PER NON FARE CRAC CREDIT SUISSE SI STA VENDENDO I PALAZZI - LA BANCA SVIZZERA DEVE TROVARE 5 MILIARDI ENTRO FINE MESE E, PER SALVARE IL BARACCONE, SI È RIDOTTA A SVENDERE PER 400 MILIONI L'HOTEL SAVOY DI ZURIGO E IL CAMPUS DA 1,3 MILIARDI - MA QUESTO POTREBBE NON BASTARE E C'È LA POSSIBILITÀ CHE VENGA FATTO UNO SPEZZATINO DELLE ATTIVITÀ STATUNITENSI DELL'ISTITUTO ELVETICO - RESTA IN CAMPO L'IPOTESI DI UN SALVATAGGIO STATALE STILE UBS...

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Goria per “la Stampa”

CAMPUS CREDIT SUISSE CAMPUS CREDIT SUISSE

 

Credit Suisse è in cerca di liquidità in vista del 27 ottobre, quando sarà presentato il piano di ristrutturazione dal ceo Ulrich Körner. È prevista la cessione dell'hotel Savoy di Zurigo, per circa 400 milioni di euro, così come il campus nella stessa città svizzera, valutato 1,3 miliardi. Inoltre, in vista c'è anche lo spezzatino delle attività statunitensi, come riportano fonti vicine al dossier. Possibile che torni in auge lo storico marchio First Boston dopo lo scorporo. L'obiettivo è trovare, secondo fonti finanziarie, almeno 5 miliardi di euro entro fine mese.

 

CREDIT SUISSE CREDIT SUISSE

Intanto, è ancora nervoso il mercato dei Credit default swap (Cds, i derivati per assicurarsi contro il default di un titolo), di nuovo sopra quota 370 punti base. La corsa verso la raccolta di capitali freschi in modo da mettere in sicurezza il gruppo è frenetica. Ed è il motivo per cui Credit Suisse sta valutando la cessione di diverse attività nel suo portafoglio, al fine razionalizzarlo. Una di queste è il Savoy Hotel di Paradeplatz a Zurigo, proprio a sinistra della sede della banca. Le negoziazioni sono in corso. Più complicata è la cessione del campus di Credit Suisse di Zurigo. I due fondi sudcoreani interessati, KB Securities e Igis, si sono ritirati dalla gara. E ora l'immobile, ceduto da Credit Suisse a Norges Bank dieci anni fa (ma con un contratto di locazione fino al 2037, rinnovabile per 15 anni), è tornato sul mercato.

HOTEL CREDIT SUISSE ZURIGO HOTEL CREDIT SUISSE ZURIGO

 

Qualora il fondo sovrano norvegese riuscisse e concludere l'operazione entro il 27 ottobre, potrebbe sostenere l'aumento di capitale che verrà. Del resto, i rapporti fra Credit Suisse e Norges sono sempre stati amichevoli e collaborativi, come sottolineato da più fonti finanziarie prossime a entrambe le entità. Alla luce di questi movimenti, non si ferma l'analisi delle opzioni per ristrutturare la banca. Fra le ipotesi al vaglio di Körner e del suo nuovo team, c'è la dismissione di diverse attività di investment banking, fra cui quelle di advisory, dealmaking e underwriting. Occhi puntati agli Usa, dove le trattative stanno avanzando. Nel frattempo, la Swiss national bank (Snb) monitora con attenzione. «Se ci sarà necessità, si interverrà», trapela da fonti interne. Le prossime tre settimane saranno decisive.

credit suisse credit suisse Credit Suisse Credit Suisse suisse secrets 3 suisse secrets 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...