IOR PULITO, IOR “DIMAGRITO” - UTILI DIMEZZATI NEL 2018 PER LA BANCA DEL PAPA: SI È PASSATI A 17,5 MILIONI, A FRONTE DEI 31,9 MILIONI DEL 2017 - MONSIGNOR BATTISTA RICCA, PRELATO DELL’ISTITUTO: “TROPPI SOLDI RISCHIANO DI FARCI PERDERE IL BENE DELL'INTELLETTO E CREDERE DI ESSERE QUASI ONNIPOTENTI” - IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI SOVRINTENDENZA, DE FRANSSU: "ORA LO IOR E' UN ISTITUTO CON FORTI PRINCIPI ETICI" - LA RIFORMA DELLO STATUTO

-

Condividi questo articolo

L.Ram. per “il Messaggero”

 

PAPA BERGOGLIO PAPA BERGOGLIO

La banca del Papa in un anno ha quasi dimezzato gli utili. Il risultato netto dell'Istituto per le Opere di Religione nel 2018 si è attestato a 17,5 milioni, a fronte dei 31,9 milioni del 2017. Lo Ior, si legge sempre nel bilancio 2018, ha servito 14.953 clienti rappresentativi di 5 miliardi di risorse finanziarie (5,3 miliardi nel 2017), di cui 3,2 miliardi relativi a risparmio gestito e in custodia; sono stati anche ridotti i costi di gestione.

 

L'utile raggiunto verrà comunque «integralmente distribuito» per finanziare le opere di sostegno e di solidarietà volute dal pontefice e dalla Santa Sede «senza procedere ad alcun accantonamento a riserva».

 

DE FRANSSU DE FRANSSU

Il dato dell'utile viene legato sia alle difficoltà complessive del mondo finanziario sia alla scelta più «prudenziale» in linea con quello che vuole Papa Francesco, ovvero un istituto «con forti principi etici, prodotti di maggiore livello, procedure e standard di controllo in linea con le migliori pratiche internazionali», come sottolinea Jean-Baptiste Douville de Franssu, Presidente del Consiglio di Sovrintendenza.

 

In questo contesto il dato dunque non sembra preoccupare. «Forse si rimarrà un po' sorpresi dal confronto tra gli utili degli anni precedenti e l'utile di quest'anno. Le cose umane vanno così. Io penso però che ci sia anche un aspetto positivo» che «serva a ricordarci la secondarietà dell'istituto e a tenerlo al suo posto», commenta monsignor Battista Ricca, prelato dello Ior.

 

LA TRANSIZIONE

MONSIGNOR RICCA E PAPA BERGOGLIO MONSIGNOR RICCA E PAPA BERGOGLIO

«Troppi soldi rischiano di farci perdere il bene dell'intelletto e credere di essere quasi onnipotenti. Quest'anno - sottolinea - non corriamo questo rischio». La presentazione del bilancio 2018 si colloca in un momento di transizione per l'istituto.

 

«La presentazione di questi conti - ricorda infatti il presidente della Commissione cardinalizia, il cardinal Santos Abril y Castellò - arriva in un momento in cui statutariamente stanno per finire i mandati regolari della Commissione cardinalizia di vigilanza e del Consiglio di Sovrintendenza». Il cardinale fa riferimento anche allo stato dell'arte sulla riforma dello Statuto e l'elaborazione del nuovo Regolamento dello Ior, attorno al quale si sta lavorando da almeno un anno con il pontefice, dice Abril, «sempre corrente di tutto».

 

 

Condividi questo articolo

business

OK LA BREXIT MA BUSINESS IS BUSINESS - L’AD DI “LONDON STOCK EXCHANGE GROUP”, DAVID SCHWIMMER, HA RASSICURATO I DIPENDENTI CHE LAVORANO A PIAZZA AFFARI: “CI TENIAMO BORSA ITALIANA” - MA CON L’USCITA DALL’UE LA SOCIETÀ DIVENTA EXTRA-EUROPEA E IL GOVERNO POTREBBE RICORRERE AL GOLDEN POWER, OSSIA FAR VALERE L'INTERVENTO PUBBLICO IN SOCIETÀ STRATEGICAMENTE RILEVANTI PER TUTELARE L'INTERESSE NAZIONALE - GLI ASSETTI POTREBBERO VARIARE NEL CASO IN CUI SI CONCRETIZZASSE IL VECCHIO PROGETTO DI UNA BORSA EUROPEA…

TUTTO PRONTO PER LE NOZZE TRA PEUGEOT-FCA? RESTA IL NODO DELLA PRODUZIONE IN ITALIA - MIKE MANLEY AVEVA ANNUNCIATO L'ESAURIMENTO DEI MODELLI FIAT 500 E PANDA. OVVERO UN BRUTTO SEGNALE PER GLI STABILIMENTI DI MIRAFIORI E DI POMIGLIANO - I SINDACATI: “QUALCUNO SI È POSTO IL PROBLEMA DI CHIEDERE SE SI INTENDE MANTENERE E SVILUPPARE LA PRODUZIONE AUTOMOBILISTICA O SE CI SI ACCONTENTERÀ INVECE DI DESTINARE BUONA PARTE DELLA REALTÀ ITALIANA DI FCA A DIVENTARE SOLO UN FRUITORE DI CASSA INTEGRAZIONE?"