LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

-

Condividi questo articolo


Leonard Berberi per www.corriere.it

 

ita airways ita airways

Un profilo da partner industriale per Delta Air Lines nella privatizzazione di Ita Airways, maggiore focus sul continente americano e l’Africa, un ruolo di hub verso il sud del mondo per Fiumicino. Nel mese clou proseguono le trattative tra il Tesoro e Certares, il fondo Usa che vuole comprare il 50% più un’azione della compagnia tricolore.

 

Un dossier che «sarà personalmente attenzionato da Giorgia Meloni», conferma Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia. Gli advisor di Certares, Ita, Mef si stanno confrontando per decidere i temi da approfondire nelle prossime «expert session». La settimana prossima — forse l’11 ottobre — il fondo Usa dovrebbe incontrare i sindacati italiani, quindi l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) e l’Autorità per i trasporti.

ita airways 9 ita airways 9

 

Più passano i giorni più prendono forma le linee guida del piano industriale della cordata capeggiata da Certares. Non si esclude l’ingresso di Delta in Ita con un investimento di 80-100 milioni di euro per il 10-15% dell’aviolinea, spiegano al Corriere fonti vicine al dossier. Resta da vedere se questo farà ottenere anche un posto nel Cda nel board della nuova Ita.

 

ita airways 8 ita airways 8

Sul piano industriale se la base di partenza resta quella messa a punto dai vertici della compagnia tricolore l’attenzione di Certares (e di Delta) è sui mercati redditizi di Ita: non solo il Nord America, ma anche l’America Latina dove la diaspora italiana e l’emigrazione sudamericana sono una base di clienti importante. Attenzione anche all’Africa dove alcune destinazioni consentirebbero di effettuare voli profittevoli in tempi rapidi, senza aspettare i 2-3 anni che di solito servono come «rodaggio».

ita airways 7 ita airways 7

 

Il focus sulla parte sud del mondo rende Roma Fiumicino lo snodo centrale per i collegamenti con l’America Latina e l’Africa. Un ragionamento che i vertici del fondo Usa hanno condiviso con i capi di Aeroporti di Roma, la società che gestisce gli scali capitolini. C’è, poi, tutto il tema dei costi. L’intenzione di Certares e Delta, una volta entrati in Ita, è di rinegoziare i contratti per maggiori risparmi. A partire dal carburante. Stando a quanto si apprende Ita ha speso 370 milioni di euro per il cherosene nei primi otto mesi del 2022, 140 milioni più di quanto preventivato (+62%). Il ritorno ai profitti per Ita targata Certares-Delta passerà anche da qui.

ita airways 6 ita airways 6 ita airways 5 ita airways 5

 

Condividi questo articolo

business

VODAFONE CHIAMA ITALIA – NICK READ, AMMINISTRATORE DELEGATO DEL COLOSSO DELLA TELEFONIA BRITANNICO, SI È DIMESSO LASCIANDO LE SUE DELEGHE A MARGHERITA DELLA VALLE. 57 ANNI, ATTUALE CFO DEL GRUPPO, DELLA VALLE PER ANNI È STATA BRACCIO DESTRO DI VITTORIO COLAO – BOCCONIANA, LAVORA IN VODAFONE DAL 1994, QUANDO FU TRA LE PRIME 25 PERSONE ASSUNTE DA OMNITEL. DOVRÀ SISTEMARE I CONTI DEL GRUPPO E TROVARE UN ACCORDO CON XAVIER NIEL, IL PATRON DI ILIAD CHE IN PRIMAVERA AVEVA PROVATO A RILEVARE LE ATTIVITÀ ITALIANE DI VODAFONE

CARI COMMERCIANTI, METTETE IL POS E SMETTETE DI ROMPERE I COGLIONI! – LA STORIELLA DEI COSTI DI COMMISSIONE TROPPO ALTI È VERA FINO A UN CERTO PUNTO: SUL MERCATO SI TROVANO DISPOSITIVI CHE COSTANO 30 EURO E ANCHE MENO E MOLTE BANCHE APPLICANO CONDIZIONI CHE ANNULLANO I PRELIEVI SUGLI ACQUISTI PIÙ BASSI. SENZA CONSIDERARE SATISPAY, LA APP ITALIANA CHE AZZERA DI DEFAULT TUTTE I COSTI DI SERVIZIO FINO A 10 EURO, E OLTRE QUESTA SOGLIA, INDIPENDENTEMENTE DALL’IMPORTO, HA UNA COMMISSIONE FISSA DI 20 CENTESIMI…

ULTIMA CHIAMATA PER TIM – GIORGIA MELONI RINVIA IL TAVOLO PERVISTO PER OGGI PER TROVARE UNA QUADRA SULLA RETE PUBBLICA: DOPO AVER STRACCIATO IL MEMORANDUM DI MAGGIO TRA CDP E OPEN FIBER, LE IPOTESI FIOCCANO, SEMPRE TENENDO APERTO UN CANALE CON BRUXELLES. SCARTATA L’OPA TOTALITARIA SU TUTTA TIM (DI CUI ERA UN GRANDE FAUTORE IL SOTTOSEGRETARIO BUTTI, CON IL SUO “PIANO MINERVA”), ORA SI PENSA A UN’OFFERTA PARZIALE CHE PORTI ALLO SPIN-OFF PROPORZIONALE DELLA RETE, CON GLI STESSI AZIONISTI. A LANCIARLA DOVRÀ ESSERE UN SOGGETTO PUBBLICO…