IL PATRIMONIO ALL’ESTERO DEGLI AGNELLI? UN “SEGRETO DI PULCINELLA”: PAROLA DEGLI AVVOCATI DI JOHN ELKANN. NELLA CAUSA CIVILE AVVIATA NEL 2022, FURONO I LEGALI DELLA FAMIGLIA AD AMMETTERE L’ESISTENZA DI UN PATRIMONIO “NON DICHIARATO AL FISCO” NEI PARADISI FISCALI – MARGHERITA, FIGLIA DI MARELLA E MADRE DI YAKI, SOSTIENE CHE IN QUELLE CASSEFORTI SIA STATA “NASCOSTA” UNA PARTE DEL PATRIMONIO A CUI ANCHE LEI AVEVA DIRITTO – DELLE 16 SOCIETÀ OFFSHORE ORIGINARIE (ALCUNE DA UN MILIARDO), QUANTE SONO RIMASTE? E QUANTI SOLDI CONTENGONO?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Ettore Boffano per “il Fatto quotidiano”

 

JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI

Un patrimonio estero mai quantificato: forse, “l’altro” (e vero?) patrimonio di Gianni Agnelli. Da aggiungere, a detta di sua figlia Margherita, a quello dichiarato in Italia e che sarebbe stato sottratto ai suoi diritti: attribuendolo a lungo alla madre Marella e tenendolo al sicuro in società offshore.

 

Potrebbe diventare questa la pista più inaspettata, capace di svilupparsi dall’inchiesta aperta dalla Procura di Torino per reati fiscali e che vede indagati il presidente di Stellantis e ad di Exor, John Elkann, oltre al commercialista della famiglia, Gianluca Ferrero e al notaio svizzero, Urs von Grunigen.

 

gianni agnelli al matrimoni della figlia margherita con alain elkann gianni agnelli al matrimoni della figlia margherita con alain elkann

In attesa di vedere che cosa troveranno i pm […], le notizie più concrete su quei presunti paradisi fiscali arrivano proprio dalla causa civile avviata il 6 ottobre 2022 a Torino sull’eredità di Marella Caracciolo Agnelli, vedova dell’Avvocato, che contrappone Margherita ai figli John, Lapo e Ginevra Elkann […]

 

NELLE MEMORIE di quel dibattimento, sono per paradosso gli stessi avvocati dei fratelli Elkann, Luca Re ed Eugenio Barcellona, a riconoscere l’esisten za di un patrimonio estero di Agnelli. Ma che cosa hanno scritto i due legali? Un passaggio volutamente sarcastico, per sminuire le tesi di Margherita: l’esistenza del patrimonio estero sarebbe dunque un “segreto di Pulcinella” e non una “scoperta straordinaria”. Un patrimonio, aggiungono, “che non era stato dichiarato al fisco italiano”: “Quali fossero le ragioni di questa mancata dichiarazione... non è affatto rilevante in questa sede”.

 

margherita agnelli margherita agnelli

Che cosa hanno scoperto, invece, gli investigatori privati di Margherita? Sedici società offshore, tutte nelle Isole Vergini Britanniche e con relativi conti in Svizzera presso la Morgan Stanley Ag di Zurigo. Alcune cessate da tempo, molte costituite con Gianni Agnelli ancora in vita, altre create subito dopo la morte e, infine, in buona parte riconducibili a Marella Caracciolo.

 

Per dodici di esse è stato possibile raccogliere solo i dati sull’anno di costituzione (tutte nel 1998) e le denominazioni. Perlopiù in lingua inglese o spagnola e dichiarate come riconducibili a “members of Agnelli family”. Molto più dettagliate, al contrario, le informazioni sulle altre cinque: riferibili ogni volta a Marella Caracciolo e, in un caso, con un patrimonio che sfiora il miliardo di dollari.

 

LA LETTERA DI MONACO CHE INCORONA JOHN ELKANN COME EREDE DI GIANNI AGNELLI LA LETTERA DI MONACO CHE INCORONA JOHN ELKANN COME EREDE DI GIANNI AGNELLI

Ecco dunque la Budeena Consulting Inc., costituita il 12 luglio 2004, con beneficiaria la vedova dell’Avvocato che avrebbe ricevuto “questi beni derivanti da patrimoni degli Agnelli”. È stata anche ricostruita una “cassa” di almeno 900 milioni di dollari.

 

Tocca poi alla Layton S.A.B.V.I., il cui conto di riferimento svizzero era stato chiuso nel 2003. In due comunicazioni postume, nel 2006, Marella era indicata come beneficiaria.

Centrale, in questa ricostruzione, è poi la Silkestone Invest Corporation B.V.: attivata il 4 gennaio 2000, con conto sempre a Zurigo. Una comunicazione del 15 marzo 2007 confermava che la beneficiaria era la madre di Margherita.

 

john elkann - exor john elkann - exor

Fu dal conto svizzero di Silkestone che vennero trasferiti alla figlia, dopo l’accordo “transattivo” del 2004 sull’eredità del padre, 109 milioni di euro come parte della sua liquidazione.

 

LA FIGLIA del “Signor Fiat” chiese chi avesse ordinato quel pagamento, ma la risposta fu lapidaria: “Il titolare del conto ci consiglia di non rispondere a questa domanda”. Strategica è anche la Fima Finance Management Inc., domiciliata presso la Dragon Consulting Ag (cessata nel 2017).

 

JOHN, LAPO, ALAIN E GINEVRA ELKANN JOHN, LAPO, ALAIN E GINEVRA ELKANN

Quando i legali dell ’epoca di Margherita chiesero il 13 luglio 2007 a Morgan Stanley Zurigo se esistessero conti riferibili all’Avvocato, scattò uno strano cortocircuito: sette giorni dopo, la banca replicò dicendo che “Giovanni Agnelli è sconosciuto a questo istituto”.

 

L’8 novembre successivo, invece, la stessa banca, interrogata su Fima, affermava che “beneficiario” era stato proprio l’Avvocato. In realtà, nel 2004 e prima degli accordi ereditari tra madre e figlia, quel ruolo in Fima era già passato a Marella Caracciolo. Una galassia offshore, dunque: ma quanto denaro ha “conservato” o ancora “conserva”?

andrea agnelli john elkann andrea agnelli john elkann MARGHERITA AGNELLI MARGHERITA AGNELLI LE DISPOSIZIONI SULLE CASE DI GIANNI AGNELLI LE DISPOSIZIONI SULLE CASE DI GIANNI AGNELLI john, alain e ginevra elkann visitano lapo in ospedale john, alain e ginevra elkann visitano lapo in ospedale margherita agnelli gianni agnelli margherita agnelli gianni agnelli IL TESTAMENTO DI MARELLA CARACCIOLO CON LE INTEGRAZIONI E LE FIRME IL TESTAMENTO DI MARELLA CARACCIOLO CON LE INTEGRAZIONI E LE FIRME john elkann - exor john elkann - exor margherita agnelli e gianni agnelli 1 margherita agnelli e gianni agnelli 1 JOHN ELKANN JOHN ELKANN margherita agnelli e gianni agnelli margherita agnelli e gianni agnelli

 

LE DISPOSIZIONI SULLE CASE DI GIANNI AGNELLI LE DISPOSIZIONI SULLE CASE DI GIANNI AGNELLI JOHN ELKANN A SAINT MORITZ JOHN ELKANN A SAINT MORITZ

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...