“DOBBIAMO MANTENERE IL CONTROLLO DI POSTE” – GIANCARLO GIORGETTI METTE I PALETTI PER LA PRIVATIZZAZIONE DEL GRUPPO GUIDATO DA MATTEO DEL FANTE: ALLO STATO RIMARRÀ LA QUOTA DEL 35% DETENUTA DA CASSA DEPOSITI E PRESTITI, MENTRE SUL MERCATO FINIRÀ IL 29,7% IN MANO AL MEF. L’INCASSO ATTESO DOVREBBE AGGIRARSI INTORNO AI 3,8 MILIARDI – DALLA SVENDITA DEI GIOIELLI DI FAMIGLIA IL GOVERNO SPERA DI RICAVARE 20 MILIARDI, MA NON BASTERANNO POSTE, ENI E FERROVIE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Ducci per il “Corriere della Sera”

 

GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI

Poste Italiane resterà sotto il controllo pubblico attraverso la quota del 35%, detenuta attualmente da Cassa depositi e prestiti. Il futuro assetto azionario del gruppo guidato da Matteo Del Fante, all’indomani dell’operazione di privatizzazione della seconda tranche predisposta dal governo, sarà dunque simile a quello di Eni e Terna, entrambe partecipate dallo Stato attraverso Cdp.

 

Sul mercato è destinato, insomma, a finire il pacchetto di azioni del 29,7% ancora in mano al ministero dell’Economia, con un incasso atteso che, stante la capitalizzazione in Borsa di 13,4 miliardi di euro, dovrebbe aggirarsi intorno a 3,8 miliardi.

 

MATTEO DEL FANTE MATTEO DEL FANTE

A indicare lo schema che il governo intende adottare è il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, che conferma: «Dobbiamo mantenere il controllo, non possiamo scendere sotto il 35%». [...]

 

Un quadro che sembra inquietare i sindacati […]. Tramite una lettera, indirizzata sia al ministro Giorgetti sia a Del Fante, i rappresentati dei lavoratori hanno chiesto un incontro «urgente», osservando che «un percorso del genere richiede in via preliminare un adeguato dialogo sociale». La lettera porta la firma di Cgil, Uil e Cisl, in particolare quest’ultima è da sempre il sindacato più forte e storicamente più radicato all’interno di Poste, tanto che Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl, si spinge a dire:«Se l’idea è fare cassa svendendo parte dei gioielli di famiglia, ci opporremo».

QUANDO GIORGIA MELONI NEL 2018 SI OPPONEVA ALLA PRIVATIZZAZIONE DI POSTE ITALIANE QUANDO GIORGIA MELONI NEL 2018 SI OPPONEVA ALLA PRIVATIZZAZIONE DI POSTE ITALIANE

 

La lettura è che la durezza del sindacato sia in parte riconducibile al tentativo di negoziare condizioni favorevoli per i dipendenti che sottoscriveranno le azioni riservate al mercato retail, o, in alternativa, l’obiettivo potrebbe essere ottenere qualche vantaggio in sede di rinnovo del contratto di lavoro.  [..]

GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO POLIS DI POSTE ITALIANE GIORGIA MELONI ALLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO POLIS DI POSTE ITALIANE

GIORGIA MELONI E LE NOMINE BY MACONDO GIORGIA MELONI E LE NOMINE BY MACONDO MATTEO DEL FANTE POSTE ENERGIA MATTEO DEL FANTE POSTE ENERGIA giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO