OGGI SUONERÀ IL DE PROFUNDIS PER AIR ITALY, LA COMPAGNIA NATA DALLE CENERI DI MERIDIANA CON L'INTERVENTO DEI QATARINI. IL PROBLEMA È LA REGOLA COMUNITARIA, FORTEMENTE VOLUTA DA LUFTHANSA, CHE IMPEDISCE ALLE COMPAGNIE AEREE EXTRAEUROPEE DI ESSERE IN MAGGIORANZA. LO STESSO SUCCESSE A ETIHAD IN ALITALIA - SARÀ MESSA IN LIQUIDAZIONE IN BONIS, NEL SENSO CHE RIPAGHERÀ I CREDITORI, NELLE MANI DI LAGHI (GIÀ COMMISSARIO ALITALIA) E LAGRO

-

Condividi questo articolo


 

airitaly airitaly

DAGONEWS

 

Il problema è la regola comunitaria, fortemente voluta da Lufthansa, che impedisce a compagnie aeree extraeuropee di essere in maggioranza in compagnie aeree europee. Era già successo a Etihad di fallire in Alitalia anche per la non possibilità, come socio di minoranza, di ricapitalizzare la compagnia e di gestirla, e oggi il de profundis suonerà per Airitaly, la compagnia nata dalla ceneri di Meridiana con Qatar Airways arrivata in soccorso dell’Aga Khan, grazie agli uffici dell’allora ministro Federica Guidi.

 

Ma i qatarini si sono anche loro presto resi conto che con il 49% non puoi comandare, e quindi il turnaround di Airitaly si è arenato di fronte all’indisponibilità dell’azionista di maggioranza Aga Khan di immettere nuovi capitali. Così il business plan approvato e i passi avanti ottenuti, come l’apertura di nuove rotte verso Los Angeles, San Francisco, Toronto, le Maldive e Zanzibar che avevano anche portato il premio Four Star Global Airline 2020 cesserà ufficialmente oggi di essere portato avanti.

air italy air italy

 

La compagnia verrà messa in liquidazione in bonis, nel senso che tutti i debitori verranno ripagati, e gli azionisti riuniti in queste ore sono pronti a lasciare il passo a due liquidatori esperti: Enrico Laghi, che da pochi mesi ha lasciato l’incarico di commissario di Alitalia, e quindi è un grande esperto del settore, e Franco Lagro, un passato in Price Waterhouse. Toccherà a loro chiudere i battenti al vettore sardo.

airitaly airitaly ENRICO LAGHI ENRICO LAGHI airitaly airitaly

 

Condividi questo articolo

business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

DOPO LA GUERRA, RISCHIAMO LA CARESTIA – SENZA LA RIAPERTURA DEI TRAFFICI DI CEREALI DALL’UCRAINA, MILIONI DI PERSONE IN AFRICA E MEDIO ORIENTE RISCHIANO LA FAME! COME FARE? L’EUROPA STA CERCANDO DI AGGIRARE IL BLOCCO DEI PORTI PER SALVARE I 30 MILIONI DI TONNELLATE DI PRODOTTI BLOCCATI DAI RUSSI, METTENDO A DISPOSIZIONE LE CITTÀ ROMENE, POLACCHE E BULGARE CHE SI AFFACCIANO SUL MAR NERO. L’ALTERNATIVA È LA ROTTA BALTICA, MA DI MEZZO C’È LA BIELORUSSIA DI LUKASHENKO…