IN PANCIA ALLE BANCHE ITALIANE CI SONO 18,05 MILIARDI DI “ADDITIONAL TIER 1”: INTESA SANPAOLO NE HA PER 9,94 MILIARDI, UNICREDIT PER 6,41 MILIARDI, BANCO BPM PER 1,4 MILIARDI E FINECOBANK PER 300 MILIONI - GLI AT1 SONO BOND SUBORDINATI AD ALTO RISCHIO (I PRIMI CHIAMATI A COPRIRE LE EVENTUALI PERDITE NEI CONTI DEGLI ISTITUTI) CHE NON HANNO FORMALE SCADENZA MA SONO RIMBORSABILI, ALLA PARI, A CERTE SCADENZE TEMPORALI - QUALCHE VOLTA UNA FINESTRA DI RIMBORSO VIENE “CHIUSA” DA UN ISTITUTO PER LE AVVERSE CONDIZIONI DI MERCATO E IN QUEL CASO IL RENDIMENTO SALE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Greco per “la Repubblica”

 

UNICREDIT INTESA SANPAOLO UNICREDIT INTESA SANPAOLO

Circa il 7% dei 250 miliardi di euro di bond subordinati di tipo «At1» in circolazione in Europa è targato Italia. Ammontano infatti a 18,05 miliardi gli Additional tier 1 nostrani, e sono stati emessi, con un crescendo iniziato nove anni fa, da quattro tra le principali banche italiane.

 

[…] Intesa Sanpaolo ne ha per 9,94 miliardi, Unicredit per 6,41 miliardi, Banco Bpm per 1,4 miliardi e Finecobank per 300 milioni. Non c’è niente di strano: la normativa continentale prevede che a fianco del capitale azionario ci siano obbligazioni a più alto grado di rischio, chiamate per prime a coprire le perdite che eventualmente emergano nei conti degli istituti; non a caso sono chiamati "quasi equity", strumenti assimilabili al capitale e solo per investitori professionali.

BPM BPM

 

Solo che da una settimana i bond At1 ballano che è un piacere sui listini, per via del fatto che le autorità svizzere hanno deciso di azzerare tutti i 17 miliardi di At1 emessi da Credit Suisse prima di affidarla alla rivale Ubs, salvaguardando invece, almeno in parte, gli azionisti del gruppo in crisi.

 

Una mossa inattesa dagli investitori, dato che sovverte le gerarchie degli strumenti finanziari europei: la direttiva sulle risoluzioni bancarie Brrd (quella del famigerato "bail in" per limitare i salvataggi pubblici di banche in crisi) vede infatti al primo posto le azioni, tra chi si deve sobbarcare le perdite bancarie: e solo se questo non basta si erode il valore degli At1, poi dei bond Tier2 (o At2), poi degli altri titoli subordinati e solo alla fine si toccano i depositi dei clienti, tutelando quelli sotto i 100 mila euro.

Finecobank Finecobank

 

Dopo un avvio di settimana con perdite pesanti, gli indici di questi strumenti hanno in parte recuperato, ma siamo sotto di un 10-15% rispetto a prima della crisi. Mentre i rendimenti stanno salendo, ormai, oltre le due cifre percentuali: tanto che diverse banche emittenti si chiedono se sia o meno il caso, in questa fase, di "richiamare" i titoli At1 in circolazione.

 

Una delle caratteristiche degli At1 è, infatti, la presenza di un’opzione "callable", per cui non hanno formale scadenza ma sono rimborsabili, alla pari, a certe scadenze temporali.

In genere le opzioni sono sempre rispettate, perché l’investitore non ama le sorprese.

 

Qualche volta, come nel caso del Santander del febbraio 2019 una finestra di rimborso viene chiusa dall’emittente, per le avverse condizioni di mercato. In genere i sottoscrittori non la prendono bene, il prezzo scende e il rendimento sale […] In genere questi rimborsi sono accolti con favore, come sinonimo di solidità […]

Santander Santander

 

[…] Unicredit dovrà pensare bene a quel che sia meglio fare quando, il 3 giugno, scadrà l’opzione per richiamare un suo bond At1 da 1,25 miliardi, con tasso 6,63% che, in caso di mancato richiamo, salirebbe quasi al 9%. […] Gli altri callable di banche italiane hanno finestre nel 2024 (quattro, uno a testa per gli emittenti citati sopra a partire da Intesa Sanpaolo in maggio), mentre altri otto hanno l’opzione nel 2025. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA HA DISSOTTERRATO IL MANGANELLO: DA DRAGHETTA È TORNATA DUCETTA! - SENTENDOSI ACCERCHIATA DAI POTERI “STORTI”, L’ALA DURA DI FRATELLI D’ITALIA HA CALZATO L’ELMETTO PER ANDARE ALLO SCONTRO FRONTALE CON IL “DEEP STATE” ITALIANO E L'EURO-BUROCRAZIA CHE OSANO INTERFERIRE E OSTACOLARE L'AZIONE DI GOVERNO (SCONFITTO MANTOVANO CHE SPINGEVA PER IL DIALOGO) – ALLEATASI CON BERLUSCONI, A GIORGIA RIMANE  UNA SPINA NEL FIANCO, SALVINI. ORA VUOLE SPINGERLO A DESTRA SERRANDO LA PORTA DEL GRUPPO DEI CONSERVATORI EUROPEI DI CUI E' PRESIDENTE - SE E' SCESO IL GELO CON  MATTARELLA, GIORGIA-RAMBO HA ANCHE SMESSO DI CONFRONTARSI PERIODICAMENTE CON MARIO DRAGHI, IL QUALE, IN PRIVATO, PONE LA LAPIDE SU MELONI: ''IL PNRR È MORTO. NON SI FA''

DAGOREPORT! TIRA ARIA DI RIVOLUZIONE A MEDIASET – PIERSILVIO STA PENSANDO DI VINCOLARE I RICCHISSIMI CONTRATTI DELLE STAR ALLO SHARE - NUOVO DIRETTORE AL TG5 COL TRASLOCO A MILANOL’AVVICENDAMENTO A “STASERA ITALIA” TRA PALOMBELLI E PORRO, MOLTO STIMATO DA GIORGIA MELONI, VEDE SCONFITTA VERONICA GENTILI, IN QUOTA MAURO CRIPPA – TRABALLANO BARBARA D’URSO E MARIO GIORDANO (TROPPO TRASH) – NEL MIRINO ANCHE ILARY BLASI CHE POTREBBE SALVARSI GRAZIE ALLA FORTE AMICIZIA CON "PIERSILVIA" TOFFANIN - PORRO VS D'URSO...

FLASH! - QUALCHE ANIMA PIA AVVISI GIORGIA MELONI CHE IERI SERA ALL'OSTERIA TRASTEVERINA LA GENSOLA SI SONO ATTOVAGLIATI IL VICE PREMIER E MINISTRO MATTEO SALVINI COL SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO, ALFREDO MANTOVANO - CHISSA' SE, COME PIATTO FORTE DI CONVERSAZIONE, HANNO SCELTO L'ASSALTO DEL GOVERNO ALLA CORTE DEI CONTI, CHE HA VISTO L'EX MAGISTRATO MANTOVANO, FINO A IERI "MENTE" POLITICA DELLA MELONI, USCIRE SCONFITTO DALLO SCONTRO CON L'ALA DURA E PURA DI FRATELLI DI GIORGIA (FAZZOLARI, FOTI, DONZELLI...)

"BANALIS", FREGNACCIA SARA’ LEI! - COME DAGO-RIVELATO IL 12 APRILE, PAOLO BONOLIS E SONIA BRUGANELLI ANNUNCIANO LA SEPARAZIONE. AL NOSTRO SCOOP I DUE SMENTIRONO CON TONI COATTI: “SITO DE FREGNACCE”, “FATEVI I CAZZI VOSTRI”. EPPURE, DOPO NEANCHE DUE MESI SONO COSTRETTI A CALARE LE BRAGHE E A LAVARLE IN PUBBLICO CON UN’INTERVISTA LECCATA E LACCATA A “VANITY FAIR” - COME GIA’ AVVENNE PER TOTTI E ILARY BLASI, ANCHE LORO “TANATI” DA DAGOSPIA NELLA CRISI CONIUGALE E ALTRETTANTO POLLI NEL TENTARE DI NEGARE L’EVIDENZA, ANCHE IN QUESTO CASO LA SMENTITA SI RITORCE CONTRO CHI LA FA - MORALE DELLA FAVA: DAGOSPIA AVEVA RAGIONE, LORO TORTO. A CHI TOCCA, NUN SE ‘NGRUGNA!