LE MATERIE PRIME SCARSEGGIANO? E OGNI PAESE S’ATTREZZA! - IL MESSICO NAZIONALIZZA IL LITIO, CHE SARÀ QUINDI GESTITO DA UNA IMPRESA PUBBLICA IN TUTTE LE SUE FASI...

-

Condividi questo articolo


UCRAINA SOTTO ATTACCO ANCHE PER IL LITIO UCRAINA SOTTO ATTACCO ANCHE PER IL LITIO

(ANSA) - La Camera dei deputati del Messico ha approvato ieri con procedura d'urgenza una legge di iniziativa presidenziale attraverso cui si stabilisce la nazionalizzazione del litio, che sarà quindi gestito da una impresa pubblica in tutte le sue fasi. Lo riferisce il quotidiano El Universal. Nella sessione precedente i deputati avevano discusso e respinto in un aspro dibattito una iniziativa del presidente Andrés Manuel López Obrador per modificare la legge che regola le attività del settore elettrico che pure conteneva una proposta di fare del litio un bene solo gestito dallo Stato.

 

Trattandosi di un provvedimento legislativo che comportava la modifica di alcuni articoli della Costituzione, e quindi una maggioranza di 2/3, alla fine era stato respinto, pur avendo ricevuto 275 voti favorevoli (Morena, Verdi e Partito del lavoro) e 223 contrari (Pan, Pri e Prd).

 

litio litio

La modifica invece alla Legge mineraria è invece stata approvata a maggioranza semplice in circa due ore con 298 voti favorevoli delle forze governative e197 astensioni dei partiti di opposizione che non hanno voluto entrare nel dibattito. Il testo, che stabilisce la gestione da parte di un organismo statale di esplorazione, sfruttamento e valorizzazione del litio, è stato trasmesso al Senato per la sua definitiva trasformazione in legge.

 

Condividi questo articolo

business

POI UNO SI CHIEDE PERCHÉ GLI ITALIANI EMIGRANO: DOPO I NO-VAX, ORA ARRIVANO I NO-POS! – DA IERI I COMMERCIANTI CHE NON PERMETTONO AI CLIENTI DI PAGARE CON LA CARTA POTRANNO BECCARSI UNA MULTA, MA LORO SE NE FREGANO BELLAMENTE. LA SCUSA È SEMPRE LA STESSA: LE COMMISSIONI TROPPO ALTE, SOPRATTUTTO PER I MICRO-PAGAMENTI. MA È DAVVERO COSÌ OPPURE VOGLIONO SOLO CONTINUARE A EVADERE? COMUNQUE, IN MOLTI HANNO GIÀ TROVATO UN TRUCCHETTO PER AGGIRARE EVENTUALI CONTROLLI: BASTA DIRE CHE IL POS NON FUNZIONA…

L’INFLAZIONE AUMENTA, IL PORTAFOGLIO SI RESTRINGE – I SALARI RESTANO FERMI MENTRE I PREZZI SCHIZZANO IN ALTO: NEL PRIMO SEMESTRE DEL 2022 UNA FAMIGLIA TIPO È ARRIVATA A PERDERE 2400 EURO DI POTERE D’ACQUISTO. LA SOLUZIONE? PRODOTTI DI BASSA QUALITÀ E/O RIDUZIONE DEI CONSUMI – COTTARELLI TWEET: “NEL 92 IL GOVERNO PRELEVÒ LO 0,6% DEI DEPOSITI, UNA PATRIMONIALE. ANCORA CE LO RICORDIAMO. OGGI, CON TASSI ZERO DEI DEPOSITI, L’INFLAZIONE ALL’8% SIGNIFICA UNA PATRIMONIALE DELL’8%. E NESSUNO SI LAMENTA. MISTERO!”

VI RICORDATE QUANDO CHRISTINE LAGARDE DICEVA “L’INFLAZIONE È TEMPORANEA”? LA PRESIDENTE DELLA BCE NON NE HA IMBROCCATA MEZZA NEGLI ULTIMI MESI, E ORA, DOPO I DATI CHOC SULL’AUMENTO DEI PREZZI (+8,6% NELL’EUROZONA), È COSTRETTA A METTERCI UNA PEZZA – SUL TAVOLO C’È L’IPOTESI DI UN MEGA RIALZO DEI TASSI DA 50 PUNTI BASE, IL DOPPIO DI QUELLO PREVISTO A INIZIO GIUGNO – PANETTA: “LA NORMALIZZAZIONE DOVREBBE RIMANERE GRADUALE. PER ORA, IL NOSTRO OBIETTIVO DOVREBBE ESSERE…”