PAGARE MENO, PAGARE TUTTI – NEL 2023 L’AGENZIA DELLE ENTRATE HA INCASSATO LA CIFRA RECORD DI 24,7 MILIARDI DI EURO GRAZIE ALL'ATTIVITÀ DI RECUPERO DELL'EVASIONE FISCALE, IN CRESCITA DEL 22% RISPETTO ALL'ANNO PRECEDENTE – 19,6 MILIARDI PROVENGONO DA ATTIVITÀ DI CONTROLLO ORDINARIE E 5,1 MILIARDI DALLA “TREGUA FISCALE” – IL DIRETTORE DELL’AGENZIA, ERNESTO MARIA RUFFINI: “LE MISURE DI DIGITALIZZAZIONE INTRODOTTE RENDONO PIÙ DIFFICILE METTERE IN ATTO COMPORTAMENTI EVASIVI”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Luca Monticelli per “la Stampa”

 

ERNESTO MARIA RUFFINI ERNESTO MARIA RUFFINI

«È una cifra record», dice il direttore dell'Agenzia delle entrate Ernesto Maria Ruffini illustrando i risultati del 2023, che segna maggiori risorse per 24,7 miliardi di euro grazie all'attività di recupero dell'evasione fiscale. Lo Stato ha incassato il 22% in più rispetto all'anno precedente, quando i proventi della lotta all'evasione avevano garantito 20,2 miliardi di euro.

 

Dei 24,7 miliardi recuperati, 19,6 provengono da attività di controllo ordinarie, così ripartiti: 11,6 miliardi da versamenti diretti, 4,2 miliardi dalla "compliance" e 3,8 da cartelle di pagamento. In aggiunta ci sono 5,1 miliardi legati alla tregua fiscale.

 

evasione fiscale 2 evasione fiscale 2

A parte il 2020 e il 2021, biennio su cui ha influito la crisi innescata dal Covid, è dal 2018 che l'Agenzia delle entrate registra introiti in costante aumento. Ruffini riferisce anche un nuovo dato sul tax gap, l'entità del gettito non riscosso a causa di frodi, evasione, elusione, mancati versamenti e omissioni: «È sceso dagli 89,5 miliardi di euro del 2016 ai 66,5 miliardi del 2021, 23 miliardi di euro in meno». […]

 

Tornando al bilancio 2023, se ai 24,7 miliardi si aggiungono i 6,7 miliardi recuperati per gli altri enti (dall'Inps ai Comuni) l'importo sale a 31 miliardi, più dell'ultima manovra del governo. Di tutti questi soldi, però, le risorse aggiuntive che il governo potrebbe usare come copertura sono i 4,2 miliardi di euro garantiti dalla "compliance" (il ravvedimento operoso), ovvero la quota di gettito considerata strutturale e pronta per essere inserita nel fondo per la riduzione delle tasse. Ma si tratta solo di un'ipotesi che andrà verificata leggendo i saldi nel Def di aprile.

 

evasione fiscale in italia - la stampa evasione fiscale in italia - la stampa

Ruffini sottolinea poi la crescita del gettito spontaneo: nel 2023 i cittadini hanno versato - tra imposte dirette, indirette, regionali e comunali - 536 miliardi, con un aumento di 26 miliardi rispetto al 2022 e di 110 sul 2019. «Il fatto che il gettito spontaneo aumenti anno dopo anno - continua il direttore dell'Agenzia - è particolarmente rilevante e deve essere letto parallelamente al progressivo calo del tax gap, registrato anche per effetto delle misure di digitalizzazione introdotte nel sistema fiscale, che rendono più difficile mettere in atto comportamenti evasivi».

 

Con la rottamazione quater, la definizione agevolata varata dall'esecutivo che consente ai contribuenti di sanare i debiti fiscali senza pagare sanzioni e interessi, lo Stato ha incassato 6,8 miliardi che corrispondono a più di 26 mila cartelle interessate e a oltre tre milioni di cittadini.

 

MAURIZIO LEO ERNESTO MARIA RUFFINI MAURIZIO LEO ERNESTO MARIA RUFFINI

Proprio la rottamazione quater è al centro di una serie di emendamenti al decreto Milleproroghe per riaprire i termini delle prime due rate scadute, dando la possibilità a chi aveva fatto domanda, e poi non ha versato, di mettersi in regola. «Sono state presentate delle proposte, le verificheremo e poi decideremo», spiega il vice ministro delle Finanze Maurizio Leo, che ribadisce «la mano tesa al contribuente: non ci sarà nessuna persecuzione, nessuna caccia alle streghe» nei confronti delle partite Iva che non aderiranno al concordato preventivo biennale. […]

ernesto maria ruffini foto di bacco ernesto maria ruffini foto di bacco evasione fiscale 2 evasione fiscale 2 agenzia delle entrate agenzia delle entrate giorgia meloni e il pizzo di stato - vignetta by emiliano carli giorgia meloni e il pizzo di stato - vignetta by emiliano carli

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…