“NON È LA STAGIONE DEI GUFI” – IL MINISTRO DELL’ECONOMIA, GIANCARLO GIORGETTI, GONGOLA DOPO IL VOTO DELL’ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DI ENEL, CHE HA DELIBERATO LA NOMINA DI PAOLO SCARONI COME PRESIDENTE E FLAVIO CATTANEO COME AD: “RAGGIUNTO UN OTTIMO RISULTATO, NON SEMPLICE E SCONTATO, CHE PREMIA LA CORRETTEZZA E NON LA SCORRETTEZZA” – LA LISTA DEL FONDO COVALIS, CHE AVREBBE DOVUTO SCARDINARE LO STATUS QUO NEL CDA, HA RACCOLTO SOLO IL 6,94%, E NON ELEGGERÀ NESSUN CONSIGLIERE – L’ULTIMO DISCORSO DELL’AD USCENTE, FRANCESCO STARACE

-

Condividi questo articolo


PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO PAOLO SCARONI FLAVIO CATTANEO

Da www.startmag.it

 

L’assemblea degli azionisti di Enel ha votato la nomina di Paolo Scaroni come nuovo presidente dell’azienda con il 97,24 per cento.

 

COME SONO ANDATE LE LISTE DEL MEF, DI ASSOGESTIONI E DI COVALIS

La lista numero uno per il consiglio di amministrazione di Enel, quella presentata dal ministero dell’Economia e delle Finanze (il maggiore azionista, con una quota del 23,6 per cento), ha ottenuto il 49,10% dei voti dell’assemblea degli azionisti. La lista presentata da Assogestioni ha preso il 43,49%, mentre quella depositata dal fondo Covalis il 6,94%.

ZACH MECELIS ZACH MECELIS

 

LA DICHIARAZIONE DI COVALIS

“Covalis per sua natura non è un fondo attivista e vede in Enel un asset strategico.

 

Abbiamo presentato una lista indipendente per la prima volta, l’iniziativa non è stata contro ma per, per aprire un dibattito su come dare vita ad una governance migliore per consentire ad Enel di sviluppare le sue potenzialità sulla transizione energetica”.

 

Lo ha detto Fabrizio Arossa, in rappresentanza del fondo Covalis, nel corso del suo intervento all’assemblea degli azionisti.

 

APPROVAZIONE DEL BILANCIO 2022 E DEI DIVIDENDI

L’assemblea degli azionisti di Enel, con il 99,595% dei soci votanti, pari al 64,7% del capitale, ha approvato il bilancio 2022. Via libera, con il 98,9% dei voti, anche al dividendo totale di 0,40 euro.

 

L’ULTIMO DISCORSO DI STARACE

Fabrizio Arossa Fabrizio Arossa

“Tutte le crisi che abbiamo affrontato si sono tramutate in una opportunità. La strategia che abbiamo messo in atto è adeguata ad affrontare cicli economici molto diversi.

 

Questi nove anni alla guida dell’azienda, con tre mandati, sono stati bellissimi per i risultati raggiunti e per come ci siamo arrivati.

 

Sono in uscita da una azienda in cui ho lavorato 23 anni, a cui ho dato tanto e che mi ha dato molto, non nascondo l’emozione. Auguro il miglior successo possibile al nuovo Cda”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace.

 

COME VANNO LE AZIONI DI ENEL

francesco starace foto di bacco (2) francesco starace foto di bacco (2)

Il valore delle azioni di Enel è cresciuto del 21% rispetto alla presentazione del piano 2023-2025 avvenuta nel novembre scorso, ha spiegato Starace, che poi ha sottolineato: “Negli ultimi tre anni abbiamo ottenuto buoni risultati, la strategia di Enel è apprezzata dal mercato”. “Abbiamo potuto garantire prezzi accessibili ai clienti anche in momenti di estrema volatilità del mercato come quelli che abbiamo vissuto negli scorsi anni”.

 

IL COMMENTO DI GIORGETTI (MEF)

“Non è la stagione dei gufi”, ha dichiarato il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, riferendosi a Enel. “Raggiunto un ottimo risultato, migliore rispetto a tre anni fa, non semplice e scontato, che premia la correttezza e non la scorrettezza. Auguro buon lavoro ai nuovi vertici e a tutti i consiglieri”.

GIANCARLO GIORGETTI - QUESTION TIME SENATO GIANCARLO GIORGETTI - QUESTION TIME SENATO francesco starace foto di bacco (1) francesco starace foto di bacco (1)

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP