MURO DI GOMMA CONTRO LA CINA – PIRELLI FA SLITTARE IL RINNOVO DEL BOARD E LA PRESENTAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE 2025 IN ATTESA CHE IL GOVERNO DECIDA SE E COME ESERCITARE IL “GOLDEN POWER” PER RIDURRE “L'INFLUENZA” DEL SOCIO SINOCHEM, CHE OGGI HA LA QUOTA DI MAGGIORANZA DELL'AZIENDA CON IL 37% – AL G7 DI HIROSHIMA, L'ELEFANTE NELLA STANZA SARÀ PROPRIO IL TEMA DELLA SUPERPOTENZA ECONOMICA USATA DA PECHINO COME ARMA POLITICA. COME LIMITARE I RISCHI SENZA RINUNCIARE AI BENEFICI? 

-

Condividi questo articolo


1. L'IPOTESI GOLDEN POWER FA SLITTARE LA NOMINA DEL NUOVO CDA DI PIRELLI

Estratto dell'articolo di “La Stampa”

 

pirelli cina pirelli cina

Pirelli, in attesa che il governo decida se e come esercitare il "golden power" in relazione al nuovo patto di sindacato tra ChemChina e i soci italiani, ha deciso di convocare per il 29 giugno l'assemblea per l'approvazione del bilancio e rinviare a una successiva assemblea, da convocare entro il 31 luglio, il rinnovo del board. Di conseguenza, spiega una nota, slitta anche la presentazione dell'aggiornamento del piano industriale al 2025. La presentazione verrà fatta entro la fine dell'esercizio 2023.

sinochem sinochem

 

«Quella sul golden power è una procedura in fieri. È impossibile dire quale sarà il risultato: sapremo il risultato non prima di fine maggio o inizio giugno – ha detto Marco Tronchetti Provera, vicepresidente esecutivo e ceo del gruppo –. L'unica cosa che sappiamo è che ci sarà un ritardo - ha detto Tronchetti -. C'è una serie di quesiti sollevati da altri Paesi, com'è normale in questo tipo di processi».

 

I risultati del primo trimestre di Pirelli sono tutti in crescita: ricavi a 1,7 miliardi (+11,7%), Ebitda adjusted a 359,7 milioni (+8%),e utile netto a 115 milioni (+4,7%).

 

2. SUL TAVOLO DEL G7 LO SCONTRO USA-UE SUI RAPPORTI CON LA CINA

Estratto dell'articolo di Filippo Santelli per “la Repubblica”

 

XI JINPING E JOE BIDEN GIOCANO A SCACCHI - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY XI JINPING E JOE BIDEN GIOCANO A SCACCHI - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY

L’elefante nella stanza del G7, la prossima settimana a Hiroshima, sarà un dragone: la Cina e la sua superpotenza economica, usata sempre di più da Pechino come arma politica. Come contrastarla in maniera coordinata? Come limitare i rischi del rapporto industriale con la Cina senza rinunciare ai benefici? I Sette Grandi hanno cominciato a discuterne ieri a Nigata, nel più importante tra i vertici che anticipano il summit della prossima settimana, cioè quello dei ministri dell’Economia e delle Finanze.

 

[…]  L’obiettivo degli Stati Uniti è inserire nel comunicato finale del G7 una risposta condivisa a questa arma impropria, compattando il fronte delle democrazie. Ma più che vere ritorsioni pronte ad essere azionate, su cui i Paesi europei resistono, è probabile ci si limiti a una dichiarazione di intenti, secondo indiscrezioni raccolte da Bloomberg .

 

XI JINPING VS JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY XI JINPING VS JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY

Tra i Paesi più prudenti - non da oggi - c’è la Germania, la cui industria ha in Cina un mercato fondamentale. Lo conferma anche l’atteggiamento di Berlino a un secondo tavolo in corso, diverso ma collegato, quello sull’undicesimo pacchetto di sanzioni europee per la guerra in Ucraina.

 

La proposta preliminare della Commissione ipotizza non solo di punire le aziende extra-Ue che aggirano i blocchi commerciali imposti contro Mosca, ma anche di limitare gli scambi con i loro Paesi. Un’ulteriore escalation che colpirebbe la Cina, le cui imprese stanno facendo affari d’oro in Russia. La Germania si è detta contraria, raccogliendo anche il supporto dell’Italia.

 

MACRON - XI JINPING - URSULA VON DER LEYEN MACRON - XI JINPING - URSULA VON DER LEYEN

L’approccio che si sta cristallizzando in Europa nei confronti della Cina è sintetizzato da una formula usata da Ursula von der Leyen: “derisking”, cioè limitare i rischi della dipendenza economica, per esempio sulle materie prime strategiche, “senza decoupling”, cioè senza un divorzio completo dalla Repubblica popolare, di cui l’Europa non può fare a meno come fornitore, e non vuole fare a meno come mercato. Un messaggio rivolto anche agli Stati Uniti, che invece hanno a lungo parlato di separazione forzata dall’economia cinese.

 

EMMANUEL MACRON XI JINPING URSULA VON DER LEYEN EMMANUEL MACRON XI JINPING URSULA VON DER LEYEN

Negli ultimi giorni però anche l’amministrazione Biden sembra aver modificato la sua retorica. Se da un lato il consigliere per la Sicurezza nazionale Jake Sullivan ha tratteggiato le linee di una nuova economia globale in grado di garantire sicurezza, proprio Yellen ha riconosciuto che un “decoupling” completo sarebbe un disastro.

 

[…]

 

emmanuel macron xi jinping ursula von der leyen emmanuel macron xi jinping ursula von der leyen

Gli Stati Uniti stanno cercando di ricostruire un minimo dialogo con Pechino: ieri a Vienna lo stesso Sullivan ha incontrato il responsabile della politica estera cinese Wang, gettando le basi per una futura telefonata Biden-Xi. […] Morale: gli Stati Uniti e l’Europa sembrano convergere verso il concetto di “derisking”, che potrebbe diventare la cornice comune delle relazioni con Pechino.

joe biden xi jinping g20 bali joe biden xi jinping g20 bali xi jinping joe biden al g20 di bali 3 xi jinping joe biden al g20 di bali 3 pirelli pirelli

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP