IL LUSSO DI NON SENTIRE LA CRISI – LA PANDEMIA VA IN CULO AI POVERI E NON SFIORA IL SETTORE DEL LUSSO REGISTRA UN 2021 DA RECORD: LVMH HA CHIUSO CON UN GIRO D’AFFARI DI 64 MILIARDI DI EURO E UN +46%. LA SVIZZERA RICHEMONT HA AUMENTATO LE VENDITE DEL 32% E PRADA HA RAGGIUNTO I 3,3 MILIARDI DI RICAVI TOTALI. E L’INFLAZIONE? NON SPAVENTA LE MAISON PRONTE AD AUMENTARE I PREZZI SAPENDO CHE I RICCASTRI STRISCERANNO LO STESSO LA CARTA…

-

Condividi questo articolo


Sandra Riccio per "la Stampa"

 

lvmh lvmh

Il settore del lusso non conosce crisi. Gioielli, borse, orologi e vini pregiati rimangono in cima ai desideri dei più ricchi che in tempi di pandemia hanno comprato anche più di prima. Il 2021 è stato un anno da primato per molti marchi che adesso si preparano a toccare altri record. L'inflazione? Per ora rimane in secondo piano, così come la crisi legata alla disponibilità di materie prime. Inizia invece l'espansione nel Metaverso, il nuovo mondo digitale. Qui le maison sperano di crescere in fretta e di raggiungere nuovi incassi.

 

bernard arnault bernard arnault

Stando agli analisti di Morgan Stanley, questa nuova piazza virtuale potrebbe generare un giro d'affari di 50 miliardi di dollari già entro il 2030 per il lusso. Intanto nel mondo reale il settore macina rialzi a doppia cifra e batte ogni stima. Lo testimoniano i risultati arrivati da Lvmh, colosso francese che è anche il più grande polo del lusso al mondo con decine di marchi tra cui Louis Vuitton, Dior, Givenchy, Bulgari e Moët & Chandon, che ha chiuso il 2021 con un giro d'affari record sopra i 64 miliardi di euro, +46%.

 

cartier cartier

Bene ha fatto anche la numero due in classifica, la svizzera Richemont che anche grazie a uno sprint nella vendita di gioielli e orologi durante lo scorso Natale è riuscita ad aumentare le vendite del 32% a 5,6 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, superando del 36% i livelli pre-pandemia.

 

Anche Prada è migliorata con un 2021 con ricavi totali per 3,3 miliardi, in progresso a cambi costanti del 41% su base annua e dell'8% rispetto al 2019. L'elenco di nomi che hanno messo a segno risultati da record nel lusso è lungo. A spingere sono stati soprattutto i ricavi in crescita registrati negli Stati Uniti. E le prospettive sono al rialzo.

 

miuccia prada. 1 miuccia prada. 1

Bernard Arnault, fondatore, chief executive e chairman del gruppo francese Lvmh, durante la presentazione dei conti ha sottolineato che la solida crescita è continuata in gennaio. E secondo gli analisti, nonostante il boom della domanda in Cina, i riflettori sono puntati ancora sugli Stati Uniti. Lvmh ha notato che la performance migliore è stata proprio negli States, che hanno generato più di un quarto (il 26%) delle vendite totali nel 2021.

 

prada 1 prada 1

E l'inflazione? Alcuni marchi, tra cui Lvmh, hanno già detto che potrebbero aumentare i prezzi per proteggere i margini. I listini del produttore di orologi e gioielli Hublot saranno per esempio rivisti al rialzo tra il 3 e il 4%. Il costo di acciaio e titanio è in crescita mentre sono saliti tra il 10% e il 15% i prezzi dei diamanti.

 

Per questa ragione anche la casa ha dovuto mettere mano alle sue proposte. Ma le fiammate dell'inflazione non spaventano le maison del settore. «Considerato che le strategie di investimento dovranno tenere sempre più conto del ritorno dell'inflazione, a nostro giudizio il potere di determinazione dei prezzi potrebbe rappresentare una buona copertura, come ha dimostrato nel tempo» dice Swetha Ramachandran, Investment Manager e Responsabile del fondo Gam Luxury Brands Equity della società di investimenti Gam. All'orizzonte c'è la colonizzazione del Metaverso. Lvmh è entrata in questo mondo con Dior lo scorso settembre.

louis vuitton louis vuitton

 

La casa ha avviato la collaborazione con la piattaforma "Ready Player me" per creare «un'esperienza di gioco esclusiva». Kering, attraverso la maison Balenciaga, è entrata principalmente nel mercato dei videogiochi mediante una partnership con Epic Games. EssilorLuxottica, insieme a Facebook, a settembre ha lanciato gli occhiali Ray Ban Stories. Nessuna funzionalità di realtà aumentata ma con capacità di riproduzione multimediale e di scattare foto. «Un primo passo per il futuro - sottolinea Gabriel Debach, italian account manager di eToro -. Dopo aver collaborato con i social e gli influencer, ora il settore del lusso guarda con interesse al Metaverso».

rolex rolex richemont 3 richemont 3 richemont richemont prada 2 prada 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…