“I PROBLEMI BANCARI HANNO RESO UNA SITUAZIONE ECONOMICA INCERTA ANCORA PIÙ INCERTA” – PAUL KRUGMAN, PREMIO NOBEL PER L’ECONOMIA, ANALIZZA IL PIANO DI SALVATAGGIO DI “SILICON VALLEY BANK”: È STATO UN SALVATAGGIO DI STATO E VORREI CHE BIDEN NON CERCASSE DI SOSTENERE IL CONTRARIO” – “UN RIALZO DEI TASSI ORA APPARE INCERTO. LA MAGGIOR ATTENZIONE DELLE BANCHE E IL TRAVASO DEI DEPOSITI FINIRANNO PER…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesco Bertolino per “La Stampa”

 

paul krugman 4 paul krugman 4

 La Federal Reserve e il governo degli Stati Uniti hanno salvato Silicon Valley Bank e Signature Bank. E hanno fatto bene, secondo il premio Nobel per l'economia Paul Krugman. In un intervento apparso sul New York Times, il luminare prende in esame le possibili critiche al soccorso pubblico dei due istituti americani. Perché di salvataggio di Stato si è trattato, secondo Krugman.

 

«Vorrei che l'amministrazione Biden non cercasse di sostenere il contrario», sottolinea. «Gli azionisti sono stati azzerati, è vero. Ma legalmente, i depositi sono garantiti solo fino a 250 mila dollari; scegliendo di rimborsare tutti i clienti, il governo federale ha fatto un enorme favore ai titolari di grandi conti».

 

joe biden joe biden

[…] «Il salvataggio di Svb è stato simile al salvataggio di General Motors e Chrysler nel 2009, giustificato anche dal fatto che avrebbe preservato una parte cruciale dell'ecosistema economico», argomenta. C'è poi chi sostiene che, assicurando tutti i depositi senza imporre limiti sul loro utilizzo da parte delle banche, la Fed abbia creato un incentivo per prassi irresponsabili, al cosidetto azzardo morale.

 

«Tuttavia», nota Krugman, «sinora stiamo assistendo a un deflusso di fondi dalle banche più piccole a quelle grandi e più strettamente regolamentate». Quindi, «in generale, sembra che il sistema finanziario stia muovendosi verso una riduzione, non un aumento, del rischio».

 

SILICON VALLEY BANK SILICON VALLEY BANK

L'ultimo rilievo, il più serio secondo l'economista, è che i fallimenti bancari spingeranno la Fed a rallentare il percorso di rialzo dei tassi e dunque comprometteranno il controllo dell'inflazione. In tal modo, a giudizio di alcuni esperti, la Fed privilegerebbe la tutela di Wall Street alla protezione dei consumatori dalla corsa dei prezzi.

 

«È vero che i collassi bancari hanno spinto gli investitori a riconsiderare il futuro corso delle politiche monetarie della Federal Reserve», ammette Krugman. «Un rialzo dei tassi alla prossima riunione della banca centrale, che sembrava cosa fatta, ora appare incerto, con i mercati che prezzano la possibilità di un taglio dei tassi e con i tassi d'interesse a due anni (un buon indicatore delle attese della politica della Fed nel prossimo futuro) che precipitano».

 

silicon valley bank 1 silicon valley bank 1

Alla luce del tracollo delle banche in borsa, sostiene però Krugman, c'è ragione di prevedere che «la maggior attenzione delle banche al rischio e il travaso dei depositi verso banche più strettamente regolamentate finiranno per raffreddare l'economia anche se la Fed non aumenta i tassi» d'interesse.

 

«Le conseguenze dei problemi bancari hanno reso una situazione economica incerta ancora più incerta, e ci vorrà del tempo - forse un'eternità - prima di sapere se i decisori politici hanno fatto la scelta giusta», conclude Krugman. «Sento però molta retorica apocalittica che al momento non pare giustificata dai fatti»

paul krugman 3 paul krugman 3 silicon valley bank silicon valley bank paul krugman 6 paul krugman 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)