GOOGLE ACCUSATA DI "INSIDER TRADING" - SECONDO IL TEXAS E ALTRI NOVE STATI IL GIGANTE DELLA TECNOLOGIA GESTISCE UNO "SCHEMA SEGRETO" CHE GLI CONSENTE DI UTILIZZARE I DATI DEGLI EDITORI ONLINE PER FAVORIRE LE AZIENDE CHE UTILIZZANO LA SUA TECNOLOGIA – QUESTO SISTEMA, CHIAMATO “PROGETTO BERNANKE”, HA FRUTTATO A GOOGLE MILIONI DI DOLLARI – L'ACCORDO CON FACEBOOK...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Dailymail.com

 

Google Google

Google è stata citata in tribunale dallo Stato del Texas e da altri nove Stati per aver violato le leggi antistrust statunitensi e per "insider trading" sul mercato pubblicitario. Il gigante della Silicon Valley è accusato di aver favorito i suoi inserzionisti utilizzando i dati sensibili di proprietà degli editori.

 

Secondo il Wall Street Journal, che ha visionato i documenti del processo, il programma di Google, noto come “Project Bernanke” ha generato centinaia di milioni di entrate per l’azienda e le ha dato un vantaggio sleale sui rivali.

 

brin e page anni 90 brin e page anni 90

Google ha un accesso senza precedenti a una quantità enorme di dati: quelli dei venditori di annunci e quelli degli acquirenti. Gli editori online e i media utilizzano la piattaforma di Google AdX (DoubleClick Ad Exchange) per vendere i loro spazi pubblicitari. Da questo database Google ha accesso a moltissime informazioni: quanto viene addebitato per gli annunci, quanto spesso vengono venduti, a chi vengono venduti e, soprattutto, quanto le aziende sono disposte a pagare nelle aste per ottenere uno spazio pubblicitario.

 

mark zuckerberg mark zuckerberg

Anche gli inserzionisti online utilizzano la piattaforma di Google per acquistare gli annunci. Esistono due strumenti a loro disposizione: DV360 e Google Ads. Ogni volta che un annuncio viene acquistato utilizzandolo uno di questi, Google riceve una percentuale.

 

Secondo l’accusa, Google ha utilizzato le informazioni di AdX per aiutare i suoi clienti a piazzare offerte pubblicitarie vincenti, guadagnando cifre da capogiro.

Il processo ha fornito anche maggiori dettagli su un accordo tra Google e Facebook, noto come “Jedi Blue”, per far convergere pubblicità sulla piattaforma social in cambio di un forte investimento (almeno 500 milioni di dollari) dell’azienda di Zuckeberg su Ads.

 

Condividi questo articolo

business

IL FONDO NON DIMENTICA - BLACKSTONE METTE IL VETO SUL COINVOLGIMENTO DELL’AVVOCATO SERGIO EREDE NELL’OPERAZIONE ATLANTIA: “CON LUI NON LAVORIAMO” - PER L’OPA (CON SUCCESSIVO DELISTING PER EVITARE L’ASSALTO DI FLORENTINO PEREZ) I BENETTON SI SONO AFFIDATI AL NOTO AVVOCATO MA IL FONDO AMERICANO SI E’ MESSO DI TRAVERSO - MOTIVO? NON HA DIMENTICATO IL RUOLO DI EREDE, AL FIANCO DI URBANO CAIRO, NELLA BATTAGLIA CONTRO BLACKSTONE (CON TANTO DI ACCUSE DI “USURA”) PER LA CONTESTATA VENDITA DELLA SEDE DEL “CORRIERE” DI VIA SOLFERINO

IL “MR. WOLF” DEGLI OLIGARCHI RUSSI – BABAK DASTMALTSCHI È IL CAPO DEL DESK RUSSIA DI CREDIT SUISSE: È A LUI CHE SI RIVOLGONO I MILIARDARI DI MOSCA PER PORTARE LE PROPRIE RICCHEZZE IN SVIZZERA, MA ANCHE PER FACILITARE I LORO AFFARI – E LA BANCA SVIZZERA RINGRAZIA: È ARRIVATA A GESTIRE FINO A 60 MILIARDI DI DOLLARI DI PATRIMONI RUSSI, CHE HANNO FRUTTATO ALLE CASSE DELL’ISTITUTO 5-600 MILIONI ALL’ANNO – USMANOV, ABRAMOVICH, DERIPASKA: CHI SONO GLI OLIGARCHI CHE HANNO RICHIESTO I SUOI SERVIGI…

MOSCA A UN PASSO DAL DEFAULT – GLI STATI UNITI NON HANNO RINNOVATO UNA LICENZA CHE PERMETTEVA ALLA RUSSIA DI ONORARE IL PROPRIO DEBITO, NONOSTANTE LE SANZIONI: ORA IL CRAC È INEVITABILE. E I CREDITORI SI ATTACCANO! – IL CREMLINO PARLA DI DEFAULT “ARTIFICIALE” E FA FINTA CHE VADA TUTTO BENE, MA LA BANCA CENTRALE SI MUOVE E TAGLIA I TASSI DAL 14 ALL'11% – IL MINISTRO DELLE FINANZE, SILUANOV: "PAGHEREMO IN RUBLI - CHE JE FREGA, CONTINUANO A INCASSARE UN MILIARDO DI DOLLARI AL GIORNO DA GAS E PETROLIO, E IL TOTALE DEL DEBITO ESTERO IN SCADENZA È DI 20 MILIARDI…

ELON MUSK RIVEDE LA SUA OFFERTA PER TWITTER, ABBANDONANDO IL PIANO PER UN PRESTITO LEGATO AI TITOLI TESLA E AUMENTANDO LA SUA QUOTA DI CAPITALE A 33,5 MILIARDI DI DOLLARI DAI 27,5 MILIARDI PRECEDENTI - UNA QUOTA PER LA QUALE STA CERCANDO AIUTO ALL'ESTERNO: VUOLE CHIEDERE AGLI ATTUALI AZIONISTI, INCLUSO IL CO-FONDATORE JACK DORSEY, DI CONVERTIRE LE LORO QUOTE NELLA NUOVA SOCIETÀ COSÌ DA RIDURRE L'AMMONTARE DI CASH DI CUI HA BISOGNO PER FINANZIARE L'OPERAZIONE - INTANTO TWITTER PATTEGGIA UNA CAUSA SULLA PRIVACY E PAGA 150 MILIONI DI DOLLARI…