OK OPS - LA BCE DÀ IL PRIMO VIA LIBERA ALL'OPERAZIONE INTESA-UBI. E POTREBBE DISINNESCARE LA CLAUSOLA ''MAC'' SUGLI EFFETTI DELLA PANDEMIA, USATA DALL'ISTITUTO DI MASSIAH PER PROVARE A RESPINGERE L'OFFERTA - È UN PRIMO PASSAGGIO FORMALE MOLTO IMPORTANTE MA NE RESTANO ANCORA TRE: CONSOB, ANTITRUST E TRIBUNALE

-

Condividi questo articolo

CHRISTINE LAGARDE CHRISTINE LAGARDE

 

Rosario Dimito per ''Il Messaggero''

 

Primo via libera formale nell' accidentato percorso di Intesa Sanpaolo verso la conquista di Ubi Banca. Ieri sera la Bce ha dato l' autorizzazione preventiva al colosso bancario per l' acquisizione diretta di una partecipazione di controllo - pari almeno al 50% del capitale più un' azione - in Ubi Banca, nonché per l' acquisizione indiretta di una partecipazione di comando nell controllata IW Bank. In relazione al via libera di Francoforte, Intesa Sanpaolo ha disinnescato di fatto la trappola della Mac legata alla pandemia, per la quale la banca bergamasca si è invece rivolta al tribunale di Milano (udienza il 24 luglio), pur non avendone titolo perché esso spetta all' offerente.

 

carlo messina carlo messina

Nella nota diffusa in serata, Intesa fa sapere che, «pur non disponendo tuttora di informazioni in merito ai possibili effetti pregiudizievoli della pandemia da Covid-19», ritiene «ragionevolmente che da essa non derivino effetti tali da modificare negativamente l' attività di Ubi e/o la situazione finanziaria, patrimoniale, economica o reddituale sua e/o delle società del gruppo Ubi». Ciò posto, «Intesa Sanpaolo non includerà tra le condizioni di efficacia dell' offerta la pandemia da Covid-19 e i suoi effetti come indicati nella comunicazione pubblicata dalla banca il 17 febbraio ai sensi di legge».

 

CORSA A OSTACOLI

 Il semaforo verde dell' Autorità di vigilanza bancaria europea fa seguito alla presentazione dell' istanza corredata delle idonee informazioni a supporto della validità degli obiettivi strategici dell' operazione, finalizzati al rafforzamento della sostenibilità della creazione di valore per tutti gli stakeholder e resi noti al mercato, tra cui in particolare: incremento della massa critica, e contestuale raggiungimento di una maggiore capillarità in mercati geografici precedentemente meno presidiati, al fine di conseguire significative sinergie di costo, derivanti dalle economie di scala e dalla capacità di operare efficientemente con una struttura operativa agile, liberando al contempo importanti risorse per gli investimenti, in particolare quelli tecnologici.

 

VICTOR MASSIAH VICTOR MASSIAH

Poi sinergie di ricavo derivanti dall' incremento della produttività per cliente e per sportello e della redditività anche grazie all' efficientamento derivante dall' integrazione delle fabbriche di prodotto nei segmenti di business ad alto valore aggiunto (in particolare wealth management & protection), facendo leva su un modello di distribuzione e offerta internalizzato; capacità di attrarre nuovi talenti con un forte impegno a sostenere la crescita del core business attraverso nuove assunzioni, favorendo in tal modo il ricambio generazionale all' interno del gruppo senza impatti sociali; allineamento alle best policies creditizie e di risk management di Intesa Sanpaolo; mantenimento di una dotazione patrimoniale solida anche all' esito dell' operazione; accelerazione del de-risking degli attivi di Ubi Banca senza oneri per gli azionisti, aumentando il grado di copertura dei crediti deteriorati ai livelli di Intesa Sanpaolo e riducendo i crediti unlikely to pay e attualmente in sofferenza.

 

L' ACCORDO CON CATTOLICA

MASSIAH LETIZIA MORATTI MASSIAH LETIZIA MORATTI

L' autorizzazione di Bce è un passo in avanti molto importante anche perché contemporaneamente Intesa Sanpaolo ha sgombrato il terreno da una delle mine che i consulenti di Ubi hanno lanciato sul cammino per rendere inefficace l' offerta promossa il 17 febbraio. L' offerente ha quindi rinunciato alla possibilità di invocare gli effetti della pandemia per fare dietrofront.

 

Ora a rendere ancora in salita la strada per il lancio dell' Ops restano l' istruttoria avviata dalla Consob sul prospetto; il procedimento Antitrust nel quale si è inserito con insolita determinazione anche Unicredit per cercare di tagliare la strada all' espansione del competitor; infine, il giudizio del Tribunale milanese sulla validità o meno della clausola Mac che però a questo punto potrebbe anche essere risolta.

 

roberto rustichelli presidente antitrust 5 roberto rustichelli presidente antitrust 5

Intanto il cda di Ubi Banca ieri ha prorogato gli accordi di bancassurance con il gruppo Cattolica, azionista con l' 1%, e con il gruppo Aviva Italia, al 30 giugno 2021 mentre entro il 31 marzo 2021 andrà notificata l' eventuale disdetta da ambo le parti.

 

Condividi questo articolo

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

SALVATORE INTERESSATO - L’EX COMMISSARIO CONSOB BRAGANTINI, CHE OGGI SUL ‘’CORRIERE’’ SI SCHIERA CONTRO L’OPS DI INTESA SU UBI, PER CASO È LO STESSO SALVATORE BRAGANTINI CHE ERA AD DI CENTROBANCA, PRIMA CONTROLLATA E POI FUSA IN UBI NEL 2013? VUOI VEDERE CHE È LO STESSO BRAGANTINI CHE RICOPRIVA LA VICEPRESIDENZA DI IW BANK, ISTITUTO SOGGETTO ALL’ATTIVITÀ DI DIREZIONE DI UBI? CHISSÀ SE E’ SEMPRE LUI CHE, SOCIO DI ‘’PERMICRO’’, VENIVA SPONSORIZZATO DA UBI? - INFINE: TRA IL 2016 E IL 2017 È LUI IL VICEPRESIDENTE VICARIO DELLA FALLITA POPOLARE DI VICENZA DI ZONIN O MAGARI UN SUO OMONIMO?