I GROSSI PROBLEMI IN CASA BERLUSCONI: COME DIVIDERSI LE VILLE LASCIATE DA SILVIO – I CINQUE FIGLI DEL CAV HANNO QUASI COMPLETATO IL RIASSETTO DELLE PROPRIETÀ IMMOBILIARI LASCIATE LORO DAL PADRE. UN TESORO DA 600-700 MILIONI IN TUTTO – A BARBARA VA MACHERIO, A MARINA VILLA CAMPARI E A PIER SILVIO VILLA FELTRINELLI – RESTA IL NODO DELL'ASSET PIÙ PRESTIGIOSO, VILLA CERTOSA, IN SARDEGNA, IN VENDITA PER UNA CIFRA TRA I 300 E I 500 MILIONI – MENTRE ARCORE, UNA VOLTA SFRATTATA MARTA FASCINA, DIVENTERÀ… – VIDEO

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di www.corriere.it

 

silvio berlusconi e suoi figli silvio berlusconi e suoi figli

L’accordo tra i cinque fratelli era già stato raggiunto nelle scorse settimane e ora con il rogito per la villa di Macherio, che verrà firmato nei prossimi giorni, il riassetto delle proprietà immobiliari di Silvio Berlusconi,  che nel complesso hanno un valore di 600-700 milioni, è quasi completato.

 

Già poche settimane dopo le intese sulla successione i cinque eredi avevano decisi di affrontare il nodo delle tante ville, troppo costose e difficili da dividere in parti uguali. Per questo, fatto salvo che la residenza di Arcore e poco altro, gli eredi del Cavaliere hanno deciso di mettere in vendita le proprietà, ma con una prelazione a ognuno dei fratelli.

 

villa certosa 2 villa certosa 2

Le prime due operazioni hanno riguardato la villa di Macherio, acquistata da Barbara Berlusconi per circa 25 milioni, il passaggio di proprietà verrà formalizzato entro fine mese con il rogito, e Villa Campari a Lesa sul Lago Maggiore, acquistata da Marina Berlusconi. Mentre, secondo indiscrezioni, Pier Silvio avrebbe manifestato il proprio interesse ad acquistare Villa Feltrinelli a Roma.

 

La celebre Villa Certosa in Sardegna a Porto Rotondo è dalla fine degli anni Ottanta il buen retiro di Berlusconi nel cuore della Costa Smeralda. Negli anni è stata ricostruita e ampliata. L’ex premier la utilizzava con un contratto di comodato gratuito con la società Immobiliare Idra, di proprietà dello stesso Berlusconi. Si estende su 4.500 metri quadri, ha 126 stanze e un parco di 120 ettari. [...]

 

MARTA FASCINA, LA BARBIE DI ARCORE - MEME BY GIAN BOY MANETTI MARTA FASCINA, LA BARBIE DI ARCORE - MEME BY GIAN BOY MANETTI

Per quel che riguarda l’asset più prestigioso, ovvero Villa Certosa in Sardegna, insieme a tutto il portafoglio dell’immobiliare Idra dovrebbe essere trasferita sotto la holding Fininvest, nella controllata Fininvest Real Estate, come ricostruito dal Corriere della Sera. Il valore dell’operazione è stimato in circa 400 milioni.

 

L’incarico di vendere Villa Certosa è stato assegnato a Dils, società milanese di servizi immobiliari, di cui il secondo azionista è la H14 di Barbara, Eleonora e Luigi Berlusconi. Per la residenza in Sardegna si parla di una valutazione, non confermata, tra i 300 e i 500 milioni.

 

villa zeffirelli 3 villa zeffirelli 3

L’unica a non essere in vendita è Villa San Martino ad Arcore, che, secondo alcune indiscrezioni, potrebbe diventare la sede di una fondazione intitolata all’ex premier.

meme su marta fascina ad arcore by 50 sfumature di cattiveria meme su marta fascina ad arcore by 50 sfumature di cattiveria silvio berlusconi silvio berlusconi ELEONORA BARBARA LUIGI MARINA PIER SILVIO PAOLO BERLUSCONI AL FUNERALE DI SILVIO BERLUSCONI ELEONORA BARBARA LUIGI MARINA PIER SILVIO PAOLO BERLUSCONI AL FUNERALE DI SILVIO BERLUSCONI villa zeffirelli 2 villa zeffirelli 2 villa san martino 2 villa san martino 2 villa due palme 4 villa due palme 4 villa due palme 3 villa due palme 3 i figli di silvio berlusconi con paolo e marta fascina i figli di silvio berlusconi con paolo e marta fascina

 

villa belvedere 1 villa belvedere 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…