LA MOSSA DELLO SCARPARO - DIEGO DELLA VALLE LANCIA UN'OPA SU TOD'S A 40 EURO PER AZIONE PER RITIRARE IL TITOLO DAL LISTINO DI PIAZZA AFFARI, COMPLETANDO L’ACQUISTO DEL 25,55% DEL CAPITALE NON CONTROLLATO - PER INVESTIRE SUI MARCHI TOD'S, ROGER VIVIER, HOGAN E FAY NEL MERCATO DEL LUSSO E' "SCOMODO" MANTENERE LO STATUS DI SOCIETÀ QUOTATA PER "LE LIMITAZIONI DERIVANTI DALLA NECESSITÀ DI OTTENERE RISULTATI COMUNQUE SOGGETTI A VERIFICHE DI BREVE PERIODO” - TRADOTTO: CI SARANNO PERDITE E BILANCI IN ROSSO...

-

Condividi questo articolo


diego della valle diego della valle

TOD'S: DELLA VALLE LANCIA OPA A 40 EURO PER IL DELISTING

(ANSA) - Diego Della Valle lancia un'opa su Tod's a 40 euro per azione per ritirare il titolo dal listino di Piazza Affari. L'offerta d'acquisto volontaria, si legge in una nota, è promossa da DeVa Finance, società interamente detenuta da DI.VI. Finanziaria di Diego Della Valle & C e controllata indirettamente da Diego Della Valle, ed è volta ad acquisire la totalità delle azioni ordinarie di Tod's non ancora in mano all'imprenditore e pari al 25,55% del capitale.

 

Il corrispettivo offerto incorpora un premio pari al 20,37% rispetto al prezzo ufficiale per azione Tod's rilevato il giorno di Borsa aperta precedente alla data della comunicazione odierna, pari a 33,23 euro. L'esborso massimo in caso di adesione totalitaria all'opa sarà di 338.149.080 euro. L'offerente, con il sostegno della famiglia Della Valle, spiega una nota, "ha deciso di fare un grande investimento nel gruppo della moda per supportarne lo sviluppo.

diego della valle diego della valle

 

L'obiettivo è quello di valorizzare i singoli marchi (Tod's, Roger Vivier, Hogan e Fay), dando loro una forte visibilità individuale e una grande autonomia operativa. Attraverso tale strategia, si intende rafforzare il posizionamento dei marchi nella parte alta del mercato della qualità e del lusso, con un elevato livello di desiderabilità". Si ritiene infatti che il perseguimento di questi obiettivi di medio e lungo periodo sia meno agevole mantenendo lo status di società quotata, con le limitazioni derivanti dalla necessità di ottenere risultati comunque soggetti a verifiche di breve periodo.

 

tod's 2 tod's 2

Di conseguenza, Della Valle è determinato a promuovere e sostenere questo progetto, consapevole della qualità della struttura manageriale del gruppo e della comprovata competenza ed esperienza dei suoi artigiani. Infine con l'opa si intende riconoscere agli azionisti l'opportunità di liquidare il proprio investimento in Tod's a condizioni più favorevoli rispetto a quelle che attualmente offre il mercato.

 

TOD'S: LVMH NON ADERISCE ALL' OPA E RESTA CON QUOTA DEL 10%

 (ANSA) - Lvmh non aderirà all'opa promossa da Della Valle e manterrà il suo 10% nella società della moda a fianco dell' imprenditore marchigiano. Delphine, la sussidiaria del colosso francese di Bernard Arnault, deve essere considerata persona che agisce di concerto con l'Offerente, si legge nella nota che annuncia l'opa volontaria su Tod's, "avendo sottoscritto un accordo in forza del quale si è impegnata, tra l'altro, nei confronti dell'Offerente e di DI.VI. e sino alla conclusione dell'Offerta, a non cedere, trasferire e/o altrimenti disporre a favore di terzi, e a non portare in adesione all'Offerta, le complessive n. 3.309.900 azioni dalla medesima detenute". L'accordo con Delphine si qualifica come patto parasociale.

lvmh lvmh

 

Condividi questo articolo

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

PREPARATEVI A UN AUTUNNO MOLTO CALDO – L’ULTIMO RAPPORTO DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA È UNA DOCCIA FREDDA: NONOSTANTE I DATI POSITIVI DEL PIL, “L’ATTIVITÀ ECONOMICA STA RALLENTANDO”, COME HA SPECIFICATO ANCHE IERI DRAGHI – NEL FRATTEMPO LA BANCA D’INGHILTERRA AUMENTA ANCORA I TASSI, PORTANDOLI ALL’1,75% - I REINVESTIMENTI DELLA LAGARDE, SPACCIATI PER UNA BOCCATA D’OSSIGENO ALL’ITALIA, IN REALTÀ CI RENDONO SEMPRE PIÙ DIPENDENTI DA GERMANIA, OLANDA E FRANCIA…