GOLDMAN POWER - TIM HA SCELTO GLI ADVISOR CHE DOVRANNO AFFIANCARE LA SOCIETÀ PER PORTARE AL CDA L’OFFERTA DI KKR. GOLDMAN SACHS E LIONTREE SARANNO I CONSULENTI FINANZIARI, LO STUDIO GATTI, PAVESI, BIANCHI E LODOVICI SI OCCUPERÀ DELLA PARTE LEGALE - IL POST DI BEPPE GRILLO E LE MIRE DI BOLLORÉ, CHE CERCA SPONDE IN CDP PER SPINGERE KKR A OFFRIRE PIÙ SOLDI…

-

Condividi questo articolo


Carlotta Scozzari per “La Stampa”

salvatore rossi foto di bacco (1) salvatore rossi foto di bacco (1)

 

Tim supera le difficoltà e sceglie i consulenti che affiancheranno il comitato coordinato dal presidente, Salvatore Rossi, per portare al consiglio di amministrazione del 17 dicembre la «manifestazione di interesse indicativa e non vincolante inviata da Kohlberg Kravis Roberts & Co. il 19 novembre».

 

goldman sachs 7 goldman sachs 7

Lo ha annunciato una nota giunta in serata, da cui sono emersi nomi di consulenti inattesi: Goldman Sachs e LionTree, che agiranno come advisor finanziari, mentre in vantaggio sino a ieri erano dati Barclays e Bank of America Merrill Lynch in quanto considerati in grado di garantire discontinuità con l'ex amministratore delegato, Luigi Gubitosi, che secondo alcune ricostruzioni vedrebbe con favore l'offerta di Kkr.

LIONTREE LIONTREE

 

In qualità di consulente legale è stato, invece, scelto lo Studio Gatti, Pavesi, Bianchi e Ludovici. «Gli advisor - puntualizza Tim - supporteranno il cda nell'analizzare anche possibili alternative strategiche per la miglior valorizzazione e/o sviluppo del gruppo e dei suoi asset nell'interesse della società, dei suoi azionisti e stakeholder».

 

luigi gubitosi luigi gubitosi

Dal canto suo, Kkr ha già scelto come consulenti Jp Morgan, Morgan Stanley e Citi. Mentre per Cassa depositi e prestiti, socia di Telecom al 9,8%, si scalda in panchina Credit Suisse, con cui esiste una tradizione consolidata e che già in uno studio di ieri sulle telecomunicazioni si definiva «restricted» su Tim, ossia con una limitata possibilità di analisi.

 

ARYEH BOURKOFF - LIONTREE ARYEH BOURKOFF - LIONTREE

Quanto a Vivendi, prima azionista al 23,8%, si è detta aperta alla possibilità di un controllo dello Stato sulla rete, che quindi dovrebbe essere scorporata dal gruppo ex monopolista. Il controllo pubblico potrebbe essere garantito dalla presenza in maggioranza di Cdp, fresca azionista al 60% di Open Fiber, società della fibra ottica che potrebbe rientrare nel disegno e che già secondo l'ex governo Conte avrebbe dovuto dare vita al progetto di "rete unica" proprio con Tim.

kkr kkr

 

La questione dell'infrastruttura, del resto, ha una forte connotazione politica, in primo luogo perché Palazzo Chigi, che su Telecom ha predisposto uno specifico "Supercomitato", non esclude di esercitare i poteri speciali del "golden power" in difesa dell'attività.

 

Proprio ieri, poi, il fondatore del Movimento 5 stelle, Beppe Grillo, non solo ha sostenuto che la separazione della rete rappresenterebbe «una condanna a morte» per l'azienda telefonica e che l'ipotesi sarebbe irrealistica tanto quanto una fusione con Open Fiber, distruggendo di fatto il vecchio disegno dell'esecutivo Conte, ma ha anche sottolineato che «Cdp può dare finalmente stabilità all'azionariato di Telecom».

beppe grillo al mare in sardegna 10 beppe grillo al mare in sardegna 10

 

Non è un caso che proprio Vivendi sia alla ricerca di una sponda nella Cassa (c'è già stato un incontro la settimana scorsa che tuttavia non avrebbe ancora portato i frutti sperati dai francesi), con l'obiettivo di spingere Kkr a proporre un prezzo maggiore degli 0,505 euro per azione Tim ipotizzati, se non addirittura con l'obiettivo di mettere a punto un vero e proprio progetto alternativo a quello del fondo statunitense. Che, a sua volta, si dice «concentrato sul piano» per mettere le mani su Tim.

VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE

goldman sachs 1 goldman sachs 1 LA FOTOGRAFIA DI TIM - AZIONISTI E SITUAZIONE FINANZIARIA LA FOTOGRAFIA DI TIM - AZIONISTI E SITUAZIONE FINANZIARIA

 

Condividi questo articolo

business

GENERALI IN RITIRATA – LE DIMISSIONI DI SABRINA PUCCI, CONSIGLIERE INDIPENDENTE CONSIDERATA VICINA AI PATTISTI, SONO STATE ACCOLTE DAL PRESIDENTE GALATERI CON UN “RINGRAZIAMENTO”, A DIFFERENZA DI QUELLE DI CALTAGIRONE E BARDIN – MA TUTTE QUESTE DIMISSIONI A RIDOSSO DELLA SCADENZA NATURALE NON POSSONO PASSARE INOSSERVATE: LA PUCCI HA MOSTRATO INSOFFERENZA RISPETTO AL CLIMA NEL LEONE. E ORA IL BOARD POTREBBE ESSERE INTEGRATO CON NUOVI CANDIDATI, CHE POTREBBERO ESSERE COOPTATI NELLA FUTURA LISTA DEL CDA…