MUSTIER, MA NON DOMANI – È UFFICIALE: L'AMMINISTRATORE DELEGATO DI UNICREDIT SI RITIRERÀ ALLA FINE DEL MANDATO, NELL'APRILE DEL 2021 – "LA STRATEGIA DEL PIANO TEAM 23 E I SUOI PILASTRI FONDANTI NON SONO PIÙ IN LINEA CON L'ATTUALE VISIONE DEL CDA" – IL FRANCESE SI È SEMPRE DETTO CONTRARIO A FUSIONI E ACQUISIZIONI, MA ORMAI IL RISIKO È PARTITO E LA BANCA RISCHIA DI RIMANERE INDIETRO

-

Condividi questo articolo
Unicredit, passo indietro Mustier: non si ricandida come ceo

MUSTIER ELKETTE MUSTIER ELKETTE

(LaPresse) - UniCredit ha annunciato oggi che il suo attuale ceo, Jean Pierre Mustier, ha informato il consiglio di amministrazione che si ritirerà dal suo ruolo alla fine del mandato in corso, che scade nell'aprile 2021 insieme a quello dell'intero Consiglio. E' quanto si legge in una nota dell'istituto.

JEAN PIERRE MUSTIER JEAN PIERRE MUSTIER

 

Unicredit, Mustier: Lascio perché Piano non più in linea con visione cda

(LaPresse) - "Innanzitutto desidero ringraziare tutti i colleghi del gruppo per il loro straordinario impegno negli ultimi anni. Insieme abbiamo realizzato con successo il piano Transform 2019 e, di conseguenza, siamo in una posizione forte per continuare a supportare i nostri clienti e le comunità in tutti i nostri Paesi restando un vero Gruppo pan-Europeo vincente". E' quanto dichiara l'amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, che ha deciso di non ricandidarsi per il nuovo mandato nel 2021.

 

"Nel corso degli ultimi mesi, tuttavia - ha aggiunto -, è emerso che la strategia del Piano Team 23 e i suoi pilastri fondanti non sono più in linea con l’attuale visione del consiglio di amministrazione. Di conseguenza ho preso la decisione di lasciare il gruppo alla fine del mio mandato ad aprile 2021, in modo da consentire al Consiglio di definire la strategia futura".

 

"In ogni caso - ha proseguito - ho sempre sostenuto che cinque anni sono il periodo di tempo ideale per svolgere il ruolo di ceo in una azienda e i miei cinque anni in UniCredit sono stati, per non dire altro, un'esperienza straordinaria. Sono orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto e di quanto realizzato in così poco tempo".

 

DOPO LA RIUNIONE STRAORDINARIA DI IERI, IL DOPO-MUSTIER SI AVVICINA: DOPO INTESA SANPAOLO-UBI E CRÉDIT AGRICOLE-CREVAL, ANCHE BANCO BPM E BPER SI PARLANO. MENTRE UNICREDIT RISCHIA DI RIMANERE INDIETRO, CON MUSTIER CHE PREFERISCE RICOMPRARE AZIONI PROPRIE COI BUYBACK E PAGARE DIVIDENDI

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/gallo-gallia-dopo-riunione-straordinaria-ieri-254277.htm

PIERCARLO PADOAN CON ELKETTE DI UNICREDIT PIERCARLO PADOAN CON ELKETTE DI UNICREDIT mustier mustier

 

Condividi questo articolo

business

UNICREDIT, UNICAOS - TOH, VUOI VEDERE CHE PIERCARLETTO PADOAN, NON ANCORA PRESIDENTE IN CARICA DI UNICREDIT, RISCHIA UNA BRUTTA SCONFITTA? LA CANDIDATURA CHE STA PRENDENDO VELOCITÀ IN QUESTE ORE, PER OCCUPARE IL POSTO DEL DIMISSIONARIO MUSTIER, È QUELLA DI ANDREA ORCEL CHE È SUPPORTATA PRINCIPALMENTE DA DEL VECCHIO, CARIVERONA E CASSA RISPARMIO TORINO. SÌ, PROPRIO I TRE AZIONISTI DI UNICREDIT CHE SI SONO MESSI DI TRAVERSO ALLA FUSIONE CON MONTE DEI PASCHI DI SIENA, CHE E' IL MOTIVO PER CUI IL PD AVEVA SPEDITO A PIAZZA GAE AULENTI PADOAN…

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA