.

 

Il Monte dei Paschi di Siena ha annunciato la perdita di 3.500 posti di lavoro, ma i potenziali acquirenti restano cauti. Per quanto riguarda Telecom Italia Mobile, gli azionisti di Open Fiber hanno appena chiesto una proroga per fare un'offerta.

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Un cambio di governo porta sempre incertezza. Data la regolarità di questo evento in Italia, l'incertezza è l'unica cosa su cui si può contare. Il rovescio della medaglia della linea rassicurantemente moderata della Meloni su questioni puramente politiche è che è improbabile che si dimostri radicale sulla proprietà statale.

 

Il suo successore può anche aspettarsi di lottare con una compagnia aerea, una banca senese e un paio di reti di telecomunicazioni."

HORROR STORY MPS HORROR STORY MPS giorgia meloni 2 giorgia meloni 2 ita airways 9 ita airways 9 alfredo mantovano giorgia meloni alfredo mantovano giorgia meloni ita airways 8 ita airways 8 GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI MONTE DEI PASCHI DI SIENA MONTE DEI PASCHI DI SIENA

 

ita airways 7 ita airways 7

 

 

Condividi questo articolo

business

UN WURSTELONE PER IL GOVERNO ITALIANO – LUFTHANSA VUOLE PRENDERSI “ITA” A PREZZO DI SALDO: LA COMPAGNIA TEDESCA OFFRE 250 MILIONI PER IL 51% DELL’EX ALITALIA. MENO DELLA METÀ DEL GENNAIO 2022, QUANDO SI PROPOSE INSIEME A MSC, E VENNE RIFIUTATA DAI TECNICI DEL MEF (GUIDATI DAL DG ALESSANDRO RIVERA) – ORA LA MAGGIORANZA STA LAVORANDO PER CONVINCERE APONTE A TORNARE IN PISTA: GLI AMBASCIATORI CHE DOVREBBERO CONVINCERE IL CAPO DI MSC SONO GIANNI LETTA E/O FABRIZIO PALENZONA. MA SARÀ DURA…