MA CHI L’HA DETTO CHE LA GUERRA FA BENE ALL’ECONOMIA? – L’AGENZIA “MOODY’S” TAGLIA IL RATING DI ISRAELE DA A1 AD A2, CON OUTLOOK NEGATIVO: UN GIUDIZIO CHE PER L’ITALIA (FERMA A BAA3) SAREBBE ORO, MA CHE PER LO STATO EBRAICO È UNO SMACCO. IL DOWNGRADE È LEGATO ALLA GUERRA CONTRO HAMAS E ALLE SUE CONSEGUENZE, CHE AUMENTANO I RISCHI PER LA SOSTENIBILITÀ DEL DEBITO – NETANYAHU: “DECISIONE LEGATA ALLA GUERRA. IL RATING TORNERÀ SU QUANDO LA VINCEREMO…”

-

Condividi questo articolo


MOODY'S TAGLIA IL RATING DI ISRAELE, OUTLOOK NEGATIVO

benjamin netanyahu benjamin netanyahu

(ANSA) - L'agenzia Moody's taglia il rating di Israele a 'A2' da 'A1' con outlook negativo. Il downgrade è legato alla guerra con Hamas e alle sue conseguenze che aumentano i rischi politici per Israele e ne indeboliscono le istituzioni esecutive e legislative. "Anche se i combattimenti a Gaza potrebbero diminuire in intensità, non c'è al momento nessun accordo per mettere fine in modo durevole alle ostilità e nessun accordo su un piano di più lungo termine che possa ripristinare ed eventualmente rafforzare la sicurezza in Israele. Questo contesto di sicurezza indebolito implica rischi sociali più alti", mette in evidenza Moody's.

 

MOODY'S MOODY'S

NETANYAHU, 'SCELTA MOODY'S LEGATA A GUERRA, L'ECONOMIA È FORTE'

(ANSA) - L'economia di Israele "è forte": lo ha detto il premier, Benyamin Netanyahu, a commento della decisione dell'agenzia Moody's di abbassare il rating di Israele da A1 ad A2. Secondo Netanyahu, questa decisione "non è correlata all'economia ma interamente dovuta al fatto che il Paese è in guerra. Il rating - ha sottolineato - tornerà subito su non appena vinceremo la guerra. E la vinceremo".

pupazzo di netanyahu vestito da deportato manifestazione pro palestina per il giorno della memoria roma pupazzo di netanyahu vestito da deportato manifestazione pro palestina per il giorno della memoria roma ANTONY BLINKEN - BENJAMIN NETANYAHU ANTONY BLINKEN - BENJAMIN NETANYAHU

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…