MILLERI NON VA ALLA GUERRA PER MEDIOBANCA (PER ORA) - IL PRESIDENTE DI DELFIN, LA HOLDING DELLA FAMIGLIA DEL VECCHIO, PRIMA AZIONISTA DI PIAZZETTA CUCCIA COL 19,8%, APRE A NAGEL IN VISTA DELLA PRESENTAZIONE DEL PIANO 2023-2026 E DEL RINNOVO DEL CDA: “SIAMO SOLO DEGLI AZIONISTI DI LUNGO PERIODO E ANCHE CONTENTI, LEGGEREMO IL PIANO” – MILLERI E CALTAGIRONE SI MUOVERANNO INSIEME? CERCHERANNO UN ACCORDO CON NAGEL O PRESENTERANNO UNA LORO LISTA?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Francesco Spini per “La Stampa”

 

FRANCESCO MILLERI FRANCESCO MILLERI

C'è prima di tutto l'omaggio a Leonardo Del Vecchio, alla prima assemblea di EssilorLuxottica senza il suo fondatore. […] Ai soci riuniti a Parigi – con in prima fila rappresentanti dei tre rami della famiglia ancora alle prese con questioni ereditarie: ci sono alcuni figli come Claudio e Paola Del Vecchio, Leonardo Maria Del Vecchio, e poi Luca Del Vecchio, con sua madre Sabina Grossi – Milleri illustra i risultati dei primi 5 anni di EssiLux da che, nel 2018, è partita la fusione sull'asse italo-francese.

 

FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO FRANCESCO MILLERI LEONARDO DEL VECCHIO

Nonostante la pandemia e la guerra «siamo riusciti quasi a raddoppiare il valore della società», da 46 a oltre 80 miliardi di euro di capitalizzazione. E ancora: «Abbiamo accresciuto del 51% i ricavi», ricorda il presidente e ad, mentre «la redditività (+61% gli utili dal 2018, ndr) sta crescendo e sta dando forza non solo a noi per dare dividendi» […]

 

In assemblea emerge qualche mal di pancia francese, ma passano tutti i punti all'ordine del giorno, inclusa la remunerazione di Milleri (3,9 milioni tra fisso e variabile nel 2022) accresciuta con la nomina anche a presidente.

 

A margine della riunione dei soci, Milleri parla anche come presidente di Delfin, la holding della famiglia Del Vecchio prima azionista col 19,8% di Mediobanca, di cui tra una settimana è atteso il nuovo piano.

 

Alberto Nagel Alberto Nagel

«Lo leggeremo, lo faremo analizzare: se ce li chiederanno daremo dei suggerimenti, anche se noi non siamo degli esperti di banche, questo deve essere chiaro a tutti. Siamo solo degli azionisti di lungo periodo e anche contenti: il titolo sta andando abbastanza bene, poi se cresce un po'di più siamo ancora più contenti», dice il manager.

 

Toni distesi sebbene la guardia resti alta. In ogni caso Milleri nota che «i dividendi sono dividendi importanti, quindi questa è la nostra posizione che poi è stata quella fin dall'inizio. Vedremo quello che ci presenteranno».

 

francesco gaetano caltagirone francesco gaetano caltagirone

Da questo probabilmente dipenderà l'atteggiamento sul rinnovo a ottobre di cda e vertici. «Vedremo anche lì se ci chiederanno qualcosa o meno». «Noi – puntualizza – siamo veramente azionisti di lungo periodo, interessati che questo nostro investimento cresca e continui a essere profittevole.

 

MEDIOBANCA MEDIOBANCA

A queste due condizioni noi manteniamo questa nostra posizione». A chi chiede se con gli altri grandi soci, come Caltagirone (9,9%), ci siano consultazioni, Milleri spiega che i contatti non avvengono «su questi temi in particolare». «Abbiamo qualche frequentazione, più di cortesia. Però vista l'attenzione anche dei media, l'attenzione che c'è stata in passato dalla Consob, visto che non c'è necessità, difficilmente discutiamo di argomenti così specifici. Ci si vede per capire come pensiamo che andrà il mondo, come pensiamo andrà il nostro Paese, tutto ha influenza. Ma mai su argomenti specifici».

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE AZIONARIATO DI MEDIOBANCA E GENERALI AL 3 MAGGIO 2023 AZIONARIATO DI MEDIOBANCA E GENERALI AL 3 MAGGIO 2023 ALBERTO NAGEL ALBERTO NAGEL

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...