PAGARE MONETA, VEDERE EMBARGO - ORBAN CONTINUA A TENERE BLOCCATO IL DIVIETO ALL’IMPORT DI PETROLIO RUSSO: “VOGLIAMO INFORMAZIONI SULLE MODALITÀ E I TEMPI DI FINANZIAMENTO” PER I PAESI SENZA SBOCCO SUL MARE - LA RISPOSTA DEL VICE PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, VALDIS DOMBROVSKIS: “È IMPORTANTE NON INDUGIARE PIÙ. IL PETROLIO È LA PRINCIPALE FONTE DI FINANZIAMENTO ALLA GUERRA, DOBBIAMO DECIDERE SENZA RITARDI”

-

Condividi questo articolo


viktor orban viktor orban

FT, ORBAN, SENZA FONDI NIENTE EMBARGO GREGGIO A VERTICE UE

(ANSA) - Il premier ungherese Viktor Orbán ha escluso di discutere l'embargo petrolifero della Russia proposto dall'Ue al vertice dei leader europei della prossima settimana, se prima non ci saranno informazioni sui finanziamenti per aiutare Budapest a liberarsi del petrolio russo. Lo rivela il Financial Times citando una lettera che Orban ha inviato al presidente del Consiglio Ue Charles Michel e di cui ha preso visione.

vladimir putin viktor orban 4 vladimir putin viktor orban 4

 

"Discutere il pacchetto di sanzioni a livello di leader in assenza di un consenso sarebbe controproducente", ha scritto Orbán nella lettera a Michel. "Evidenzierebbe solo le nostre divisioni interne senza offrire una possibilità realistica di risolvere le differenze. Pertanto, propongo di non affrontare questo problema al prossimo Consiglio europeo".

 

Secondo il quotidiano finanziario, Orban ha sottolineato poi che il piano RePower Eu della Commissione Ue presentato la scorsa settimana "non ha affrontato le preoccupazioni dell'Ungheria" visto che non prevede fondi per gli Stati membri senza sbocco sul mare.

 

Il primo ministro lettone Valdis Dombrovskis Il primo ministro lettone Valdis Dombrovskis

"Non ci sono indicazioni sulle modalità e sui tempi del finanziamento per le urgenti esigenze di investimento legate alla sostituzione del petrolio russo", ha scritto il premier ungherese sottolineando che le sanzioni causerebbero "gravi problemi di approvvigionamento" in Ungheria e minerebbero i suoi interessi strategici in materia di sicurezza energetica, provocando uno "choc sui prezzi" alle famiglie e all'economia del Paese.

 

UE, ORBAN? 'NON INDUGIARE PIÙ SU EMBARGO AL PETROLIO'

 (ANSA) - "Si è parlato dell'embargo al petrolio all'Ecofin, non è la Commissione che definisce l'odg del summit dei leader ma per noi è importante non indugiare più sul sesto pacchetto di sanzioni.

 

putin orban putin orban

Se si pensa all'embargo sul petrolio si consideri che prima della guerra il 62% dell'export della Russia verso l'Ue era composto da idrocarburi. Si tratta della principale fonte di finanziamento alla guerra ed è importante quindi decidere senza ritardi". Lo dichiara il vice presidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis rispondendo ad una domanda sulla lettera di Viktor Orban al presidente del Consiglio Ue, Charles Michel.

 

Condividi questo articolo

business

CHE SUCCEDE CON L’INGRESSO DI ROCCO BASILICO IN DELFIN? – IL FIGLIASTRO DI DEL VECCHIO AVRÀ IL 12,5% DELLA HOLDING DEL PAPERONE DI AGORDO: COME I SEI FIGLI DEL FONDATORE DI LUXOTTICA (E SUA MOGLIE NICOLETTA ZAMPILLO) – GLI OTTO EREDI LITIGHERANNO SULLE STRATEGIE DI GESTIONE DELLE MOLTE PARTECIPAZIONI? SÌ, MA POTRANNO FARE POCO: LA REGOLA DELL’88% DEI VOTI IMPONE L’UNANIMITÀ PER OGNI DECISIONE IMPORTANTE. CON IL RISCHIO, EVIDENTE, CHE LA SOCIETÀ RIMANGA INGESSATA DAI VETI

POI UNO SI CHIEDE PERCHÉ GLI ITALIANI EMIGRANO: DOPO I NO-VAX, ORA ARRIVANO I NO-POS! – DA IERI I COMMERCIANTI CHE NON PERMETTONO AI CLIENTI DI PAGARE CON LA CARTA POTRANNO BECCARSI UNA MULTA, MA LORO SE NE FREGANO BELLAMENTE. LA SCUSA È SEMPRE LA STESSA: LE COMMISSIONI TROPPO ALTE, SOPRATTUTTO PER I MICRO-PAGAMENTI. MA È DAVVERO COSÌ OPPURE VOGLIONO SOLO CONTINUARE A EVADERE? COMUNQUE, IN MOLTI HANNO GIÀ TROVATO UN TRUCCHETTO PER AGGIRARE EVENTUALI CONTROLLI: BASTA DIRE CHE IL POS NON FUNZIONA…

L’INFLAZIONE AUMENTA, IL PORTAFOGLIO SI RESTRINGE – I SALARI RESTANO FERMI MENTRE I PREZZI SCHIZZANO IN ALTO: NEL PRIMO SEMESTRE DEL 2022 UNA FAMIGLIA TIPO È ARRIVATA A PERDERE 2400 EURO DI POTERE D’ACQUISTO. LA SOLUZIONE? PRODOTTI DI BASSA QUALITÀ E/O RIDUZIONE DEI CONSUMI – COTTARELLI TWEET: “NEL 92 IL GOVERNO PRELEVÒ LO 0,6% DEI DEPOSITI, UNA PATRIMONIALE. ANCORA CE LO RICORDIAMO. OGGI, CON TASSI ZERO DEI DEPOSITI, L’INFLAZIONE ALL’8% SIGNIFICA UNA PATRIMONIALE DELL’8%. E NESSUNO SI LAMENTA. MISTERO!”