I MIGLIORI NANNI (SONO ALLE SPALLE) - FINISCE L'ERA BAZOLI, MA NON NEL PROCESSO IN CUI È IMPUTATO A BERGAMO, BENSÌ NEI ''PATTI'' DI UBI BANCA. IL CASTELLO CHE AVEVA COSTRUITO PER TENERE INSIEME LE DUE SPONDE TRA BRESCIA E BERGAMO, È CADUTO SOTTO IL PESO DEI SOLDI. I BERGAMASCHI SI SONO RAFFORZATI E HANNO ''CACCIATO'' I BRESCIANI, RIUNITI INTORNO A BAZOLI, DALLA STANZA DEI BOTTONI

-

Condividi questo articolo

Gianni Barbacetto per “il Fatto quotidiano

 

bazoli gallerie d'italia bazoli gallerie d'italia

Il tramonto di Giovanni Bazoli è arrivato, a sorpresa, prima della fine del processo in cui è imputato a Bergamo. A Milano resta "presidente emerito" di Banca Intesa, ma a casa sua, a Brescia, è stato ruvidamente estromesso dalla cabina di regia di Ubi Banca. È crollato in una notte, dopo dodici anni, il castello di carte che aveva costruito per tenere insieme le due "famiglie" che nel 2007 avevano fondato Ubi, quella bresciana della Banca Lombarda e quella bergamasca della Popolare di Bergamo.

 

 La guida dell' istituto nato dalla fusione e la nomina delle cariche sociali e del management sono sempre state nelle mani del patto raffinatissimo stretto dalle due associazioni di azionisti che riunivano i soci fondatori: i bergamaschi "Amici di Ubi" guidati da Emilio Zanetti; e i bresciani dell'"Associazione Banca lombarda e piemontese" presieduta da Bazoli, assistito dalla figlia Francesca. "Patto occulto", secondo la Procura di Bergamo, che ha messo sotto processo Bazoli e l' intero gruppo dirigente di Ubi.

Occulto o no, ora quel patto si è dissolto.

All' equilibrio dei "territori" si è sostituito il peso dei soldi.

 

Che cos' è successo? Cinque grandi azionisti bergamaschi, le famiglie Bombassei (Brembo), Bosatelli (Gewiss), Pilenga (Fonderie Pilenga), Radici (Radici group) e Andreoletti (Cospa), ciascuno con una quota pari o superiore all' 1% di azioni, sono usciti dal precedente "Patto dei Mille" e hanno costituito il Car (Comitato azionisti di riferimento), a cui hanno aderito la Fondazione Banca Monte di Lombardia (4,95%) e la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo (6%).

GIOVANNI BAZOLI GIOVANNI BAZOLI

 

Il Car ha riunito così il 16,7% di azioni Ubi, che supererà il 17% con l' ingresso, già annunciato, della famiglia bresciana Gussalli Beretta (quella delle armi). Restano fuori i bresciani che erano riuniti attorno a Bazoli; e anche il bergamasco Zanetti, che di Bazoli è stato il grande partner, tagliato fuori dall' entry level: è accettato nel Car solo chi ha più dell' 1% (valore: 29 milioni di euro).

 

PIERO GUSSALLI BERETTA PIERO GUSSALLI BERETTA

Gli uomini designati a rappresentare il Car sono Gianni Genta - che non è né di Bergamo, né di Brescia, ma viene dalla Fondazione di Cuneo, il terzo "territorio" di Ubi -, il "pavese" Mario Cera e il bergamasco Armando Santus, entrambi coimputati di Bazoli nel processo sul "patto occulto".

 

Brescia e il mondo di Bazoli protestano: "La nascita del nuovo Patto di consultazione di Ubi mina alle fondamenta il bergamasco Patto dei Mille e mette in discussione l' apporto centenario di matrice bresciana alla storia della banca", scrive allarmatissimo Il giornale di Brescia. Il pericolo è quello di "dissipare il patrimonio di radicamento nei diversi territori". Sotto accusa anche il "tradimento" della famiglia Beretta, "che si smarca dalla storia centenaria della banca a forte radicamento territoriale". Conclusione: "Brescia non può restare indifferente. Se ritiene di avere ancora qualcosa da dire, lo faccia ora".

victor massiah letizia moratti victor massiah letizia moratti

 

Intanto però l' era Bazoli è finita. Non per paura di una possibile condanna penale (gli imputati stanno anche tra i "vincenti" del Car e ai vertici di Ubi, l' amministratore delegato Victor Massiah e la presidente Letizia Moratti), ma per sgretolamento degli antichi patti. Nelle stanze dove si decidono i destini della terza banca italiana si dissolve il profumo d' incenso e di curia e si fa più forte l' odore dei soldi e degli affari. C' è un futuro da costruire: con un' aggregazione di cui si parla da tempo e da realizzare sposando Ubi con Montepaschi, o con Banco Bpm, o con Bper, chissà. Ma questa volta non sarà Bazoli ad accompagnare la sposa all' altare.

UBI BANCA BRESCIA UBI BANCA BRESCIA UBI BANCA UBI BANCA UBI BANCA UBI BANCA

 

Condividi questo articolo

business