MA CHE LAVORO FA CARLO BONOMI? – PAPA FRANCESCO, RICEVENDO IN UDIENZA I RAPPRESENTANTI DI CONFINDUSTRIA, HA TUONATO: “L’IMPRENDITORE STESSO È UN LAVORATORE, NON VIVE DI RENDITA”. SENTITE QUESTE PAROLE, QUALCUNO DEVE AVER PENSATO AL NUMERO 1 DEGLI INDUSTRIALI, CHE DA TEMPO SI ERGE A “MORALIZZATORE” MA CHE UN RUOLO OPERATIVO VERO E PROPRIO NON CE L'HA – SFUMATA LA PRESIDENZA DELLA LEGA CALCIO, FORSE BONOMI SPERA DI DIVENTARE NUMERO UNO DI QUALCHE HOLDING PUBBLICA…

-

Condividi questo articolo


Sebastiano Venier per www.tag43.it

 

PAPA FRANCESCO CARLO BONOMI PAPA FRANCESCO CARLO BONOMI

La pandemia ha messo a dura prova tante attività produttive, tutto il sistema economico è stato ferito. E ora si è aggiunta la guerra in Ucraina con la crisi energetica che ne sta derivando. Lo ha detto lunedì 12 settembre papa Francesco ricevendo in udienza nell’Aula Paolo VI gli industriali partecipanti all’Assemblea pubblica di Confindustria, guidati dal presidente Carlo Bonomi.

 

Bergoglio ha poi voluto ricordare che «l’imprenditore stesso e un lavoratore. Non vive di rendita; il vero imprenditore vive di lavoro e resta imprenditore finche lavora. Il buon imprenditore conosce i lavoratori perché conosce il lavoro». Una delle «gravi crisi del nostro tempo e la perdita di contatto degli imprenditori col lavoro: crescendo, diventando grandi, la vita trascorre in uffici, riunioni, viaggi, convegni e non si frequentano più le fabbriche. Si dimentica “l’odore” del lavoro».

 

carlo bonomi papa francesco 2 carlo bonomi papa francesco 2

Affermazioni forti. Sentite queste dichiarazioni sul volto di alcuni dei presenti è apparso qualche ironico sorriso. Sono molti infatti gli industriali che si domandano che lavoro faccia Bonomi. Sfumata la candidatura alla presidenza della Lega calcio di Serie A, Bonomi continua a non avere ruoli operativi, ma solo incarichi e qualche presidenza. La tentazione di entrare nel prossimo governo è forte ma l’ipotesi sembra tramontata.

 

La speranza allora resta quella di diventare il numero uno di qualche holding pubblica. Facciamo però un passo indietro. Attualmente, oltre alla presidenza di Fiera di Milano e Confindustria, Bonomi è presidente di Sidam, la società di forniture biomedicali la cui quota di maggioranza nel settembre 2020 è stata acquisita dal fondo Mandarin Capital di Alberto Forchielli. A vendere era stata la Synopo, riconducibile a Bonomi.

 

poster papa francesco calenda bonomi poster papa francesco calenda bonomi

Il numero uno di Confindustria è rimasto però socio della Sidam tramite la Marsupium srl. In questa società Bonomi è il presidente. Inoltre detiene il 40 per cento di Ocean, gli altri due terzi sono divisi equamente tra due dirigenti della Sidam.

 

I profitti di Marsupium, che nel 2020 ha registrato un utile di quasi 4 milioni, sono da ricondurre principalmente alla vendita di Stanislao srl della propria partecipazione in New Horizon e al conseguente investimento fatto in Medtech holding Spa (20,4 per cento) del capitale.

 

carlo bonomi papa francesco 3 carlo bonomi papa francesco 3

Peccato che si tratti di giri di quote in società: New Horizon è stata incorporata in Sidam. La sua partecipazione è stata annullata e data in capo al socio della Sidam che è la stessa Medtech holding Spa. E chi è il presidente di Medtech che controlla Sidam? Sempre Bonomi, attraverso Marsupium. Un po’ poco per il presidente “moralizzatore” che quotidianamente bacchetta il governo sugli aiuti pubblici e i sindacati sugli aumenti di stipendi che si dovrebbero dare agli operai.

carlo bonomi papa francesco 7 carlo bonomi papa francesco 7 carlo bonomi papa francesco 6 carlo bonomi papa francesco 6 carlo bonomi papa francesco 4 carlo bonomi papa francesco 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…