IL “MADE IN CHINA” È A RISCHIO ESTINZIONE – SEMPRE PIÙ AZIENDE STANNO SPOSTANDO PARTE DELLA PRODUZIONE FUORI DALLA CINA, PREFERENDO I PAESI DEL SUD EST ASIATICO – SE UNA VOLTA ERANO I MARCHI A BASSO VALORE TECNOLOGICO A RILOCALIZZARE ALCUNE LINEE PRODUTTIVE, ORA  ANCHE I “BIG” DELLA TECNOLOGIA HANNO INIZIATO A SPOSTARSI: DA GOOGLE A APPLE E TESLA, CHE HA APPENA SIGLATO UN ACCORDO PER…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo Lamperti per “la Stampa”

 

produzione prodotti apple in cina produzione prodotti apple in cina

Piccoli draghi crescono. E il Dragone più grande rischia, in parte, di rimpicciolirsi. Il Sud-Est asiatico attrae sempre di più le grandi aziende internazionali, che cercano di limitare la loro esposizione alla Cina. In molti spostano altrove parte della propria produzione dalla Repubblica popolare. […]

 

Fenomeno in accelerazione sia per quantità sia per qualità. Fino a qualche tempo fa erano soprattutto le aziende manifatturiere a basso valore tecnologico a rilocalizzare alcune linee produttive. Ora invece iniziano a farlo anche i big dell'alta manifattura hi-tech. O persino colossi dell'automotive come Tesla.

Tesla Tesla

 

Secondo Bloomberg, la creatura di Elon Musk è vicina a siglare un accordo per la costruzione di una fabbrica in Indonesia. L'impianto produrrebbe fino a un milione di auto elettriche all'anno e sarebbe solo il primo di una serie di altri impianti. […]

 

La scorsa estate, dopo un incontro col presidente Joko Widodo, il tycoon ha siglato un accordo da 5 miliardi di dollari per la fornitura di nichel, elemento fondamentale per la produzione di batterie.

Il progetto indonesiano di Musk prende corpo proprio mentre Tesla ha sospeso l'ampliamento dello stabilimento di Shanghai. […]

 

ELON MUSK TESLA 1 ELON MUSK TESLA 1

L'azienda non ha raggiunto i target di vendita e l'indebolimento della domanda (anche a causa di una maggiore concorrenza) ha costretto l'azienda ad abbassare il prezzo delle sue auto, arrivato al 40% in meno rispetto a quello applicato negli Stati Uniti. Così Musk sembra guardarsi intorno. Oltre all'Indonesia, Tesla ha già aperto degli showroom in Thailandia.

 

produzione prodotti apple in cina produzione prodotti apple in cina

Ad attrarre molti investimenti in uscita dalla Cina è soprattutto il Vietnam, la cui economia è sempre cresciuta anche durante la pandemia: +8,02% nel 2022, con un boom del 13,5% degli investimenti diretti esteri. Grandi protagonisti i giganti dell'elettronica. Da HP a Dell, da Google a Meta, tutti vogliono ridurre l'esposizione alla Cina della propria catena di approvvigionamento. Compresa […] Entro la prima metà dell'anno, una parte dei MacBook di Cupertino sarà prodotta proprio in Vietnam, uscendo per la prima volta dalla Cina. 

 

[…] Oltre alle fuoriuscite, appare ora più complicato attrarre nuovi investimenti. Di chi mette per la prima volta piede in Asia, o invece di chi vuole ampliare la sua presenza. È il caso della danese Lego. Il gigante dei giocattoli ha preferito il Vietnam per costruire la sua prima fabbrica a emissioni zero. 

 

produzione prodotti apple in cina produzione prodotti apple in cina

Un progetto da un miliardo di dollari che rappresenta uno dei principali investimenti europei nel paese del Sud-Est, col quale l'Ue ha peraltro siglato un accordo di libero scambio. […] Secondo gli analisti, resta difficile immaginare che la Cina possa essere sostituita come fabbrica del mondo. Ma sceglierla non appare più obbligato. Anzi, sempre più spesso c'è chi decide di spostarsi altrove.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?