LA PASSIONE DEI TEDESCHI PER IL RICICLAGGIO – ALT! SECONDO IL “NEW YORK TIMES” LE AUTORITÀ FEDERALI DEGLI STATI UNITI HANNO AVVIATO UN’INCHIESTA SU DEUTSCHE BANK, PER IL MANCATO RISPETTO DELLE NORME ANTI-RICICLAGGIO – LE SEGNALAZIONI DI ATTIVITÀ SOSPETTE PREPARATE DAI DIPENDENTI SU ALCUNE “TRANSAZIONI PROBLEMATICHE”, COMPRESE QUELLE LEGATE A JARED KUSHNER, GENERO E CONSIGLIERE DI TRUMP

-

Condividi questo articolo

 

donald trump deutsche bank 3 donald trump deutsche bank 3

 

(Reuters) - Le autorità federali degli Stati Uniti hanno avviato un’inchiesta per verificare che Deutsche Bank abbia rispettato le norme anti-riciclaggio. Lo scrive il New York Times, citando sette persone a conoscenza dell’inchiesta.

donald trump jared kushner donald trump jared kushner

 

L’indagine include anche un esame della gestione da parte della banca tedesca di segnalazioni su attività sospette preparate dai suoi dipendenti in merito a transazioni problematiche, alcune delle quali legate al genero del presidente Usa Donald Trump e suo principale consigliere, Jared Kushner, secondo il quotidiano. Il titolo alla borsa di Francoforte cede 0,5%.

deutsche bank 4 deutsche bank 4 ivanka trump e jared kushner ivanka trump e jared kushner donald trump deutsche bank 4 donald trump deutsche bank 4 ivanka trump e il marito jared kushner ivanka trump e il marito jared kushner ivanka trump e jared kushner ai funerali john mccain ivanka trump e jared kushner ai funerali john mccain jared kushner e ivanka trump a roma jared kushner e ivanka trump a roma donald trump con jared kushner e mark fields sergio marchionne donald trump con jared kushner e mark fields sergio marchionne donald trump deutsche bank 2 donald trump deutsche bank 2 donald trump deutsche bank 1 donald trump deutsche bank 1 deutsche bank 2 deutsche bank 2 deutsche bank 3 deutsche bank 3 deutsche bank 1 deutsche bank 1 deutsche bank 5 deutsche bank 5

 

Condividi questo articolo

business

COME FINIRÀ LA GUERRA INTESA-UBI – DOPO LA SCONTATA BOCCIATURA DELL’ISTITUTO BRESCIANO-BERGAMASCO (L'OFFERTA ‘’NON È CONCORDATA’’ E ’’NON È CONVENIENTE”) E L’ALTRETTANTO SCONTATA REPLICA DI INTESA (“LA PAROLA VA AGLI AZIONISTI”), VEDRETE CHE NEGLI ULTIMI GIORNI DELL’OPS, CON UN RILANCIO A SUON DI BIGLIETTONI, MESSINA SI PORTERÀ A CASA UBI – DOPODICHE’, AVVISATE SERGIO EREDE E URBANO CAIRO, CHE NEL MIRINO DI MESSINA E NAGEL C’E’ IL ''CORRIERE DELLA SERA''...

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"