LAGARDE, COME FA SBAGLIA – I MERCATI SONO CON IL FIATO SOSPESO PER L’ANNUNCIO DELLA BCE SUI TASSI: IL CONSIGLIO DIRETTIVO DOVRÀ DECIDERE SE PROCEDERE CON LA STRETTA MONETARIA, E RIALZARE I TASSI DI 50 PUNTI BASE, O FERMARSI A 25. IN ENTRAMBI I CASI, LA REAZIONE POTREBBE ESSERE DEVASTANTE: LA CAUTELA POTREBBE ESSERE LETTA COME UN SEGNALE DI PREOCCUPAZIONE PER LA SOLIDITÀ DEL SISTEMA BANCARIO, MENTRE SE LA BANCA CENTRALE EUROPEA VA DRITTA PER LA SUA STRADA POTREBBE CREARE ULTERIORE STRESS FINANZIARIO SULLE BANCHE…

-

Condividi questo articolo


MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE

1. CREDIT SUISSE: IN BORSA +22% CON INTERVENTO BANCA CENTRALE

(ANSA) - Credit Suisse rimbalza alla Borsa di Zurigo (+22,5%) dopo un volo del 40% in avvio e quasi annulla la perdita del 24% registrata mercoledì quando il gruppo svizzero è stato l'epicentro di una nuovo terremoto sui mercati, a pochi giorni dal fallimento dell'americana Svb.

 

A innescare il panico sono state le parole di Al Khudairy, presidente della Saudi National Bank, che non fornirà nuove risorse all'istituto di cui i sauditi sono azionisti col 10%. E' intervenuta allora la Swiss National Bank (SNB), la banca centrale svizzera, rendendosi pronta a fornire liquidità per ristabilire la fiducia. La disponibiltà è stata colta al volo da Credit Suisse che prenderà a prestito fino a 54 miliardi di dollari dalla SNB e riacquisterà debito per 3 miliardi.

 

CHRISTINE LAGARDE CHRISTINE LAGARDE

La notizia è bastata a ridimensionare un po' di timori sulle sorti del gruppo svizzero i cui credit default swaps, che ieri erano esplosi, si sono stretti (di 15,7 punti base a 964,6 il Cds a 5 anni) così come i rendimenti dei titoli di Stato. C' è attesa per la Bce e l'idea prevalente è che nella riunione di oggi confermi un rialzo dello 0,5% dei tassi per tenere a bada l'inflazione anche se qualche investitore scommette in una mossa meno decisa, vista le ultime vicende bancarie, e quindi in un ritocco di solo lo 0,25%.

 

2. TASSI, PRESSING SULLA BCE PER IL VERDETTO

Estratto dell’articolo di Francesca Basso per il “Corriere della Sera"

 

AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE

La riunione di oggi del Consiglio direttivo della Banca centrale europea sarà una delle più difficili degli ultimi anni ed è probabile che lo scontro tra i falchi che vogliono il rialzo dei tassi e le colombe che chiedono cautela si infiammi. A complicare uno scenario già reso incerto dalla guerra, si sono aggiunti il crac della Silicon Valley Bank venerdì scorso e ieri mattina il crollo in Borsa del titolo di Credit Suisse. Entrambi gli istituti di credito sono fuori dalla torre di controllo della Bce, che si occupa delle banche dell’Eurozona, ma l’effetto contagio nei mercati non ha confini.

 

CHRISTINE LAGARDE FABIO PANETTA GIANCARLO GIORGETTI PIERRE GRAMEGNA CHRISTINE LAGARDE FABIO PANETTA GIANCARLO GIORGETTI PIERRE GRAMEGNA

Il Consiglio direttivo dovrà sciogliere il dilemma se perseguire la stabilità finanziaria oppure la stabilità dei prezzi e proseguire nella lotta all’inflazione. Gli analisti, che fino a qualche giorno fa consideravano «molto, molto probabile» un rialzo di 50 punti base, sulla scia delle parole di qualche giorno fa della presidente della Bce Christine Lagarde, ora ipotizzano anche che l’aumento si potrebbe fermare a 25 punti. In entrambi i casi però il mercato potrebbe reagire male perché la cautela potrebbe essere letta come un segnale di preoccupazione per la solidità del sistema bancario europeo, mentre il rialzo potrebbe creare una situazione di ulteriore stress finanziario, già ipotizzata nelle scorse settimane da diversi banchieri centrali.

A partire dal governatore di Bankitalia Ignazio Visco, che già a fine gennaio — e lo ha ribadito l’8 marzo scorso — aveva invitato alla cautela sulle scelte di politica monetaria della Bce e sui molteplici annunci di imminenti interventi sui tassi. […]

 

CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO

3. BORSE, OCCHI PUNTATI SULLA BCE. CRESCONO LE IPOTESI DI UN RIALZO MODERATO

Estratto dell’articolo di Sandra Riccio per www.lastampa.it

 

A metà giornata si affievolisce il tentativo di ripresa delle piazze finanziarie europee. Poco prima delle 12.00, Piazza Affari è in guadagno di un modesto 0,30% dopo una ben più robusta apertura di mattina oltre il +1,5%. Parigi e Francoforte avanzano rispettivamente dello 0,70% e dello 0,96%.

 

Gli occhi degli operatori sono puntati sulla riunione del pomeriggio della Banca centrale europea (Bce) mentre avanzano le ipotesi di un rialzo solo moderato da parte dell’Istituto: di 25 punti base e non più di 50 punti base come previsto dagli analisti fino a prima della crisi SVB e Credit Suisse.

 

credit suisse credit suisse

«Alle 14:15 di oggi leggeremo il comunicato stampa della Bce, visto quello che stava succedendo ieri sui titoli azionari bancari il mercato ora sconta un aumento dei tassi di soli 25bps, seguito da un altro aumento di 25bps alla prossima riunione del 4 maggio – spiegano gli analisti di Vontobel in una analisi di questa mattina -. La Fed a sua volta potrebbe essere frenata negli aumenti. I dati di ieri delle vendite al dettaglio Usa sotto le attese ma pure sempre +6.8% YoY».

 

I piani di rialzo della Bce sono stati messi in discussione dalla crisi bancaria in corso e a Christine Lagarde, numero uno dell’Eurotower, toccherà il difficile compito di parlare per prima, tra gli istituti centrali. Di troverà di fronte al «difficile compito di scegliere tra inflazione e banche – fa notare Ipek Ozkaderskaya, Senior Analyst di Swissquote -. »

 

CHRISTINE LAGARDE CHRISTINE LAGARDE

[…] Dopo aver aumentato i tassi di interesse da luglio al ritmo più rapido mai registrato per frenare l'inflazione, la Bce aveva promesso un altro aumento di 50 punti base per oggi aveva segnalato ulteriori mosse nei mesi a venire.

 

Ma il crollo della Silicon Valley Bank negli Stati Uniti, avvenuto pochi giorni fa, ha sollevato preoccupazioni sulla tenuta del settore bancario e ha innescato il crollo delle azioni di Credit Suisse, da tempo in cattive acque. [...]

credit suisse credit suisse

 

Il nuovo quadro

Come segnala Reuters, i prezzi del mercato monetario suggeriscono che gli investitori vedono ora circa il 50% di possibilità di un aumento di 50 punti base, in calo rispetto al 100% della scorsa settimana, ma ancora al di sopra del 20% previsto durante la giornata di ieri.

 

Il picco del tasso della Bce, noto anche come tasso terminale, è ora visto intorno al 3,25%, in calo rispetto al 4,1% della scorsa settimana, con un'eccezionale inversione di tendenza nei prezzi di mercato. Secondo alcuni analisti, lo stress bancario è abbastanza significativo da indurre la Bce ad abbandonare le proprie indicazioni e a ridurre i piani di inasprimento.

 

[…]

silicon valley bank silicon valley bank

 

4. CROLLO DI CREDIT SUISSE PANICO SUI MERCATI LA BCE ORA È AL BIVIO

Fabrizio Goria per “La Stampa”

 

Dopo Svb, Credit Suisse. I mercati sbandano ancora. L'instabilità finanziaria globale produce perdite da 355 miliardi di euro per le Borse dell'eurozona. Milano si conferma la peggiore, con una flessione del 4,61%, Londra perde il 3,83%, Francoforte il 3,27%.

 

L'istituto elvetico guidato da Ulrich Körner crolla del 24% nella peggiore seduta di sempre. Washington e Francoforte chiedono alle autorità svizzere di quantificare l'esposizione che i rispettivi sistemi bancari hanno verso il gruppo di Zurigo. Elemento che fa discutere il Consiglio direttivo della Bce, chiamata oggi a decidere le prossime strette. In campo c'è sempre un rialzo dei tassi da 50 punti base, ma Citi parla di «missione impossibile» per Christine Lagarde. Da un lato, sa che l'inflazione resta troppo alta. Dall'altro, che i rischi di instabilità finanziaria sono elevati.

 

suisse secrets 2 suisse secrets 2

Le banche globali ripiombano nell'incertezza. […] Solo sul Ftse Mib Unicredit cede il 9%, Fineco il 7,6%, Bper il 7,2%, Banco Bpm il 7,1%, Intesa Sanpaolo il 6,9%. Nella giornata ancora peggio fanno le francesi Société Générale e Bnp Paribas, più volte sospese per eccesso di ribasso. Le autorità europee hanno chiesto lumi a quelle svizzere. […]

 

Se fino a una settimana fa le indicazioni di Christine Lagarde erano indissolubili, ora non è più così. La stretta da 50 punti base, avvertono gli analisti di Goldman Sachs, non dovrebbe essere in discussione. Ma crescono i dubbi. Come rimarcato da Citi, Francoforte si trova in una situazione scomoda. «La Bce ha una sfida impossibile» davanti a sé. «Le tendenze dell'inflazione rimangono estremamente vischiose, il che dovrebbe giustificare tassi più elevati più a lungo. Ma le preoccupazioni sistemiche sul settore bancario non possono essere ignorate», fanno notare gli esperti di Citi.

silicon valley bank 1 silicon valley bank 1

 

Lo scenario di base, nonostante ciò, resta un aumento del costo del denaro da mezzo punto percentuale. Meno sicura è invece Deutsche Bank, che vede una stretta di soli 25 punti base. Cauta è anche J.P. Morgan, che sottolinea come «tutto sia estremamente fluido».

 

In un contesto così complicato è possibile che si allarghi la spaccatura tra i banchieri centrali che chiedono più gradualità e quelli che domandano più aggressività. […]

christine lagarde 3 christine lagarde 3 christine lagarde 2 christine lagarde 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?