“SIAMO IN FASE DI RALLENTAMENTO CICLICO” – IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, FABIO PANETTA, INTERVIENE ALL’ABI E PUNTA IL DITO CONTRO LA BCE: “IL MOTIVO PRINCIPALE DELLA CRISI È LA RESTRIZIONE MONETARIA, NON SOLO IN EUROPA, MA A LIVELLO GLOBALE. QUESTA È UNA DELLE FASI RARE, IN CUI LE BANCHE CENTRALI RESTRINGONO LE CONDIZIONI MONETARIE CON EFFETTO SULLA DOMANDA GLOBALE MOLTO FORTE. L’INFLAZIONE IN ITALIA È SOTTO CONTROLLO, PREVEDIAMO CHE RIMANGA SOTTO QUESTA SOGLIA IN TRE ANNI. PREVEDIAMO QUALCHE RIPRESA DEI SALARI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.lastampa.it

 

fabio panetta antonio patuelli fabio panetta antonio patuelli

«Siamo in una fase di rallentamento ciclico, il trimestre scorso siamo cresciuti in modo stentato come l'Europa, anzi l'Italia ha racimolato qualche decimale di crescita e a livello europeo la crescita è stata negativa». Lo afferma il governatore della Banca d'Italia, Fabio Panetta, nel suo intervento all'Abi, per poi aggiungere: «C'è una spinta dai consumi e questo è positivo grazie alla tenuta dell'occupazione».

 

«Il motivo principale» del rallentamento dell'economia europea e italiana – ragiona – è «la restrizione monetaria, non solo in Europa ma a livello globale. Questa è una delle fasi rare […] in cui le principali banche centrali restringono le condizioni monetarie con effetto sulla domanda globale molto forte». […]

 

FABIO PANETTA CHRISTINE LAGARDE FABIO PANETTA CHRISTINE LAGARDE

«Prevediamo che il 2023 si sia chiuso con una crescita del Pil fra lo 0,6 e lo 0,7 e nel 2024 sarà sotto l'1% per poi passare all’1% nel 2025». Secondo Panetta «l'inflazione in Italia è sotto controllo, è tornata stabilmente sotto il 2%» e si prevede e «che rimanga in media» sotto questa soglia «nel prossimo triennio». Tre anni che sono «l’orizzonte in cui la Bce calibra i suoi interventi». Per il governatore «prevediamo qualche ripresa dei salari».

 

E ancora: «Io sono convinto che la disinflazione in atto sia forte. Non mi lancio in previsioni su quando si taglieranno» i tassi alla Bce «perché non lo so e se lo sapessi non ve lo direi. Al momento non vediamo un impatto macro» dalle vicende nel Mar Rosso «ma non possiamo escluderlo».

fabio panetta fabio panetta

 

[…] Il governatore ha quindi sottolineato che «la liquidità ora è tanta» ma la Bce sta restringendo il proprio portafoglio e quindi gli istituti di credito non potranno fare affidamento nel reperirla sul mercato. Le banche dovranno «ricominciare a farsi concorrenza per reperire la raccolta», mentre già «si inizia a vedere qualche tensione» sulle sofferenze dei crediti e bisognerà fare attenzione, «se la fase di debolezza dell'economia proseguirà».

CHRISTINE LAGARDE FABIO PANETTA GIANCARLO GIORGETTI PIERRE GRAMEGNA CHRISTINE LAGARDE FABIO PANETTA GIANCARLO GIORGETTI PIERRE GRAMEGNA fabio panetta e christine lagarde fabio panetta e christine lagarde fabio panetta iccrea 1 fabio panetta iccrea 1 fabio panetta 2 fabio panetta 2 fabio panetta antonio patuelli 2 fabio panetta antonio patuelli 2 fabio panetta antonio patuelli 3 fabio panetta antonio patuelli 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…