“CREDO CHE LA PRUDENZA SIA DA MANTENERE” – IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, TORNA A CHIEDERE CAUTELA SULLA POLITICA DI STRETTA MONETARIA DELLA BCE: “NON MI PRONUNCIO, MA L’INCERTEZZA È ALTA” – “SE IN EUROPA AVESSIMO UNA CRISI PER LE PICCOLE E MEDIE BANCHE NON AVREMMO UNO STRUMENTO DI INTERVENTO IMMEDIATO, COME DICO DA ANNI. MA IN EUROPA NON C’È NESSUNA BANCA COME SILICON VALLEY BANK”

-

Condividi questo articolo


CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO

1. VISCO, 'NEGLI USA DECISIONI RAPIDE, IN EUROPA DIFFICILE'

(ANSA) - "La vigilanza ha avuto difetti ma sono state prese decisioni rapide, specie negli Usa" e "credo che se noi in Europa avessimo una crisi" per "le piccole e medie banche non avremmo uno strumento di intervento immediato" come "dico da anni". Lo afferma il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco in audizione alla commissione finanze della Camera secondo cui i casi di Credit Suisse "sono una lezione importante".

 

2. VISCO, 'CRISI DELLE BANCHE È UN CAMPANELLO DI ALLARME'

ignazio visco foto di bacco (5) ignazio visco foto di bacco (5)

(ANSA) - La crisi di Credit Suisse e Svb di questi giorni, rappresenta "un campanello di allarme" per le autorità di vigilanza europee e la loro gestione delle crisi. Lo afferma il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco in audizione alla commissione finanze della Camera tornando a chiedere uno strumento in Europa per la gestione rapida delle crisi degli istituti medi e piccoli, ed evitare così "problemi che si accumulano nel tempo". Visco ha sottolineato come nelle azioni delle autorità Usa e svizzere il "punto fondamentale era evitare l'uscita disordinata dal mercato e una disruption che, a catena poteva compromettere l'intero sistema".

 

ignazio visco foto di bacco (3) ignazio visco foto di bacco (3)

3. VISCO, 'ANCORA INCERTEZZA, MANTENERE PRUDENZA'

(ANSA) - Sul futuro della politica monetaria "non mi pronuncio, si fa meeting by meeting su base dei dati disponibili. Incertezza è alta e raddoppiata dalle incertezze finanziarie e credo che la prudenza e l'attenzione alla sequenza e alle dimensioni degli aumenti tassi sia da mantenere". Lo ha detto il governatore di Bankitalia Ignazio Visco in audizione alla Camera precisando che "non si possono fare previsioni anche nel giro di poche settimane". "Se il prezzo del gas rimane su questi livelli le cose anche a livello di inflazione vanno nella direzione giusta".

 

4. VISCO, 'LE BANCHE NON ABUSINO DEGLI EFFETTI DEI TASSI SUI MUTUI'

CHRISTINE LAGARDE JEROME POWELL CHRISTINE LAGARDE JEROME POWELL

(ANSA) - L'aumento dei tassi di interesse e l'effetto sui mutui, da parte delle banche, impone che ci sia "correttezza e trasparenza e bisogna non abusare". Lo afferma, in audizione alla Camera, il governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco, secondo cui l'aumento dei tassi, "dopo effetti molto negativi" nell'era dei tassi zero, ora permette alle banche di "iniziare a mettere a posto i margini di interesse e, su quella base, avere più tranquillità nei loro bilanci".

 

5. VISCO, 'NELL'UE NESSUNA BANCA COME SVB E CREDIT SUISSE'

(ANSA) - "In Europa non c'è nessuna banca del genere di Silicon Valley Bank, l'imprudenza nella gestione dell'attivo e del passivo della banca noi non la riscontriamo". E' quanto ha detto il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, rispondendo alle domande in audizione alla commissione Finanze della Camera.

 

A tal proposito Visco ha osservato che "forse sono state molte le critiche all'invasività della vigilanza in Europa ma è quello che garantisce il più possibile la tenuta di queste banche".

paolo gentiloni e ignazio visco alla presentazione del nuovo affari e finanza paolo gentiloni e ignazio visco alla presentazione del nuovo affari e finanza

 

Banche che, ha precisato "sono totalmente diverse e sono diverse anche rispetto al Credit Suisse perché la commistione di una buona banca commerciale e di una componente di banca di investimento a livello globale con molte insufficienze da noi non c'è".

 

Visco ha quindi ricordato che le banche locali e le Bcc in particolare "hanno risposto bene al momento di crisi" e "se sono ben gestite possono coprire questa situazione congiunturale. Io - ha precisato invece - sono preoccupato da una crisi di liquidità complessiva legata all'instabilità finanziaria, per esempio delle grandi banche e allora lì dovremo intervenire, ma abbiamo valutato tutto e abbiamo tutti gli strumenti per far fronte a una crisi del genere".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE