MENO PIL PER TUTTI – IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE AVVERTE: PER I PROSSIMI CINQUE ANNI L'ECONOMIA MONDIALE AVRÀ UNA CRESCITA DEBOLE, INTORNO AL 3%. È LA PREVISIONE A MEDIO TERMINE PIÙ BASSA DAL 1990 - LA DIRETTRICE GENERALE, KRISTALINA GEORGIEVA, LA VEDE NERISSIMA: “IL CAMMINO PER AVERE UN PIL GLOBALE ROBUSTO È AVVOLTO NELLA NEBBIA ED È DISSESTATO” – LA FRENATA TOCCHERÀ IL 90% DELLE ECONOMIE AVANZATE MA AVRÀ UN EFFETTO DEVASTANTE SOPRATTUTTO SUI PAESI A BASSO REDDITO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alberto Simoni per “La Stampa”

 

Kristalina Georgieva, direttore generale del fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva, direttore generale del fondo monetario internazionale

La crescita economica scivolerà sotto il 3% nel 2023 e attorno a questa cifra si muoverà per i prossimi cinque anni, ovvero la previsione a medio termine più bassa dal 1990, ben al di sotto del 3,8% degli ultimi due decenni.

 

Il direttore generale del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, […] ha evidenziato che «il cammino per avere un Pil mondiale robusto è avvolto nella nebbia ed è dissestato».

 

Nel 2021 il Pil globale è aumentato, dopo il devastante anno pandemico, del 6,1%, nel 2022 la crescita si è limitata a un +3,4%. E quest'anno le stime la assestano sotto il 3%, una frenata che tocca il 90% delle economie avanzate e che avrà un impatto pesante in termini di Pil pro capite nei Paesi a medio e basso reddito.

Kristalina Georgieva, direttore generale del fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva, direttore generale del fondo monetario internazionale

 

[…]

 

Sullo scenario internazionale pesa la situazione Ucraina, il cui impatto va ben oltre i confini nazionali. Per questo ridurre la frammentazione e l'impatto delle crisi geopolitiche è fondamentale. Il Fmi ha fatto una simulazione: il commercio in un contesto frammentato (con supply chain compromesse e politiche protezionistiche spinte ad esempio) inciderebbe sulla perdita di Pil globale di oltre il 7%. Senza contare l'impatto che il "decoupling" avrebbe sui flussi di capitale.

 

la direttrice operativa del fondo monetario kristalina georgieva la direttrice operativa del fondo monetario kristalina georgieva

[…]  Georgieva ha ammonito i governi a non cedere a facili ricette e a distribuire sussidi e aiuti a pioggia che finirebbero per alimentare la spirale inflazionistica. Riforme, rivoluzione digitale, investimenti verdi sono poi cruciali per generare crescita in settori nuovi.  

 

[…] L'ultimo elemento è il rafforzamento della solidarietà per ridurre le disparità globali. E su questo aspetto Georgieva ha spiegato che l'impegno come prestatore a costo zero dell'Fmi è quadruplicato negli ultimi anni.

Kristalina Georgieva E XI JINPING Kristalina Georgieva E XI JINPING Kristalina Georgieva Christine Lagarde 1 Kristalina Georgieva Christine Lagarde 1 Kristalina Georgieva Christine Lagarde Kristalina Georgieva Christine Lagarde FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…