INDOVINATE CHI HA PROPOSTO DI TASSARE DI PIU' I RICCHI E LE SOCIETÀ ENERGETICHE PER DARE UNA MANO AGLI INDIGENTI? NON E' UN'IDEA DI FRATOIANNI MA DELLA BCE!PER IL CAPO ECONOMISTA DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA, PHILIP LANE, A FRONTE DELLO CHOC ENERGETICO E' NECESSARIO CHE CHI HA PIU' SOLDI "CONTRIBUISCA" DI PIÙ - QUESTA SOLUZIONE “SAREBBE MENO INFLAZIONISTICA RISPETTO ALL’IPOTESI DI ALLARGARE I DEFICIT”

-

Condividi questo articolo


F.Gor. per “la Stampa”

 

PHILIP LANE 2 PHILIP LANE 2

A fronte di uno choc di tale magnitudo come quello energetico, sarebbe meglio che chi guadagna di più dia una mano ai più indigenti. La proposta non arriva da una Ong, ma dal capo economista della Banca centrale europea, Philip Lane. Misure straordinarie per tempi straordinari. Parlando con il quotidiano austriaco Der Standard, Lane ha rimarcato che chi può permettersi aliquote più elevate, dovrebbe contribuire ad alleviare le sofferenze delle famiglie intrappolate dal caro-energia.

PHILIP LANE PHILIP LANE

 

Una proposta che ricorda quelle proposte da Christine Lagarde quando era al vertice del Fondo monetario internazionale. Ora, tra extra-profitti per le società energetiche e contributi di solidarietà dalle fasce più ricche della popolazione, potrebbe diventare realtà. Di certo, il supporto della Bce a una iniziativa così estrema è significativo.

 

PHILIP LANE 1 PHILIP LANE 1

«La grande domanda è se una parte di questo supporto (alle fasce più deboli e più esposte ai rincari, ndr) non possa essere finanziata attraverso aumenti della tassazione per i più ricchi», che siano «i percettori di redditi più elevati o le società che continuano ad avere alti profitti nonostante lo choc energetico». Una soluzione, sostiene Lane, che «sarebbe meno inflazionistica rispetto all'ipotesi di allargare i deficit» per finanziare gli aiuti, rimarca l'economista. Un monito anche per chi, anche in Italia, vuole scostamenti di bilancio.

BCE BCE

 

Condividi questo articolo

business

VODAFONE CHIAMA ITALIA – NICK READ, AMMINISTRATORE DELEGATO DEL COLOSSO DELLA TELEFONIA BRITANNICO, SI È DIMESSO LASCIANDO LE SUE DELEGHE A MARGHERITA DELLA VALLE. 57 ANNI, ATTUALE CFO DEL GRUPPO, DELLA VALLE PER ANNI È STATA BRACCIO DESTRO DI VITTORIO COLAO – BOCCONIANA, LAVORA IN VODAFONE DAL 1994, QUANDO FU TRA LE PRIME 25 PERSONE ASSUNTE DA OMNITEL. DOVRÀ SISTEMARE I CONTI DEL GRUPPO E TROVARE UN ACCORDO CON XAVIER NIEL, IL PATRON DI ILIAD CHE IN PRIMAVERA AVEVA PROVATO A RILEVARE LE ATTIVITÀ ITALIANE DI VODAFONE

CARI COMMERCIANTI, METTETE IL POS E SMETTETE DI ROMPERE I COGLIONI! – LA STORIELLA DEI COSTI DI COMMISSIONE TROPPO ALTI È VERA FINO A UN CERTO PUNTO: SUL MERCATO SI TROVANO DISPOSITIVI CHE COSTANO 30 EURO E ANCHE MENO E MOLTE BANCHE APPLICANO CONDIZIONI CHE ANNULLANO I PRELIEVI SUGLI ACQUISTI PIÙ BASSI. SENZA CONSIDERARE SATISPAY, LA APP ITALIANA CHE AZZERA DI DEFAULT TUTTE I COSTI DI SERVIZIO FINO A 10 EURO, E OLTRE QUESTA SOGLIA, INDIPENDENTEMENTE DALL’IMPORTO, HA UNA COMMISSIONE FISSA DI 20 CENTESIMI…

ULTIMA CHIAMATA PER TIM – GIORGIA MELONI RINVIA IL TAVOLO PERVISTO PER OGGI PER TROVARE UNA QUADRA SULLA RETE PUBBLICA: DOPO AVER STRACCIATO IL MEMORANDUM DI MAGGIO TRA CDP E OPEN FIBER, LE IPOTESI FIOCCANO, SEMPRE TENENDO APERTO UN CANALE CON BRUXELLES. SCARTATA L’OPA TOTALITARIA SU TUTTA TIM (DI CUI ERA UN GRANDE FAUTORE IL SOTTOSEGRETARIO BUTTI, CON IL SUO “PIANO MINERVA”), ORA SI PENSA A UN’OFFERTA PARZIALE CHE PORTI ALLO SPIN-OFF PROPORZIONALE DELLA RETE, CON GLI STESSI AZIONISTI. A LANCIARLA DOVRÀ ESSERE UN SOGGETTO PUBBLICO…