I MERCATI HANNO GIÀ DECISO - IL TITOLO DI TIM VOLA IN BORSA E SALE DEL 30% DOPO LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DI KKR: ORA VIENE SCAMBIATO A 0,45 EURO (L’OFFERTA DEL FONDO È DI 0,505) - IL SUPER COMITATO DEL GOVERNO POTREBBE RIUNIRSI GIÀ IN SETTIMANA PER ANALIZZARE LA SITUAZIONE. INTANTO VIVENDI BOCCIA L’OFFERTA DEGLI AMERICANI: “NON RIFLETTE IL REALE VALORE”

-

Condividi questo articolo


luigi gubitosi luigi gubitosi

Da www.ansa.it

 

Il gruppo di lavoro creato dal Governo per seguire la vicenda Tim potrebbe riunirsi già in settimana, per fare un primo esame delle carte, dopo la manifestazione di interesse presentata dal fondo americano Kkr per un'opa totalitaria sul gruppo italiano.

 

Lo si apprende da fonti istituzionali. Il gruppo di lavoro, come spiegato nel comunicato del Ministero dell'economia, è composto dagli esponenti di Governo titolari delle competenze istituzionali principalmente coinvolte (dovrebbero essere i ministri dell'economia Franco, dello sviluppo Giorgetti e dell'innovazione tecnologica Colao), oltre che dalle amministrazioni e da esperti. "A Tim, e quindi all'Italia, servono un partner ed un piano industriale che valorizzino e rafforzino l'azienda, non un'operazione finanziaria che rischia di portare ad uno spezzatino di una realtà così importante per il Paese.

kkr kkr

 

Inoltre, visti i non brillanti risultati degli ultimi mesi, il cambio ai vertici auspicato da più parti pare tema non più rinviabile". Così il segretario della Lega Matteo Salvini, interpellato da Affaritaliani.it, commenta la proposta d'acquisto di Tim da parte di Kkr, il fondo infrastrutturale americano.

 

henry kravis henry kravis

Da parte sua Confindustria apprezza la sensibilità del governo sul tema. "Noi non entriamo, ovviamente, in nessun giudizio, essendo" la Tim "un'azienda quotata, apprezziamo però la sensibilità con cui il Governo sta tenendo in massima attenzione il dossier perché comunque parliamo di un settore strategico per il  Paese". Così, a Potenza, a margine di un'iniziativa sul tema "Motore Mezzogiorno, Ripartenza Italia", il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ha risposto a una domanda dei giornalisti sulla questione Tim.

daniele franco mario draghi conferenza stampa sulla manovra daniele franco mario draghi conferenza stampa sulla manovra

 

Vivendi, socio di riferimento di Tim, boccia l'offerta di Kkr. "L'offerta di Kkr non riflette il reale valore di Tim, è insufficiente". È questa la posizione di Vivendi lasciano intendere fonti vicine al gruppo francese.

 

Intanto la proposta d'acquisto di Kkr mette le ali a Tim in Borsa. Gli acquisti su Tim spingono il titolo verso il prezzo proposto da Kkr per un'eventuale offerta sul 100% del capitale: in rialzo del 30% sulle quotazioni di venerdì viene ora scambiato a 0,45 euro contro gli 0,505 messi sul piatto dal fondo americano.

 

BOLLORE' VIVENDI BOLLORE' VIVENDI

E' in spolvero tutto il settore in Europa con Vodafone che sale dell'1,8%, Telefonica del 4,8%, Deutsche Telekom dell'1,99%, Orange dell'1,5%, Tele2 dell'1,8 per cento. Sul listino milanese la controllata Inwit sale del 5,6% a 10,66 euro mentre oltreoceano la controllata brasiliana, quotata come Tim Participacoes sale oltre il 4 per cento.  Beneficia del cambiamento di scenario anche il socio di riferimento di Tim: Vivendi a Parigi guadagna il 2,99% a 11,38 euro ai massimi da due mesi. 

 

berlusconi bollore vivendi mediaset berlusconi bollore vivendi mediaset

Secondo gli analisti di Ubs a Tim serviva un approccio 'fuori dagli schemi' per invertire tendenza e tornare alla redditività e lo può trovare con il sostegno di Kkr. "Un private equity esperto come KKR potrebbe rivelarsi una soluzione migliore per supportare il turnaround di Tim rispetto agli azionisti di riferimento che hanno controllato TI negli ultimi 20 anni, grazie al suo lungo orizzonte di investimento, alle sue ampie risorse finanziarie e alla flessibilità extra consentita dal delisting".

henry kravis. henry kravis. henry kravis 1 henry kravis 1

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


business

È STATO DAVVERO UN “BLACK FRIDAY” – IERI LE BORSE EUROPEE HANNO BRUCIATO 390 MILIARDI DI CAPITALIZZAZIONE PER LA PAURA CHE LA VARIANTE “OMICRON” DEL COVID PORTI A NUOVE CHIUSURE CHE DISTRUGGEREBBERO L’ECONOMIA – IGNAZIO VISCO: “IL NUOVO INCREMENTO DI CONTAGI SPOSTA IN AVANTI LA PROSPETTIVA POST-PANDEMIA”. CHE FARANNO I BANCHIERI CENTRALI, CHE STAVANO PENSANDO DI RIALZARE I TASSI PER SCONGIURARE L’INFLAZIONE? LA RISPOSTA ARRIVA DAL PETROLIO, CHE IERI È CROLLATO DEL 10%...