NON SERVE A NIENTE ESULTARE O DISPERARSI PER QUALCHE DECIMALE DI PIL. CE LO INSEGNA SINNER – L’ANALISI DI MARIO DEAGLIO SUI DATI ECONOMICI DEI PAESI EUROPEI PUBBLICATI DA EUROSTAT: “LA GARA ALLA QUALE STIAMO PARTECIPANDO NON È UNA CORSA DI 100 METRI MA È UN TRACCIATO DA PERCORRERE IN DECENNI E QUINDI QUESTI NUMERI DICONO ASSAI POCO SULL'ESITO FINALE. COME SE AVESSIMO GIUDICATO JANNIK SINNER, NEL MATCH CONTRO DANIIL MEDVEDEV, SULLA BASE DEI PRIMI DUE SET PERDUTI. AFFIDARSI ALLA VARIAZIONE DEL PIL PUÒ RISULTARE INGENUO E ANCHE PIUTTOSTO PERICOLOSO…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Mario Deaglio per “la Stampa”

 

MARIO DEAGLIO MARIO DEAGLIO

A leggere i dati sull'andamento delle economie dell'Unione Europea si ha l'impressione che i vari paesi membri siano impegnati in una gara di corsa di 100 metri: ogni decimo di secondo conta.

 

Il Pil francese è cresciuto dello 0,9 per cento nel 2023? Questo ci dà l'impressione che i francesi si siano slanciati in una ripresa che l'Italia, cresciuta appena dello 0,7 per cento, non riesce ad agguantare stabilmente. E che dire del –0, 3 per cento della Germania? Forse, dietro le apparenze di un paese ordinato e ricco, si cela la prospettiva di una "crisi nera", che potrebbe coinvolgere anche noi?

 

DATI ECONOMICI EUROPA DATI ECONOMICI EUROPA

Gli spagnoli, al contrario, sembrano veramente degli assi: nel 2023 hanno totalizzato una crescita del 2,5 per cento, ossia più del doppio delle previsioni ufficiali che si fermavano a poco più dell'1 per cento. Il tutto, per di più, in una situazione politica incerta con un governo confermato che però, come quelli di altri Paesi, risulta "bloccato".

 

In realtà la gara alla quale stiamo partecipando […] è […] un tracciato da percorrere in decenni e quindi questi dati […] dicono assai poco sull'esito finale. Come se domenica scorsa avessimo giudicato Jannik Sinner, nel "match" contro Daniil Medvedev, sulla base dei primi due set, perduti entrambi dal nostro atleta per 3-6, mentre poi il risultato finale si è capovolto.

 

jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 6 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 6

Per di più, le misure dell'economia non sono mai precise: un valore preliminare di +0,7 per cento del Pil, come quello calcolato per l'Italia può facilmente trasformarsi in un valore finale compreso tra 0,5 e 1 per cento. Qualche anno fa, uno dei maggiori istituti internazionali di previsioni economiche attribuì all'Italia – all'inizio dell'anno – una crescita negativa ma poi il Paese concluse con un robusto risultato positivo.

 

Non è quindi il caso di strapparsi le vesti e neppure di tirar fuori una bottiglia per brindare: si tratta invece di riflettere su come sia possibile far meglio e sul perché […] l'Europa sembri come intirizzita.

 

Un esame sobrio della realtà induce a concludere che la "barchetta Italia", come un gran numero di altre "barchette" europee, riesce a stare a galla ma, in questi anni tempestosi, ha imbarcato molta acqua. Tutto sommato, nessuna sembra veramente correre il rischio di affondare ma tutte hanno difficoltà a seguire una direzione precisa, che si tratti della politica medio-orientale, dei rapporti con l'Africa, o del tipo di struttura economica che vogliamo realizzare tra vent'anni.

 

jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 14 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 14

Tutti i paesi europei devono affrontare problemi imprevisti, come la dura agitazione degli agricoltori francesi e di altri paesi, tutti devono constatare il peggioramento del livello di servizi pubblici come la sanità e l'istruzione. E soprattutto preoccupa l'acuirsi delle spaccature sociali, per cui sono sempre di più i giovani che partono nettamente svantaggiati nella corsa della vita.

 

In questa situazione, affidarsi alla variazione del Pil, un numero che dovrebbe sintetizzare tutto, può risultare non solo ingenuo ma anche piuttosto pericoloso. In ogni caso, anche questo numero mostra che dopo aver recuperato piuttosto bene le cadute dei tre "trimestri del Covid" – dalla fine del 2019 alla metà del 2020 – la nostra velocità di crescita è rapidamente declinata e questo soprattutto per la debolezza della domanda interna, a cominciare dagli investimenti. Dobbiamo toglierci da questa situazione. Sinner potrebbe insegnarci qualcosa.

RECESSIONE 1 RECESSIONE 1 europa - stagnazione europa - stagnazione

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP