INFLAZIONE IN EREZIONE: NELL'UE HA TOCCATO IL MASSIMO DAL 1999, +9,8% -  L'ITALIA E’ AL +8,4% SU BASE ANNUA, IL TRIPLO NEI BALTICI - E LA BCE PREPARA UN NUOVO RIALZO DEI TASSI DA 50 PUNTI NELLA RIUNIONE DI SETTEMBRE - A INCIDERE SULL'INDICE GENERALE E’ SOPRATTUTTO IL RINCARO DELL'ENERGIA, SEGUITA DA CIBO, ALCOL E TABACCO, SERVIZI E BENI INDUSTRIALI NON ENERGETICI - ISABEL SCHNABEL MEMBRO DEL BOARD DELLA BCE: “NON È ESCLUSA UNA RECESSIONE NELL'EUROZONA ANCHE SE LA MAGGIOR FONTE DI PREOCCUPAZIONE È L'INFLAZIONE”

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Goria per “la Stampa”

 

inflazione italia inflazione italia

La doppia cifra è ormai a un passo. Ma intanto è già record dal 1999, anno dell'introduzione dell'euro. L'inflazione Ue tocca quota 9,8% in luglio, secondo i dati Eurostat, sull'onda dei prezzi dell'energia e le previsioni della Banca centrale europea sono in peggioramento. Il risultato è che continua la corsa dei prezzi in Europa, e in agosto si potrebbe superare la soglia del 10% su base annua. Meglio non va per l'eurozona, con il tasso che si è attestato all'8,9%, in aumento rispetto all'8,6% di giugno.

 

rincari dell agricoltura rincari dell agricoltura

L'anno prima il tasso era del 2,2%. Ne deriva che nuovi incrementi dei tassi d'interesse sono in arrivo. La Bce vede 50 punti base di rialzo in settembre, ma la discussione su ulteriori misure resta aperta. Le fiammate dei prezzi non accennano ad attenuarsi nell'area euro. Dall'altra costa dell'Atlantico, una lieve frenata si è osservata, ma non si può dire lo stesso per l'Europa, stretta nella morsa del caro-prezzi.

inflazione 1 inflazione 1

 

Nella classifica dei Paesi, in Francia, Malta (entrambi +6,8%) e Finlandia (+8,0%) si sono registrati gli aumenti più contenuti mentre all'altro capo della graduatoria si collocano i Baltici con Estonia a +23,2%, Lettonia a +21,3% e Lituania, +20,9%. L'Italia, con un aumento dell'8,4%, si colloca nella fascia bassa della classifica. Rispetto a giugno, l'inflazione su base annua è calata in sei Stati membri, mentre è rimasta stabile in tre ed è aumentata in diciotto. A incidere sull'indice generale il contributo più elevato al tasso d'inflazione annuale è giunto dall'energia, seguita da cibo, alcol e tabacco, servizi e beni industriali non energetici.

 

inflazione 2 inflazione 2

La Bce attende risposte sui prezzi, prima di agire, ma tutti gli indicatori lasciano intendere che non ci saranno ritracciamenti nel breve rispetto all'attuale percorso di normalizzazione. A spiegarlo è stata, a Reuters, Isabel Schnabel membro del board della Bce. La quale ha ragionato sulla congiuntura: «Non è esclusa una recessione nell'Eurozona anche se la maggior fonte di preoccupazione è l'inflazione». I miglioramenti, dopo il rialzo da 50 punti base di luglio, non ci sono stati, ha ammesso. E dunque, via libera a un nuovo restringimento, di pari entità.

INFLAZIONE IN AUMENTO INFLAZIONE IN AUMENTO

 

Poi, si vedrà caso per caso. Gli analisti concordano sull'arrivo di nuove azioni entro fine anno. Frederik Ducrozet, capo economista di Pictet, fa notare che «Schnabel indica un "rischio elevato" di disancoraggio delle aspettative di inflazione, e questo è un grande segnale di attenzione, una red flag (bandiera rossa, ndr) per la Bce». Talmente elevato, spiega, che potrebbe essere l'indicatore che una politica monetaria restrittiva è «abbastanza lontana».

 

rincari carrello della spesa rincari carrello della spesa

Tuttavia, come fa notare Federico Vetrella, Market strategist di IG Italia, c'è spazio di manovra per Francoforte. «Nel medio periodo la Bce potrebbe optare per un calmieramento dell'inflazione fino a livelli un po' più elevati del 2% (intorno al 3%-4%)», avverte. E questo sarebbe possibile vista la nuova strategia di Christine Lagarde, con l'Eurotower disposta a tollerare temporanee variazioni rispetto al target originario del 2 per cento. L'efficacia di tale approccio sarà però oggetto di test sia da parte dei singoli Paesi a livello istituzionale sia dai cittadini. Nel primo caso, perché quelli più sotto pressione - come i Baltici - avranno un atteggiamento più duro nei prossimi meeting. Nel secondo in quanto potrebbero aumentare le tensioni sociali. Dopo le rimostranze in Germania, Francia e Regno Unito, i prezzi alle stelle potrebbero creare le condizioni per un autunno complicato, diviso tra guerra, inflazione e recessione.

 

Condividi questo articolo

business

LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

TENERE IN PIEDI L'UCRAINA COSTA TROPPO ALL'OCCIDENTE. LA PACE È SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI – IL GOVERNO DI KIEV SPENDE 5 MILIARDI AL MESE SOLO PER PAGARE STIPENDI E PENSIONI. DENARO CHE IN QUESTI MESI È STATO SGANCIATO DA USA E EUROPA (ANCHE SE CON ESTREMA LENTEZZA, TANTO CHE ZELENSKY S'È LAMENTATO CON BRUXELLES). MA NON SARA' POSSIBILE FINANZIARE L'UCRAINA A LUNGO – DOPO IL CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE DI META' OTTOBRE E LE ELEZIONI DI MIDTERM AMERICANE, ASSESTATI I DUE BLOCCHI GEOPOLITICI, SARA' IL CASO DI INTAVOLARE SERIAMENTE UNA TRATTATIVA DI PACE...